Vernio, accordo con CariPrato per sbloccare e velocizzare i pagamenti ai fornitori

soldiIl Comune di Vernio ha sottoscritto con il proprio tesoriere, la CariPrato Cassa di Risparmio di Prato Spa, un accordo che permetterà di risolvere un problema serio posto agli enti locali dal rispetto delle regole del patto di stabilità interno. Consentirà cioè di anticipare somme spettanti alle imprese che hanno fornito beni e servizi  all’Amministrazione Comunale, e  risultano quindi loro creditrici, ad un tasso molto vantaggioso. Alla firma, che si è svolta nel Palazzo Comunale di Vernio, erano presenti il sindaco Paolo Cecconi e il Direttore Commerciale della CariPrato Marco Nichele.  Vernio in questo modo è il primo comune della Provincia di Prato ad utilizzare una soluzione che, secondo le intenzioni, permetterà di superare le restrizioni del patto di stabilità che impedisce alle amministrazioni pubbliche di spendere anche i soldi già disponibili nelle proprie casse per realizzare opere pubbliche. A causa di questi vincoli voluti dal Governo si sono generate situazioni con ritardi dei pagamenti alle imprese e quindi una generale stagnazione delle opere anche già progettate. Tutto questo poi in un contesto aggravato dalla crisi economica. Una soluzione per far superare ai comuni gli effetti negativi del patto di stabilità che si scaricano sulle imprese ed associazioni che hanno rapporti di natura economica con il Comune. Con questo accordo invece si risolve il problema perché sarà la Cassa di Risparmio di Prato, che da anni lavora già come Tesoreria del Comune di Vernio, ad anticipare i crediti alle imprese ed ad un tasso euribor tre mesi maggiorato di 1,5 p.p., oggi equivalente al 3% annuo, che rappresenta un tasso molto agevolato. Le imprese possono richiedere alla Banca, qualora ne sussistano i requisiti previa istruttoria, i pagamenti per i lavori eseguiti o i crediti a vario titolo vantati. Il Comune da parte sua si impegna a effettuare i pagamenti nel più breve tempo possibile e comunque non oltre 12 mesi dalla data della determina di liquidazione; ed ad informare i propri creditori di questa opportunità. Per attivare il prestito poi è sufficiente il rilascio da parte dell’Amministrazione alla banca di una attestazione in cui si dichiara la sussistenza ed esigibilità del credito con la delega al pagamento tramite la CariPrato.

I commenti sono chiusi.