La mostra “Lo stile dello zar” vicina a quota 2.500 visitatori. Gestri: “Partenza che fa ben sperare”

Circoncisione cigoli mostra zarAl Museo del Tessuto, e anche in Provincia e all’Apt, preferisconmo fare gli scongiuri e incrociare le dita. Ma è un fatto che la prima settimana di apertura (dal 18 al 27 settembre) della mostra “Lo Stile dello Zar” è stata un successo senza precedenti per un vento culturale a Prato. Fino ad ora, infatti, è stata visitata da 2.343 persone (800 all’inaugurazione e 1.543 dal 19 al 27, questi ultimi in stragrande maggioranza visitatori paganti). Basti pensare che sono stati 300 i biglietti staccati solo nella giornata di ieri, domenica 27 settembre.
Un risultato molto positivo che il presidente della Provincia Lamberto Gestri sottolinea con soddisfazione.“Siamo partiti indubbiamente con il piede giusto – dice -. Tanti visitatori sono un risultato importante che ci deve spingere a lavorare con ottimismo. L’impegno di tutti è ancora il valore aggiunto di questo progetto e il segreto del suo successo”.
E parallelamente alla buona affluenza alla biglietetria del Museo, anche Il bookshop ha registrato un notevole successo, sia dei cittadini pratesi, contenti finalmente di veder valorizzato il territorio e le sue risorse, sia dei molti turisti venuti a Prato per visitare la mostra, entusiasti di trovare tanta qualità ed originalità in un bookshop museale, punti vendita che invece nel panorama nazionale si caratterizzano spesso per la serialità, la presenza di prodotti importati e la scarsa creatività.

I commenti sono chiusi.