Cenni porterà al Tavolo di distretto proposte per i disoccupati e i cassintegrati

cenni-robertoLa situazione difficile della città non può permettersi di aspettare i tempi lunghi della politica e degli adempimenti amministrativi. Così siia il neo sindaco Roberto Cenni, sia il nuovo presidente della Provincia Lamberto Gestri stanno già muovendo le prime pedine a partire dalla convocazione immediata del tavolo del distretto e di quello sulla sicurezza in prefettura
Quest’ultimo è già fissato per la prossima settimana, per fare il punto sulla situazione e sulle azioni da intraprendere. Nell’occasione sarà messa a punto anche la richiesta per avere i militari a Prato.  Roberto Cenni, in occasione dell’assemblea convocata dalla Cna, ha avanzato alcuni progetti che potrebbero essere portati al tavolo del distretto. L’intento del primo cittadino è quello di rendere il tavolo un laboratorio di programmi per il sostegno e il rilancio del distretto, che siano in grado di aggiudicarsi finanziamenti regionali, statali ed eventualmente europei. Questo mentre le questioni strettamente collegate al sistema produttivo sono state inserite adl Governo nel Tavolo della moda, di respiro nazionale. Tra i progetti di Cenni l’idea di creare delle cooperative per disoccupati fino a cassintegrati che potrebbero lavorare i tanti terreni incolti del territorio. Grazie ai finanziamenti, il Comune potrebbe prendere in affitto questi appezzamenti e il ricavato andrebbe per metà ai lavoratori e per metà a enti che si occupano di solidarietà, come la mensa dei poveri. Un’altra idea di Cenni è quella di aiutare coloro che avviano un’attività, fornendo loro i capannoni sfitti e vuoti che ci sono a Prato, dotandoli delle attrezzature di base necessarie, e sostenendoli nelle spese per il primo anno. Idee che potrebbero approdare al tavolo del distretto per diventare progetti completi da presentare per ottenere finanziamenti. No poi al progetto sull’ex Banci, in mancanza di un serio progetto di contenuto dietro, che al momento il sindaco non vede. Trattative in corso anche con le banche per trovare un sistema di sostegno alle imprese, molte delle quali altrimenti non passeranno neanche le ferie. Lamberto Gestri, neopresidente della Provincia, provvederà ad un riassetto della struttura interna per definire meglio le competenze interne. Porterà avanti le azioni di sostegno al lavoro annunciate in campagna elettorale, come i contributi a fondo perduto a chi assume personale, ma ritiene necessario anche che il Comune e la Provincia definiscano se ci sono e quali sono i punti in comuni su cui i due enti intendono lavorare.

Tennis, gli over55 del Tc Prato a un passo dal titolo italiano

over-55-tc-prato-2009Due vittorie con Tc Napoli e Sc 2001 Vittorio Veneto e domani (domenica 28 giugno) la sfida decisiva con la Canottieri Roma per far ritornare a Prato lo scudetto italiano. Così dopo lo scudetto toscano la formazione Over 55 del Tc Prato (Massimo Bardazzi, Vittorio Costella, Stefano Francini, Gabriele Martelli, Aldo Marchi, Maurizio Pavia) punta a vincere il titolo italiano. L’avversaria odierna sarà la Canottieri Roma che può schierare giocatori del calibro di Aracri, Orecchio, Roversi e l’ex Davis men Tonino Zugarelli in doppio. Ma essere all’ultima giornata e potersi giocare il tricolore è già un grande successo visto che contro il Tc Napoli la squadra pratese si è ritrovata sotto dopo la sconfitta di Stefano Francini con Sbrescia per 3-6 7-6 7-6 dopo tre ore e mezzo di gioco e dopo aver perso il primo set 6-4 Vittorio Costella (Tc Prato) è riuscito a recuperare contro il napoletano Lauro che al terzo set si è infortunato dando il punto di pareggio ai pratesi. Infine è stato il doppio composto da Aldo Marchi e Stefano Francini a dare le speranze di continuare a sognare vincendo contro Sbrescia e Chiaiese per 7-6 6-2. Oggi (sabato 27 giugno) facile affermazione con lo Sc 2001 Vittorio Veneto di Stefano Francini e Vittorio Costella, che è senz’altro la squadra più debole, e domani (domenica 28 giugno) la sfida decisiva.

Maxi multa a ortolano cinese abusivo. Sequestrati anche tre negozi di parrucchiera

ortolano-verduraRoberto Cenni, neo sindaco di Prato, aveva detto che la sua prima delibera sarebbe stata per porre un freno all’abusivismo commerciale in via Pistoiese. Senza attendere la delibera sono già iniziati i controlli della polizia municipale nella Chinatown pratese. Con i primi frutti. A farne le spese è stato un cinese, sorpreso a vendere abusivamente frutta e ortaggi caricati su un tre ruote. E’ stato sanzionato e dovrà pagare una multa di 5mila euro per vendita abusiva su area aperta al pubblico; 40 le cassette piene di prodotti dell’orto che sono state sequestrate. Multe da 500 euro ciascuna, inoltre, in tre negozi di parrucchiera gestiti da cinesi, tutti e tre abusivi. I vigili urbani hanno sequestrato i locali e le attrezzature. Una curiosità: un tratto di via Pistoiese da tempo occupato da un mercatino ambulante improvvisato è stato recentemente riservato al parcheggio di automobili, ma questo non ha scoraggiato i cinesi che si sono spostati in un’area privata aperta al pubblico poco distante.

Immobile abbandonato trasformato in rifugio per sbandati e senzatetto, la polizia ci trova due clandestini

volante-polizia2Un fabbricato in stato di abbandono in via Gori era stato trasformato in un riparo di fortuna per extracomunitari, sbandati e senzatetto. Lo hanno scoperto gli uomini delle Volanti che nel tardo pomeriggio di ieri hanno fatto una verifica, in seguito a specifiche segnalazioni arrivate da chi abita nella zona e aveva notato il continuo via vai di persone dall’edificio. In effetti i poliziotti, durante il sopralluogo hanno trovato due maghrebini che si erano installati abusivamente nei locali. Si tratat di un algerino di 44 anni e di un marocchino di 45 anni, entrambi clandestini e con numerosi precedenti penali alle spalle. I due sono quindi stati portati in Questura, mentre veniva rintracciato il legale rappresentante della società proprietaria dell’immobile. In seguito alla denuncia presentata da quest’ultimo, gli agenti hanno poi deferito in stato di libertà i due nordafricani per il reato di invasione di terreni o edifici. Nello stesso tempo i due sono stati affidati all’Ufficio immigrazione per accertare definitivamente la loro posizione giuridica e valutare se ci sono gli estremi per l’espulsione.

Sorelle di 16 e 17 anni nei guai per un telefonino rubato, ragazzino di 15 anni sorpreso a rubare una bici

carabinieri-radiomobileCi sono anche due sorelle pratesi di 16 e 17 anni tra le persone finite nella rete dei controlli dei carabinieri della Compagnia di Prato che, nell’intera giornata di venerdì, hanno passato al setaccio il territorio, sotto la guida del capitano Alfieri. Le due ragazzine sono state trovate con un cellulare risultato rubato e pertanto sono state denunciate per ricettazione. Nei guai è finito anche un altro minorenne, un marocchino di 15 anni sorpreso dal proprietario mentre gli stava rubando la bicicletta in una via del centro storico. Il proprietario, un 26enne, ha visto il ragazzino mentre rompeva il sistema di bloccaggio delle ruote e ha dato l’allarme, facendo intervenire un’auto del Radiomobile che era già in zona. Il ragazzino è stato quindi denunciato e poi affidato ai genitori. Denunciato anche un marocchino di 28 anni clandestino che, in piazza Nenni, aveva tentato di borseggiare una 18enne cinese. La ragazza, però, se ne è accorta e ha reagito, facendo bloccare il ladro ai carabinieri. Tra gli altri interventi, da sottolineare la patente ritirata ad un 34enne foggiano, ma residente a Prato, sorpreso a guidare la propria auto in stato di ebbrezza.

A Villa Fiorelli sfilata “vintage” ispirata agli anni ’70: in passerella le clienti di un salone di bellezza

Prima sfilata personale per il negozio di acconciature Hair Trend Tiziana di Prato. Dopo la partecipazione a numerosi eventi nazionali, il salone presente nel Centro commerciale di Galcetello organizza per lunedì 29 giugno alle ore 21 (ingresso su invito) un defilé di abiti e acconciature Anni ’70 all’interno della suggestiva ambientazione di Villa Fiorelli, nel Parco di Galceti a Prato.
hippyIn passerella sfileranno oltre 30 clienti del salone che, con grande interesse e curiosità, si sono resi disponibili per questa manifestazione. Il tema della serata non è stato scelto a caso. L’idea è venuta a Tiziana Prizio, titolare del negozio da oltre trent’anni. Gli abiti e le acconciature richiameranno tutti gli Anni ’70, il periodo dei “figli dei fiori”, delle grandi battaglie per i diritti civili, di eroine televisive come “Wonder woman”, ma anche il decennio della crisi energetica e delle conseguenti misure di “austerity”, che misero gli italiani a piedi la domenica. E’ chiaro il riferimento al presente, caratterizzato da una seria e diffusa crisi economica e, anche, dalla riscoperta della moda passata, fatta di zeppe e larghe camicie colorate.
Gli abiti scelti per la sfilata provengono sia dai guardaroba delle clienti del salone che da un negozio vintage di Prato. Si potranno vedere capi ispirati ai “figli dei fiori”, quelli per il giorno e quelli per la sera, quelli per le teenager, quelli indossati dall’allora alta società, quelli che venivano scelti per le serate disco-music e, infine, quelli da sposa. La serata sarà allietata da ballerine, proiezione di immagini di Carosello e dalla voce della cantante Annalisa Baldi che, lo scorso anno, ha calcato il palcoscenico del programma X-Factor su Raidue.

Sventati due furti ai danni di auto grazie alle segnalazioni dei cittadini

polizia-volante-113Notte da dimenticare per due “topi d’auto”, uno dei quali è stato arrestato. Merito anche del senso civico di due cittadini che appena hanno avuto il sospetto di quello che stava accadendo non hanno esitato a chiamare le forze dell’ordine. Il primo episodio si è verificato in piazza Mercatale, verso le 2, quando un cittadino pratese ha chiamato il 113 per segnalare una persona, probabilmente straniera, che si stava aggirando con fare sospetto intorno alle auto in sosta. La Volante, una volta arrivata in piazza, ha subito notato un maghrebino, già conosciuto per precedenti reati, che si stava allontanando velocemente. L’uomo, algerino di 28 anni, è stato quindi fermato e identificato, prima ancora che potesse portare a termine qualsiasi reato. Visto il suo stato di clandestinità è stato quindi portato all’Ufficio immigrazione. Il secondo episodio si è verificato alle 4 in via Erbosa. In questo caso è stato un cittadino keniota a chiamare il 113: era stato risvegliato dal rumore di un vetro infranto e, una volta affacciatosi alla finestra, aveva visto un uomo trafficare intorno ad una Golf parcheggiata. I poliziotti, hanno subito localizzato l’auto e dentro hanno sorpreso un cinese clandestino di 25 anni, intento a rovistare nell’abitacolo. Poco dopo veniva rintracciato anche il proprietario dell’auto, anche lui cittadino cinese. Tra l’altro, addosso al ladro, i poliziotti hanno trovato anche due palmari, uno dei quali configurato in italiano, lingua che il ladruncolo non conosce. Entrambi sono stati sequestrati come probabile provento di un furto commesso in precedenza. Il giovane è stato quindi arrestato.

“Obiettivo museo” ci porta al Museo del vino di Carmignano e alla Badia di Vaiano

badia_vaianoDue appuntamenti nel fine settimana per Obiettivo museo: un’opera pensata per te, il calendario di appuntamenti che attraverso diciassette musei del territorio si snoda per dieci mesi. Gli incontri sono gratuiti ma la prenotazione obbligatoria. Oggi pomeriggio (ore 16) al Museo della Vite e del Vino di Carmignano Tante etichette una storia. Visita al Museo con possibilità di degustazioni. Info e prenotazioni allo 055 8712468. Le degustazioni sono a pagamento. Gruppi max 20 persone. Domani, domenica 26 giugno, (ore 16.30) Museo della Badia di Vaiano Dal devotissimo spirante crocifisso della chiesa abbaziale al Cristo miracoloso di Beirut. Un itinerario di iconografia storica à rebours. Da un’opera barocca (l’antico crocifisso dell’altar maggiore), attraverso l’affresco cinquecentesco del Miracolo di Beirut, scoperto nel chiostro della Badia nel corso del recente restauro, fino ad arrivare alle origini della cristianizzazione nel nostro territorio e ai reperti di epoca romana che ci testimoniano l’esistenza del pagus Varianus, attestato precedentemente solo nella toponomastica. Info e prenotazioni al 328 6938733 oppure 0574 989461. Gruppi max 30 persone.

Turismo lento, il punto in un convegno alla Cascina di Spedaletto

cascina_spedalettoSi terrà a Cascina di Spedaletto, presso il Centro visite della Riserva naturale Acquerino-Cantagallo, il convegno “Turismo lento e territori di confine: coordinamento interregionale e nuove strategie”. Un appuntamento, quello previsto per domani, domenica 28 giugno, promosso dalle Regioni Toscana e Emilia Romagna e dalle Apt di Abetone-Pistoia, Montagna Pistoiese e Prato, ma anche Touring Club Italiano di Toscana ed Emilia, Prato e Pistoia. Collaborano la Comunità Montana Val di Bisenzio, l’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia con le rappresentanze di Prato e Pistoia e il Club Alpino Italiano con i gruppi regionali dell’Emilia Romagna e della Toscana.
Il convegno punta i riflettori sul territorio della montagna (e più in generale l’Appennino, con i suoi fiumi, foreste, valichi) considerato non solo come come una frontiera naturale destinata a separare realtà contrapposte, ma come punto di congiunzione e centro di espansione e d’irraggiamento. Insomma un piccolo mondo dotati di un proprio valore e capace di legare uomini e paesi. Nel corso del convegno saranno presentati alcuni itinerari turistici ma si porrà anche l’accento sulla necessità del coordinamento (intercomunale, interprovinciale, interregionale) e della sinergia tra enti e associazioni operanti nei settori della programmazione e della promozione turistica, dello sviluppo economico, della valorizzazione e della tutela del patrimonio ambientale. La Cascina di Spedaletto, sede del convegno, costituisce un’emblematica realtà ‘di confine’ che riassume in modo paradigmatico i temi del convegno: sorta lungo l’antica via di comunicazione tra Pistoia e Bologna, segna tuttora il limite estremo tra la provincia di Prato e quella di Pistoia, a cavallo tra Toscana e Emilia Romagna. Dopo un accurato restauro, dal 2006 è stata attrezzata come luogo di incontri e sede del Centro visite della Riserva Naturale Acquerino Cantagallo. La partecipazione è libera. Per informazioni: 0573-21622 – www.pistoia.turismo.toscana.it.

Domenica la Festa dei Popoli: messa e pranzo multietnico a San Francesco

san_francescoUno spazio di incontro e dialogo tra le diverse culture e tradizioni delle comunità straniere presenti in città. Anche quest’anno la Diocesi di Prato ripropone la tradizionale Festa dei Popoli, iniziativa organizzata dall’Ufficio Migranti e dalla Caritas diocesana per offrire una possibilità di incontro cittadino tra italiani e stranieri. L’appuntamento è per domenica 28 giugno nella chiesa e nel chiostro di San Francesco. Alle 12, in chiesa, la celebrazione della messa, presieduta da mons. Brunetti vicario episcopale per gli immigrati, al termine, ai partecipanti sarà offerto un pranzo multietnico preparato con pietanze dei Paesi di provenienza degli immigrati: Brasile, Camerun, Cina, Eritrea, Filippine, Nigeria, Pakistan, Polonia, Romania, Sri Lanka ed Ucraina. Alle 15 inizieranno i festeggiamenti, animati dalla band musicale «Francesco Povero Ricco».
Per accompagnare con un momento di riflessione, la giornata di festa, che quest’anno si intitola “Prato con altri occhi”, è stata allestita, nei locali della parrocchia di S. Francesco, una mostra su Santa Francesca Saverio Cabrini, che resterà aperta fino al 5 luglio. Patrona degli emigranti, la Santa, meglio conosciuta come Madre Cabrini, fondò, a Chicago, l’Istituto delle Missionarie del Sacratissimo Cuore di Gesù e si impegnò nell’assistenza agli esuli. Infatti, tra il 1901 e il 1913 emigrarono, nella sola America, 4.711.000 italiani, che non ebbero vita facile e furono accompagnati da una pessima fama.

Domani sera a Castelnuovo si rievoca la cena della battitura

E’ già iniziata con gli ‘spettacoli di corte’ la rassegna estiva promossa dalla circoscrizione Prato Sud. Gli appuntamenti in programma, che proseguiranno fino al 18 luglio, sono realizzati in collaborazione con varie associazioni culturali del territorio e si propongono di ridare vita alla vecchia tradizione di ritrovarsi la sera a veglia. Gli spettacoli sono, infatti, quasi tutti ambientati in vecchie corti o in spazi ristretti che le rievocano, che diventano un palcoscenico naturale con la loro magia, le vecchie mura, la luce che illumina senza invadere lo spazio. Il repertorio è vario come lo erano gli argomenti di cui si parlava a veglia: si va dalle commedie brillanti, alla rievocazione della battitura con la tipica cena accompagnata da canti e balli popolari che si terrà domani, 27 giugno, a partire dalle 17, a Castelnuovo. Martedì 30 giugno, nella corte dell’Alloro (via dell’Alloro) a Paperino andrà in scena la commedia brillante di Giuseppe Severi Quando si perde la bussola. Tutti gli spettacoli si terranno alle 21 con ingresso libero.

Confesercenti: “Il centro storico muore, bisogna intervenire subito”

negozio-chiusoIl commercio in centro storico è alla vigilia dell’estate in una situzione di profonda difficoltà per gli esercenti che si vedono costretti a chiudere la loro attività, molto complessa per quelli che riescono a tenerla aperta, comunque rischiosa per la città. L’impietosa analisi è fatta dalla Confesercenti che non nasconde la preoccupazione per il futuro commerciale della zona nevralgica della città. Dobbiamo riuscire a vedere applicata una politica innovativa – spiegano dall’associazione -, come quella che siamo molto speranzosi vorrà attuare il sindaco Roberto Cenni, facendo realtà del suo programma di governo e tenendo fede alle promesse fatte in campagna elettorale. I problemi hanno vari nomi e ognuno chiede una pronta soluzione. Il caro affitti, da affrontare con una politica che premi fiscalmente chi affitta rispetto a chi non lo fa per tenere alti i costi delle locazioni. Il caro suolo pubblico, aggravio da restiture indietro a chi lo paga sotto forma di un riconoscimento per il lavoro di rivitalizzazione della città svolto dai pubblici esercizi. Il caro tassa sui rifiuti, da calmierare in ogni modo. Senza contare la lotta serrata al degrado urbano, all’abusivismo commerciale, ai commerci illeciti. Tre ambiti in cui la mano del sindaco dovrà essere oltremodo ferma, senza concedere niente al lassismo. E’ tempo che certi illeciti finiscano”.
“Peraltro la lotta per la sicurezza è e resta il punto centrale di quanto detto fino ad ora – prosegue la nota di Confesercenti – perché senza sicurezza mancano i presupposti per lo sviluppo. Da non dimenticare lo strapotere della grande distribuzione nei confronti dei centri commerciali naturali. Basta avalli alla sagra dei centri commerciali artificiali o i nostri centri storici andranno sempre peggio. Peraltro il tema dell’accesso specie al centro storico è determinante. Serve la pronta realizzazione del parcheggio sotterraneo in Piazza Mercatale e la messa in sicurezza di quelli che già esistono (si legga Serraglio). Inoltre urge un servizio di navetta ecologica con mezzi piccoli e non inquinanti dal parcheggio dell’Ospedale verso il centro e viceversa”.

Modifiche nei tragitti della Lam blu con i lavori al sottopasso di via Nenni

lam-bluDomani cominciano i lavori di scavo per il sottopasso Nenni, con i comprensibili disagi per la circolazione, attesi soprattutto a partire da lunedì. Intanto cambiano in parte anche i percorsi e le fermate della linea Lam Blu. A partire dalle 6.30 di domani, 27 giugno, fino al termine dei lavori previsto per il 30 giugno 2010, verrà messa in parziale fuori servizio la busvia tra il parcheggio scambiatore “Nenni” ed il capolinea della LAM BLU di via Rimini.  Ci saranno, invece alcune le modifiche sul percorso della Lam Blu in direzione “Centro/Stazione – Centrale/Repubblica”: da via Rimini (capolinea) alla fermata “Pertini” il percorso sarà ordinario; dopo la fermata “Pertini” è prevista la deviazione su via Braudel, via Dossetti, nuovo collegamento viario via Dossetti-via Colombo, via Galcianese-Porta Leone; da Porta Leone il percorso è ordinario. Resta invariato il percorso della Lam Blu in direzione “Nenni/via Rimini”. Per tutta la durata dei lavori saranno disattivate alcune fermate della Lam Blu. Di seguito l’elenco. “Leonardo da Vinci 2”, parcheggio scambiatore “Nenni”, “Nenni” ed “Ebensee 1” (direzione Centro/Stazione Centrale/Repubblica). In parziale sostituzione delle fermate soppresse verrà istituita (con direzione centro/stazione centrale/Repubblica) una fermata provvisoria sul nuovo collegamento via Dossetti-via Colombo (di fronte all’istituto tecnico professionale “G. Marconi”) e verrà utilizzata (sempre in direzione centro/stazione centrale/Repubblica) la fermata dell’autolinea n. 15 in via Colombo.

Due giorni di Festa medievale a Luciana rivivendo la leggenda del Sasso delle fate

festa medievale LucianaPer due giorni Luciana si tuffa nel medioevo facendo rivivire la leggenda “nera” della bella Edgarda e del Sasso delle Fate. Domani e domenica, dal pomeriggio fino a mezzanotte, le vie del borgo valbisentino saranno animate da personaggi e stand che ci riporteranno indietro di molti secoli, con dimostrazioni di arti e mestieri medievali oltre a piatti realizzati secondo le usanze dell’epoca.
La manifestazione, organizzata dalla Pro loco di Luciana, è giunta alla quarta edizione e vuole riproporre la leggenda del Sasso delle fate, tramandata per via orale dagli abitanti di Luciana e giunta fino ai giorni nostri. La leggenda parla della bellissima Edgarda, figlia del giudice Guidone da Luciana e promessa in sposa a Tebaldo. La fanciulla, però, aveva fatto perdere la testa al conte Uguccione, nobile bello e affascinante quanto senza scrupoli, che aveva sedotto la ragazza. A questo punto l’innamorato respinto Tebaldo e il giudice Guidone avevano architettato un tranello per vendicarsi. In una notte dell’inverno 1133, mentre al palazzo del conte era in corso una festa, due misteriosi emissari convinsero il giovane a seguirli fino a Vernio con una scusa. Poi, portato il conte nel mezzo del bosco, lo aggredirono con l’aiuto dello stesso Tebaldo e lo murarono vivo dentro una grotta. Nelle stesse ore la bella Edgarda veniva avvelenata dal padre.
sasso-alle-fate1Da allora, secondo la tradizione, quel posto e quel masso sono caratterizzati da strani lamenti, che gli abitanti hanno attribuito alle fate del bosco, innamorate del conte e disperate per non poterlo salvare. Il sasso esiste veramente e ora è possibile raggiungerlo attraverso un sentiero riaperto nel 2005 dalla stessa Pro loco di Luciana.

Appello di Marco Becheri: “Tessile e meccanotessile uniti per l’innovazione”

Un appello alle imprese tessili del distretto perché si tenga viva quella sinergia con il meccanotessile locale che ha contribuito fortemente alla fortuna di Prato: questo il senso della lettera che Marco Becheri, presidente della sezione Meccanici dell’Unione Industriale Pratese, ha inviato ai suoi colleghi tessili.
Il tessile pratese, osserva Becheri nella lettera, annovera fra i propri punti di forza una straordinaria creatività ed una grande capacità di innovare che risulterebbe gravemente compromessa se non vi fosse l’apporto del meccanotessile locale. Quest’ultimo a sua volta si avvantaggia della contiguità e dello scambio di conoscenze con le imprese tessili clienti.
becheri_marco5Scrive Marco Becheri rivolgendosi agli imprenditori tessili pratesi: “Sarebbe antistorico pretendere che i pratesi si rifornissero necessariamente a Prato; cose del genere si promuovono in Cina, dove il ‘compra cinese’ sembra stia divenendo una parola d’ordine! Non è questo che i colleghi meccanotessili ed io vogliamo: chiediamo solo che al meccanotessile di Prato si dia una chance. Quando hai bisogno di una macchina nuova, insomma, interpella anche un meccanotessile pratese e dagli modo di mostrarti cosa può fare per te. Potresti scoprire che le nostre imprese non hanno niente da invidiare ad altre magari più blasonate. E potresti apprezzare il fatto che fra pratesi ci si intende particolarmente bene da tutti  i punti di vista: prestazioni, manutenzione e tempistiche (che si avvantaggiano fortemente della vicinanza) e, non ultimi, costi.”
“Ci è parso opportuno dare questo segnale, pur sapendo bene che questo non è un periodo propizio per gli investimenti, nonostante le opportunità che si aprono con la detassazione degli utili reinvestiti in macchinari ed i finanziamenti all’innovazione – spiega Becheri – Volevamo rimarcare che ci siamo, che pur nelle difficoltà che gravano sulle nostre imprese non ci stiamo arrendendo e che anzi riteniamo indispensabile valorizzare al massimo la sinergia con gli operatori tessili locali per lavorare insieme su nuove tecnologie e progetti in linea con i bisogni della produzione. Da parte nostra c’è la massima disponibilità in questo senso: contiamo sui colleghi tessili per continuare la tradizione di quel circuito virtuoso fra mondo tessile e meccanico che ha contribuito in maniera determinante al successo del distretto”.
Il meccanotessile pratese non è certo immune dagli effetti della crisi. Oggi le 50 imprese industriali del settore operanti a Prato, con i loro 700 addetti generano 140 milioni di fatturato, il 60% del quale è costituito dall’export. Numeri ancora importanti segnati però dalle difficoltà riscontrate nel 2008, quando l’export ha registrato -8,5% rispetto all’anno precedente; il 2009 si è aperto in maniera ancor più critica confermando anche per il settore meccanotessile quelle riduzioni di ordinativi  che  tanto stanno preoccupando tutti i settori della meccanica strumentale.

Ciclismo, il neo campione italiano Andrea Zordan al via al Trofeo Fiaschi

ciclismoDomenica a Vergaio, partenza alle 14 e arrivo intorno alle 17,00, è in programma il 29° Trofeo Fiaschi, 7° Memorial Massimo Bellandi e 2° Memorial Guido Palombo che vedrà al via anche il campione italiano Andrea Zordan. Il veneto, in una bella volata a Imola, ha conquistato il tricolore davanti a Enrico Dalla Costa e al corridore della società pratese Ubaldo Signori, Andrea Fedi, che si conferma come uno dei protagonisti del ciclismo juniores dopo il terzo posto nell’internazionale Buffoni di Massa. E proprio domenica sarà la gara di Vergaio a stabilire chi saranno i rappresentanti della nazionale italiana juniores diretta da Rino De Candido che parteciperanno ai Campionati europei in Belgio dal 1 al 5 luglio. Sul percorso pratese, di oltre 113 chilometri, si sfideranno i migliori atleti italiani oltre alla nazionale russa, che organizza quest’anno i mondiali juniores dal 7 al 9 agosto. Lo scorso anno fu Kristian Sbaragli a conquistare la vittoria mentre nel 2007 fu Diego Ulissi (campione del mondo per due stagioni consecutive) a vincere sul traguardo di Vergaio. Il circuito prevede quattro giri di un percorso lungo 18,9 km circa che avrà la sua fase più impegnativa con la rocca di Montemurlo e altre 3 volte il passaggio sul circuito della Rocca per poi tornare a Prato con l’arrivo a Vergaio.

Fosse troppe strette per accogliere le bare, imbarazzo in due cimiteri di Cantagallo

funeraleAccompagnare nell’ultimo viaggio un congiunto o un amico non è mai piacevole. Figurarsi, poi, se arrivati al momento dell’estremo saluto si scopre che la fossa scavata dai necrofori è troppo piccola per contenere la bara. E’ quanto è accaduto per ben due volte nello stesso giorno in due dei cinque cimiteri comunali di Cantagallo, la cui gestione è stata da poco affidata all’Asm. La notizia, riportata nell’edizione di oggi del quotidiano La Nazione, ha fatto andare su tutte le furie l’appena confermato sindaco Ilaria Bugetti che, dopo aver porto le scuse ai familiari, ha richiamato l’Asm a una maggiore attenzione, chiedendo che dal prossimo anno siano utilizzate ditte del posto. I cimiteri protagonisti dei due spiacevoli episodi sono quello di Usella e quello di Migliana. In entrambi i casi la fossa preparata per accogliere la bara non era delle misure giuste. Al momento di calare il feretro, così, tra lo sgomento di parenti e amici, la bara non riusciva a scendere. Tra l’altro il personale addetto agli scavi non era nemmeno presente. E’ stato così necessario attendere il loro intervento prima di poter ultimare il funerale.

Due giovani balordi rapinano un cinese, poi lo picchiano e lo investono con l’auto

volante-polizia-commissariato103Un cinese è stato rapinato, percosso e poi investito con l’auto da una coppia di balordi. Per arrivare a ricostruire quanto accaduto, però, gli agenti della Volante hanno dovuto faticare non poco, anche a causa della scarsa collaborazione fornita dalla vittima, evidentemente impaurito o poco fiducioso nei confronti delle nostre istituzioni. Tutto è iniziato poco dopo le 19 di ieri, giovedì 25 giugno, quando alla centrale operativa del 113 è arrivata la segnalazione di un accesa lite stradale. Quando la Volante è arrivata sul posto la situazione era tornata tranquilla, ma gli agenti, interrogando alcuni passanti, sono venuti a sapere che la lite aveva coinvolto un cinese e due italiani, a bordo di una Passat. Sono iniziate così le ricerche dell’auto, rintracciata poco dopo in via Paisiello. A bordo due giovani pratesi, uno di 24 anni, l’altro appena 18enne, entrambi conosciuti dalle forze dell’ordine per reati legati alla droga. I due, interrogati dai poliziotti, hanno ammesso di aver avuto un insignificante alterco verbale con un cinese, senza altre conseguenze. Gli agenti, però, non si sono dati per vinti e sono tornati nuovamente in via Becherini. Qui, dopo aver raccolto altre testimonianze, sono arrivati ad una casa, dove hanno trovato una donna che li ha portati dal marito, riverso sul letto con una profonda ferita ad una mano, botte e contusioni un po’ ovunque, compresa la testa. facendosi aiutare da un interprete i poliziotti sono finalmente riusciti a ricostruire l’accaduto: il cinese era stato rapinato da due balordi, che prima gli avevano preso il telefono cellulare, poi l’avevano picchiato, infine lo avevano investito con la loro auto, lasciandolo a terra dolorante. A quel punto venivano attivate ricerche in tutta Prato dei due giovani che, in tarda serata, venivano bloccati in viale Piave, sempre a bordo dell’auto che presentava sul cofano graffi e tracce di sangue compatibili con l’investimento. per i due è così scattata una denuncia per i reati di tentato omicidio e rapina.

“Modaestate” a La Briglia: in passerella la bellezza e il fashion

gloriabellicchi_01Appuntamento con la moda questa sera, venerdì 26 giugno, a partire dalle ore 21.30 nello spazio polivalente dei giardini pubblici a La Briglia. In programma c’è la sesta edizione di Modaestate, manifestazione che vuole promuovere giovani talenti del mondo della moda operanti sul territorio pratese e non solo. Tra i partecipanti si ritrovano infatti nomi di stilisti come Graziano Amadori, Giuseppe D’Urso, Federico Stefanacci, che hanno già avuto occasione di far sfilare i loro capi in importanti manifestazioni a livello internazionale. Testimonial della serata sarà la bella Gloria Bellicchi, Miss Italia 1998 e conduttrice del programma Pianeta Mare in onda su Rete Quattro. La serata sarà allietata dalle gags di Marco Milano in arte “Mandy Mandy” storico comico del programma  “Mai Dire Goal” e da spettacolari evoluzioni dal gusto circense.

Arianna Nerini è il nuovo presidente della Uisp Prato

La Uisp di Prato ha un nuovo presidente: Arianna Nerini. Proveniente dal settore volley – per anni ha ricoperto il ruolo di presidente della Lega Pallavolo della Uisp di Prato – Nerini è stata eletta all’unanimità dal Consiglio.  Nell’occasione è stato designato anche il nuovo vicepresidente vicario, Alessio Pacini, mentre Marco Gradi e Marco Tempestini sono stati confermati nella Direzione.  Da sempre impegnata nel Terzo Settore, Nerini fa parte del Consiglio Nazionale della Uisp ed è stata anche presidente regionale della Lega Pallavolo. Incarico che ha dovuto lasciare per accettare questa nuova sfida umana e professionale. Il suo nome, inoltre, figura nei consigli di molte organizzazioni che operano nel volontariato e nel cosiddetto privato sociale.
“Questo nuovo incarico mi riempie di orgoglio – ha affermato il nuovo presidente provinciale della Uisp – e cercherò di onorare al meglio la fiducia che mi è stata accordata dal Consiglio. La nostra associazione è chiamata a importanti sfide, ad esempio il rilancio del cosiddetto sport per tutti, una più capillare diffusione di valori come il fair play e il rispetto delle regole sportive e non, la messa in funzione di nuovi servizi per i nostri soci e la modernizzazione del nostro apparato istituzionale, pur conservando i principi che ci contraddistinguono da 60 anni”.
Arianna Nerini succede a Luca Mori che, dopo essere stato rieletto lo scorso marzo, si è dimesso a inizio maggio per poter presentare la propria candidatura alle recenti elezioni amministrative.

Golf e solidarietà vanno a braccetto sul green delle Pavoniere

lepavoniere-riccardo-orlandi-8652_jpgDue manifestazioni che hanno riscosso grande successo al Golf Club Le Pavoniere di Prato unendo l’aspetto sportivo alal solidarietà. La prima è stato il 4° Memorial Schirinzi A. Mario che ha visto prima una tavola rotonda sul tema del mieloma multiplo, un particolare tumore del sangue in crescente diffusione tra la popolazione, ma ancora pieno di punti oscuri, mentre il giorno successivo si è svolta la gara di golf dove Riccardo Orlandi ha conquistato il 1° Netto nella 1° categoria, 1° Lordo per Andrea Valerio Becagli e 2° netto per Tiziano Sperandini. Al termine della due giorni c’è stata una cena di raccolta fondi da destinare alla ricerca. Mentre per aiutare i giovani che hanno subito incidenti grazie alla presenza della Fondazione Niccolò Galli si è disputato “Un Green di Speranza” con una Louisiana a 5 Medal che ha visto come 1° netto la squadra composta da Maria Beatrice Ratti, Pietro  e Gennaro Brandi, Luciano Tanteri e Andrea Morganti con 51 punti e 1° Lordo Fabiola Bacci, Enrico Guarducci, Roberto Marini, Maria Serena Meoni e Marco Margheri, con anche in questo caso la cena al termine della manifestazione. Nel XV° Trofeo Italian LGA (Ladies Golf Association)  2009 è stata Susanna Pedrizzetti a conquistare il 1° netto con 41 punti mentre 1° Lordo è risultata Sveva Francesconi (Cosmopolitan), 2° netto per Francesca Dinelli. Nell’11° Tourist Golf Visa 1° Lordo nella 1° categoria per Antonella Gattini (Vicopelago) mentre nella categoria soci e amici 1° netto per Roberto Palmucci e 1° Lordo per Michelangelo Del Gigia. In corso il Trofeo Giovanile Spola d’Oro e domenica 28 giugno sempre al club Le Pavoniere di Prato disegnato da Arnold Palmer la quinta e ultima tappa dell’11° Tourist Golf Visa Cup.

Scandalo assenteismo in ospedale, i sindacati: “Fatto grave ma non generalizziamo”

medico-visita-medicaA due giorni dallo scandalo assenteismo, che ha portato all’arresto di cinque dipendenti dell’Asl, con altri 27 indagati, Cgil, Cisl e Uil hanno deciso di uscire allo scoperto per chiarire la proprio posizione. ‘Siamo unitariamente concordi – affermano in un comunicato congiunto – nel condannare ogni eventuale responsabilità di frode e abuso che dovesse essere confermata sulla vicenda, sottolineando che episodi quantitativamente limitati sul totale dell’organico del personale (oltre 2.500 nell’ ASL 4) ledono ingiustamente l’ immagine di un servizio così delicato e prezioso in cui la stragrande maggioranza del personale opera con dedizione e grande professionalità”. Le organizzazioni sindacali esprimono piena fiducia nell’operato della magistratura pratese che nel frattempo sta proseguendo con gli interrogatori di garanzia delle 5 persone finite agli arresti domiciliari. In particolare sarà importante capire quanti dei 27 indagati hanno realmente commesso reati assentandosi da lavoro pur risultando presenti e quanti invece che hanno semplicemente fatto timbrare ad altri il proprio cartellino per esigenze pratiche, come la ricerca di un parcheggio o altro. Un comportamento quest’ultimo comunque da condannare per i sindacati perché rappresenta una violazione degli obblighi contrattuali seppur meno grave dell’assentarsi da lavoro.

La “Iena” Andrea Agresti a Seano per il lancio del porta a porta

andrea-agrestiA cosa serve riciclare l’alluminio? Dove si buttano bicchieri e piatti di plastica?Le lattine dove vanno?E gli imballaggi che fine fanno? Parlare di rifiuti interessa eccome, non sempre abbiamo le idee chiare e ci si puo anche scherzare sopra imparando qualcosa di utile allo stesso tempo. E’ quanto è accaduto ieri sera al parco museo Quinto Martini di Seano, nel Comune di Carmignano con la ‘iena’ Andrea Agresti durante un incontro pubblico promosso da Asm e Comune di Carmignano dedicato alla raccolta differenziata e alla riduzione dei rifiuti. Da settembre partirà il servizio di raccolta porta a porta in tutto il comune coinvolgendo 14 mila cittadini. A moderare il dibattito le gag improvvisate di Agresti di fronte ad un pubblico di trecento persone. Sul palco sono saliti anche il sindaco Doriano Cirri, l’assessore all’Ambiente Stefania Martini e il direttore generale Asm Sandro Gensini: obiettivo della campagna di raccolta porta a porta l’aumento della quota di raccolta differenziata. Intanto per invogliarla ai presenti sono state distribuite borse con su scritto ‘Usami&Riusami’ e un libretto con tutti i consigli per una spesa consapevole.

Tennis, l’Over 55 del Tc Prato in campo per il Tricolore

over-55-tc-prato-2009Dopo essersi aggiudicata lo scudetto toscano la formazione Over 55 del Tc Prato (Massimo Bardazzi, Vittorio Costella, Stefano Francini, Gabrio Martelli, Aldo Marchi, Maurizio Pavia) punta a  conquistare il titolo italiano. Da domani (venerdi 26 giugno) fino a domenica 28 giugno la squadra capitanata da Massimo Bardazzi giocherà il Girone Finale al Circolo Equitazione di Reggio Emilia per lo scudetto tricolore. Tre avversarie di assoluto valore con il Circolo Canottieri Roma che può schierare giocatori del calibro di Aracri, Orecchio e Roversi mentre il Tc Napoli ha il sempre pericoloso Sbrescia insieme a Lauro e Chiaiese. Mentre sulla carta la squadra più debole dovrebbe essere quella dello Sporting Club 2001 Vittorio Veneto che ha in formazione Bassi, Milia e Faoro. “Siamo tre squadre sullo stesso valore e per questo sarà importante essere sempre al massimo – spiega Massimo Bardazzi, capitano del Tc Prato – conterà molto il doppio che in caso di parità dei singolari decide la vittoria. Noi ci siamo preparati al meglio e andremo per fare il miglior risultato”.

Vaiano, anziana cade dalla scala mentre raccoglie le susine

ambulanzaDisavventura per un’anziana di Vaiano che questa mattina è caduta rovinosamente a terra mentre stava raccogliendo susine. la donna, che ha 75 anni, era salita su una scala appoggiata all’albero, che si trova nel cortile di casa, quando ha perso l’equilibrio. L’allarme è stato dato immediatamente e sul posto è arrivata un’ambulanza della Misericordia di Vaiano, che ha prestato le prime cure alla signora e poi l’ha trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Prato. Nella caduta l’anziana si è procurata una probabile frattura del femore oltre ad una contusione alla schiena.

Gianni Rossi nuovo direttore di Tv Prato

Tv Prato 39 ha un nuovo direttore: Gianni Rossi, attualmente coordinatore dell’edizione pratese del settimanale Toscana Oggi, direttore dell’Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali nonché addetto stampa della Diocesi. Rossi, che manterrà tutti i precedenti incarichi, è stato anche nominato alla guida del Consiglio di amministrazione dell’emittente televisiva pratese. La nomina è stata decisa dallo stesso Cda lo scorso 19 giugno.

Studentessa pratese e giovane marocchino fermati con 250 grammi di cocaina in auto

cocaina2_50027Stavano viaggiando con 250 grammi di cocaina nascosti in auto, ma sono stati bloccati da una pattuglia di carabinieri che, evidentemente, sono andati a colpo sicuro. Sono finiti così in carcere un marocchino clandestino di 23 anni e una studentessa pratese di 20, entrambi residenti a Prato. La coppia è stata intercettata da una pattuglia del nucleo operativo dei carabinieri di San Giovanni Valdarno mentre stavano percorrendo il tratto aretino dell’Autosole. I militari hanno voluto perquisire l’auto e sono così saltati fuori i 250 grammi di cocaina. Adesso il marocchino e la studentessa si trovano detenuto nel carcere di Firenze con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Sabato via allo scavo per il sottopasso di via Nenni, previsto un anno di lavori

I lavori per la realizzazione del sottopasso tra via Nenni e viale Leonardo da Vinci (Declassata) entrano nel vivo. A partire da sabato 27 giugno avranno inizio le operazioni di escavazione del tunnel e, secondo le previsioni dell’Ufficio opere pubbliche del Comune, occorrerrà un anno di tempo per completare l’interramento dell’arteria e realizzare il quarto sottopasso sulla Declassata dopo quelli di Pratilia, di Capezzana e della Questura.
nenni-sottopassoDa sabato prossimo, quindi, saranno messi in atto i provvedimenti inerenti la nuova circolazione del traffico. Vediamoli nel dettaglio.
Dalle ore 6 del 27 giugno e fino al termine dei lavori previsto al massimo entro il 30 giugno 2010, il viale Leonardo da Vinci, nel tratto compreso tra la rampa in discesa dal cavalcavia di via del Purgatorio ed il sottopasso di via di San Giusto, resterà chiuso al traffico per consentire di circoscrivere l’area adibita a cantiere stradale per la costruzione del nuovo sottopasso Nenni. Il traffico veicolare, per tutto il periodo dei lavori – dal giugno 2009 al giugno 2010 – sarà deviato su un bypass viario provvisorio parallelo al tratto del viale Leonardo Da Vinci in cui è preclusa la circolazione, posto sul lato nord del cantiere. Nel tratto compreso tra piazzale Nenni e la fine del bypass, sarà revocata la corsia riservata al transito degli autobus di trasporto pubblico urbano adiacente al viale Leonardo Da Vinci. Il traffico veicolare proveniente dal lato di via J. Monnet, via Roncioni e diretto verso Pistoia, potrà percorrere via Nenni per immettersi sul bypass.

Il nuovo sottopasso sarà a quattro corsie per una lunghezza di 64 metri e avrà carreggiate nelle due direzioni di 7,5 metri per una larghezza totale di 20,5 metri. L’altezza sarà di 5,2 metri, mentre le rampe adiacenti d’accesso e di uscita per e dalla Declassata avranno rispettivamente una lunghezza di 110 e 80 metri. La rotatoria sovrastante avrà un raggio di 20 metri. In base alle stime attuali il nuovo sottopasso dovrebbe smaltire un traffico composto da 52 mila veicoli al giorno, di cui 33.800 si immetteranno nl sottopasso, mentre i restanti 18.200 circoleranno in superficie.

Due vincitori ex aequo per il Premio Bardazzi 2009

Sono Giorgio Bartolozzi e Claudia Cirasola i vincitori ex aequo della V edizione del premio di studio Alberto Bardazzi istituito in ricordo della figura del giovane imprenditore tessile pratese.
La cerimonia di premiazione si è svolta stamani nell’aula magna del Polo universitario di Prato che ha realizzato il concorso con il finanziamento della famiglia Bardazzi e del Rotary Club Prato Filippo Lippi. Si è trattata della prima uscita pubblica ufficiale per i neo eletti sindaco Roberto Cenni e presidente della Provincia Lamberto Gestri. Il premio offre 10mila euro ai migliori studenti laureati in uno dei corsi attivi nella sede universitaria pratese che oltre ad una tesi di qualità, abbiano presentato un progetto di formazione professionale da perseguire. La giuria quest’anno ne ha selezionati ben sette e all’interno di questa rosa sono stati scelti i due vincitori, Giorgio Bartolozzi, dottore in ingegneria industriale e Claudia Cirasola, laureata in Produzione di spettacolo, musica, arte e arte tessile. Per loro ora si aprono le porte verso nuovi percorsi formativi.

Passati al setaccio dalla polizia Internet Point e Call center

internet-pointControlli a tappeto della polizia negli Internet Point della città. Personale della Digos e della squadra investigativa della Divisione amministrativa hanno passato al setaccio una decina di esercizi, identificando le persone che si trovavano all’interno e verificando il rispetto delle normative in materia di antiterrorismo. In otto call center non sono state riscontrate irregolarità. Diversa, invece, la situazione in un Internet Point di via Pistoiese dove due dei clienti non erano stati annotati nell’apposito registro informatico, cosa questa che è costata la denuncia al titolare dell’esercizio. Situazione ancora più grave, invece, è stata riscontrata in un call center di via Rota, frequentato da moltissimi ragazzi cinesi. Di questi tre non erano stati registrati, inoltre il titolare si era fatto sostituire da una persone senza segnalare il fatto alle autorità di pubblica sicurezza, come previsto dalla legge. Oltre alla denuncia per omessa identificazione registrazione dei clienti, l’uomo è stato quindi sanzionato con una multa da 3mila euro.