Da domani si possono regolarizzare colf e badanti, ecco cosa si deve fare

badanteScatta domani la possibilità di regolarizzare colf e badanti e, per agevolare i cittadini, il Servizio immigrazione e cittadinanza del Comune insieme all’Urp hanno messo a punto un’informativa dettagliata. Innanzitutto la domanda (con un massimo di una colf e due badanti per famiglia) potrà essere presentata da domani 1 settembre fino al 30 settembre e riguarda i cittadini italiani o comunitari oppure non comunitari che hanno un rapporto di lavoro irregolare (non inferiore a 20 ore settimanali) addetti al lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare (colf) o all’assistenza di persone affette da patologie o handicap che ne limitano l’autosufficienza (badante), almeno dal 30 marzo 2009. Possono presentare domanda di regolarizzazione anche le persone colpite da provvedimento di espulsione a patto che questo non riguardi motivi di sicurezza, ordine pubblico o terrorismo, oppure in presenza di condanna anche non definitiva pee un reato per cui è previsto l’arresto.
Per poter regolarizzare una colf è necessario avere un reddito di almeno 20 mila euro in caso di nucleo familiare composto da un solo percettore di reddito e di almeno 25 mila euro in caso di nucleo familiare composto da due o più percettori di reddito. Per poter regolarizzare una badante non c’è un limite di reddito ma occorre un certificato di una struttura sanitaria pubblica o del medico di famiglia che attesti la non autosufficienza (data da patologia o handicap) della persona assistita. La dichiarazione di emersione è presentata previo pagamento di un contributo forfettario 500 euro per ciascun lavoratore.
La domanda deve essere inviata all’INPS in caso di emersione di rapporti di lavoro con cittadini italiani o comunitari o allo Sportello Unico per l’Immigrazione in caso di emersione di rapporti di lavoro con cittadini non comunitari. La richiesta deve essere inviata dal datore di lavoro personalmente o con l’ausilio degli uffici che saranno abilitati. Per il datore di lavoro e il lavoratore che ha presentato la domanda di emersione si sospendono i procedimenti amministrativi e panali previsti per la violazione delle norme sull’immigrazione o sul lavoro.

Un pensiero su “Da domani si possono regolarizzare colf e badanti, ecco cosa si deve fare

  1. Badante. Termine che era sconosciuto sino a pochi anni orsono.
    Persona che “bada” o “abbada”, o meglio guarda e sorveglia.
    Termine che nelle sue mansioni, nella sostanza, inchioda le gravi responsabilità ed inadempienze del Welfare dello Stato italiano.E’ un fenomeno prettamente italico, soprattutto nelle sue dimensioni. Ingloriosi, per non dire vergognosi sarebbero i confronti su tali temi con altri Stati Europei. Subito, i nostri politici si sono preoccupati di regolarizzare le posizioni di simili figure. Riguardo alla professionalità, poi, non importa; non è ritenuta evidentemente aspetto pregnante. Ancora una volta sono le famiglie a farsi completamente carico della funzione di assistenza e cura dei propri bisognosi. Come dire: visto che lo Stato niente fa, rimbocchiamoci le maniche! Sono stupefatto di come i ritardi macroscopici della nostra Legislazione in materia di Welfare, di politiche familiari, siano ancora una volta ignorati! Cosa ci stanno a fare i nostri Legislatori? I nostri Politici? Voglio sperare che i cittadini si rendano sempre più conto di tale situazione ed inneschino con il loro agire democratico profondissimi cambiamenti ed altrettanto profondi rinnovamenti della nostra “classe politica”.