Blitz nel capannone a Montemurlo: arresti, denunce e sequestri

Ennesimo blitz delle forze dell’ordine in un’azienda gestita da cittadini orientali. Ancora una volta, i controlli hanno evidenziato una situazione di diffusa irregolarità. Alla fine, il bilancio parla di dodici cinesi identificati, due dei quali arrestati perchè già colpiti da provvedimento di espulsione, e 31 macchinari tessili sequestrati. Il controllo da parte dei carabinieri di Montemurlo ha interessato i locali di un’azienda di via Napoli,  gestita da un imprenditore cinese. L’uomo, 35 anni, è stato denunciato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per violazioni edilizie all’interno dell’edificio adibito ad azienda.

I commenti sono chiusi.