Crisi del distretto, cassa integrazione per dodici dipendenti alla Toscolaniera

La sede della Fil Centro per l'impiego

La sede della Fil Centro per l'impiego

Ancora un’azienda pratese costretta a ricorrere agli ammortizzatori sociali, per far fronte al periodo difficile che sta attraversando. E’ stato firmato questa mattina in Provincia l’accordo per la cassa integrazione straordinaria alla Toscolaniera. L’azienda presenterà istanza di cigs dal 1 ottobre 2009 e per la durata di 12 mesi, per 12 dipendenti al massimo con l’obiettivo di effettuare una razionalizzazione organizzativa per alleggerire e ottimizzare la gestione aziendale attraverso un accorpamento di mansioni e una esternalizzazione di funzioni. Dove sarà possibile verrà attuata la rotazione. L’accordo è stato sottoscritto da Franca Ferrara, dirigente del servizio Orientamento e lavoro della Provincia, Riccardo Palombo per la ditta Toscolaniera spa, da Adriano del Bubba per l’Unione industrale pratese, da Enzo Fattori per la Filtea-Cgil, Giovanni Rizzuto per la Femca-Cisl, Angelo Colombo per la Uilta-Uil e dai rappresentanti dei lavoratori dell’azienda. Naturalmente è prevista l’attivazione del programma di politica attiva del lavoro attraverso lo Sportello emergenze e il Centro per l’impiego, finalizzato alla ricollocazione e riqualificazione con orientamento, formazione individualizzata per l’inserimento lavorativo, accompagnamento della persona e affiancamento della stessa nell’inserimento in una nuova attività.

I commenti sono chiusi.