A 15 anni sorpreso a spacciare, appena lunedì aveva derubato un cinese

volante-polizia-commissariato103Ha appena 15 anni, ma il suo curriculum criminale rischia di farlo entrare di diritto nel Guinness. In meno di una settimana è riuscito a collezionare prima un borseggio ai danni di un cinese, poi una denuncia per spaccio di droga, con tanto di fuga rocambolesca lungo il Bisenzio e tentativo – fallito – di guadare il fiume, dove ad impedirglielo è stata una caporal maggiore in gonnella assegnata alla pattuglia interforze Drago e impegnata, con un commilitone e un poliziotto, a controllare la zona di via Arcivescovo Martini. Il ragazzino è lo stesso 15enne marocchino che lunedì scorso era stato fermato all’interno del supermercato Stefan mentre stava dividendosi il bottino del furto del portafogli ad un cinese. Nell’occasione i poliziotti l’avevano denunciato a piede libero, mentre il suo complice era stato accompagnato al Cie (Centro identificazione espulso) di Bari dove è tuttora in attesa di un volo solo andata per Algeri. Evidentemente, però, la lezione non è servita al baby criminale che ieri sera, intorno alle 23, è stato notato in via Arcivescovo Martini insieme ad un altro nordafricano. Alla vista della pattuglia, i due sono scappati e mentre il secondo è riuscito a dileguarsi nel buio, il ragazzino è stato raggiunto e acciuffato, quando era già in acqua con l’intenzione di attraversare il Bisenzio. Poco prima aveva gettato un involucro poi recuperato e contenente più di 2 grammi di cocaina. Con sé il 15enne aveva anche 850 euro, probabile provento di spaccio e per quello sequestrati. Stavolta, dopo la denuncia per spaccio di sostanza stupefacenti, il ragazzino terribile è stato affidato ad un istituto di assistenza per minori.

I commenti sono chiusi.