Dal 2 settembre tornano in azione le doppiette: c’è la prima giornata di preapertura

cacciatoreI cacciatori pratesi sono pronti a tirare le loro doppiette fuori dagli armadi. E’ iniziato infatti il conto alla rovescia per le preaperture nei giorni 2 e 6 settembre che consentono la ripresa della caccia su tutto il territorio provinciale non sottoposto a divieto. Al via dunque l’attività venatoria e da appostamento alle specie tortora (Streptopelia turtur), colombaccio, merlo, gazza, ghiandaia e cornacchia grigia e per la caccia solo da appostamento fisso, nei laghi artificiali o altre superfici allagate artificialmente, del germano reale, alzavola e marzaiola. Proprio oggi la giunta regionale, accogliendo le richieste delle amministrazioni provinciali, ha autorizzato insieme ai due giorni di preapertura il prelievo in deroga dello storno che sul nostro territorio potrà essere cacciato solo nei comuni di Carmignano, Montemurlo, Poggio a Caiano, Prato e Vaiano e senza l’uso di richiami vivi. Il neo assessore provinciale alla Caccia, Antonio Napolitano, in occasione dell’avvio della stagione porge un saluto a tutti i cacciatori, augurando loro una felice e serena attività venatoria praticata nel rispetto della legge e dei diritti altrui. ”I cacciatori – continua l’assessore – ci dimostrano che è possibile garantire benefici per ognuno, a loro che esprimono la propria passione e divertimento coniugandola con il rispetto rigoroso dell’ambiente e delle produzioni agricole, e all’ambiente stesso che ne trae un contributo nella salvaguardia delle specie, in particolare di quelle protette”.
Dopo le prime due giornate di preapertura, il periodo di caccia generale ha inizio la terza domenica di settembre (il 20) e termina il 31 gennaio 2010. La caccia è consentita per tre giorni la settimana da scegliere fra lunedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica. La caccia vagante, con o senza l’ausilio del cane, è consentita fino al 31 dicembre 2009 (compreso).

I commenti sono chiusi.