Ecco il pacchetto-lavoro della Provincia: un milione e mezzo di euro per disoccupati e precari

La Provincia è pronta a mettere a disposizione 1 milione e 500 mila euro per il reinserimento dei disoccupati e per offrire incentivi a imprese che assumono a tempo indeterminato o che stabilizzano lavoratori precari. La proposta è stata presentata questa mattina alla riunione del tavolo di distretto dal presidente Lamberto Gestri e spiegata in dettaglio dalla vicepresidente e assessore al Lavoro Ambra Giorgi. Seicentomila euro saranno messi a disposizione di qui a fine anno, gli altri nel corso del 2010.

Il vicepresidente della provincia Ambra Giorgi

Il vicepresidente della provincia Ambra Giorgi

“Il pacchetto potrebbe essere inserito in un progetto complessivo di patto territoriale per lo sviluppo che individui quattro o cinque iniziative sui diversi territori della Provincia – spiega Giorgi – finalizzate alla creazione di un certo numero di posti di posti di lavoro che potrebbero essere anche duecento”. La proposta è stata raccolta subito dal sindaco di Vaiano, Annalisa Marchi, e dal sindaco di Vernio, Paolo Cecconi, che hanno individuato nello sviluppo dell’economiaverde e della gestione del territorio un settore di nuova occupazione in Val di Bisenzio.
Il “pacchetto lavoro” dovrà dare prima di tutto risposte a disoccupati che hanno più di 40 anni e sono privi di sostegno al reddito, a lavoratori in mobilità o in cassa integrazione straordinaria e a precari. Per il reinserimento lavorativo, che sarà guidato dal Centro per l’impiego, verranno messi a disposizione voucher formativi individuali di 3 mila euro, tirocini formativi (da tre a sei mesi) con un’indennità per le imprese di 450 euro lorde. Alle imprese che al termine del periodo di tirocinio assumono a tempo indeterminato, o che stabilizzano lavoratori precari, viene accordato un incentivo di 5 mila e 500 euro – nel caso non possano beneficiare di sgravi fiscali – e di valore compreso tra 3 mila e 200 euro con i benefici fiscali. Nel caso di assunzioni a tempo determinato di almeno 12 mesi il contributo sarà pari al 50%. La Provincia è decisa a far partire avvisi pubblici per l’assegnazione dei fondi entro il prossimo trenta settembre, sulla base dell’attivazione di patti territoriali.

I commenti sono chiusi.