Festa di San Michele a Carmignano, il Rione Celeste fa cappotto e vince tutto

palio-dei-ciuchi-festa-san-micheleVince tutto il Rione Celeste dell’Arcangelo che dopo essersi aggiudicato la terza corsa valida per il Palio dei Ciuchi e di conseguenza il Palio 2009, si porta a casa anche il trofeo per la miglior sfilata folcloristica. E’ finita così ieri sera martedì 29 settembre la trentesima edizione della Festa di San Michele a Carmignano, una manifestazione che affonda le sue radici nella storia e la cultura di questo borgo del Montalbano. La versione attuale, nata negli anni Trenta ma che viene realizzata ininterrottamente dal 1980, ha origini sono molto più antiche e derivano dal culto di San Michele Arcangelo fin dall’anno Mille. Per tre giorni  Carmignano è stato il palcoscenico di uno spettacolo straordinario con la sfida tra i quattro rioni, ognuno contrassegnato con un colore dal significato simbolico, il Bianco, il Celeste, il Giallo e il Verde che si sfidano in un corteo composto da oltre mille figuranti, che ha attraversato le strade e le vie del paese. Nel corteo ogni rione propone un suo vero e proprio spettacolo teatrale in strada con scenografie, maschere e carri allegorici. Quattro le storie che vengono messe in scena per una gara che vede alla fine vincere lo spettacolo migliore attraverso il giudizio di quindici giurati opportunamente selezionati tra personaggi del mondo dell’arte, dello spettacolo dal teatro. Episodi veri o leggende, ogni anno diverse, che andrebbero perse se non venissero riportate in vita da questo straordinario spettacolo di memoria collettiva. Per concludere c’è poi il sentitissimo Palio dei Ciuchi. Quattro fantini, montando a pelo i propri ronzini, percorrono quattro giri della piazza. Alla fine dell’ultimo giro, affinché sia valida la vittoria, il fantino che arriva per primo deve sfondare con le mani un cerchio di carta posto all’arrivo. Al termine delle tre sere il fantino che ha totalizzato il punteggio maggiore si aggiudica il Palio, e questa volta è stato il Rione Celeste che con l’esperto fantino Angelo Oppito, ha vinto la gara di sabato e è arrivato secondo in quella di domenica, dove è stato il Rione Bianco a tagliare per primo il traguardo con in sella il giovanissimo Alessandro Culato alla prima assoluta in un Palio dei Ciuchi,  e ha vinto per distacco quella decisiva di ieri sera. Il Rione Celeste si è aggiudicato anche il premio per il miglior corteo con lo spettacolo “Con la terra nelle mani”, ovvero la scenografica descrizione della lavorazione della ceramiche a Bacchereto, è la rappresentazione che più ha convinto e i quindici giurati divisi nelle tre serate. In questo modo con nove primi posti e un punteggio finale di 63 punti il Rione Celeste si porta a casa il trofeo, una rappresentazione scultorea dell’Arcangelo Gabriele, patrono della città, per il secondo anno consecutivo. Secondo il Rione Bianco della Torre distaccato di undici punti. La loro accurata descrizione sugli scalpellini delle cave di Poggio alla Malva ottiene il consenso maggiore di cinque giurati su quindici. Fatali forse i tre terzi posti suddivisi in uno per sera che portano la contrada della Torre a raggiungere quota 52. Più distanziato il Rione Verde dell’Arte che con la loro “Esserne figlio” ottengono un solo primo posto nel pomeriggio di domenica, ma anche due ultimi posti che gli permetteranno di raggiungere soltanto quota 33, punteggio che vale il terzo posto. A chiudere il Rione Giallo del Leone, mai in gara con soli 18 punti. “E’ stata una festa dove hanno vinto tutti i carmignanesi – ha commentato soddisfatto il sindaco Doriano Cirri – e che ogni anno cresce di qualità.  Sono anche contento perché è una competizione dove però emerge sempre di più lo spirito di collaborazione e il fair play tra i rioni in gara”. “E’ stata una manifestazione bellissima– ha sottolineato Stefano Fatighenti Presidente del Comitato del San Michele – che ha registrato una straordinaria partecipazione di pubblico e dove tutta la nostra macchina organizzativa ha funzionato al meglio”.

I commenti sono chiusi.