Nasce il laboratorio interattivo all’interno del museo di Scienze planetarie

museo-scienze-planetarieSi potrà andare in bicicletta in giro per lo spazio per incontrare sole e pianeti, verificare come cambia il proprio peso sui vari pianeti utilizzando apposite bilance, compiere un immaginario percorso al centro della Terra, sperimentare cosa accade alle meteoriti durante il passaggio in atmosfera o anche compiere una visita virtuale all’interno della stazione spaziale internazionale. Tutte esperienze che il nuovo laboratorio interattivo del Museo di Scienze planetarie mette a disposizione da sabato 3 ottobre per offrire alle scuole, ma anche alle famiglie, la possibilità di avventurarsi piacevolmente nel mondo delle scienze planetarie. “Si tratta di una iniziativa che fa parte delle celebrazione galileiane della Regione Toscana ma per l’offerta culturale e scientifica del nostro territorio significa aggiungere uno straordinario strumento di divulgazione a un Museo come quello di Scienze planetarie che sta via via conquistando un ruolo sempre più incisivo nel panorama toscano e non solo”, dice il presidente della Provincia Lamberto Gestri.
Da sabato 3 ottobre dunque il laboratorio sarà aperto al pubblico il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18,30, e la domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 19, (nei giorni feriali è riservato alle scuole). Il laboratorio, ideato e gestito dalla Fondazione Prato Ricerche e finanziato dalla Regione, utilizza locali adiacenti al Museo messi a disposizione dalla Provincia con l’obiettivo di potenziarne le attività. E’ rivolto principalmente all’utenza scolastica e a gruppi organizzati su prenotazione, ma punta anche a coinvolgere le le famiglie per le quali sarà aperto appunto nei fine settimana e nei festivi. Le postazioni didattiche-laboratoriali realizzate in collaborazione con il Dipartimento di Astronomia e Scienza dello Spazio dell’Università di Firenze e con il Museo di Montebelluna, consentono di avvicinare il visitatore ai principi del metodo sperimentale Galileiano e più in generale ai fondamenti del metodo scientifico dello studio della natura. Le tematiche del laboratorio riguardano essenzialmente la formazione, le caratteristiche e i corpi minori del sistema solare, ma anche il viaggio dell’uomo nello spazio. Grazie alla collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Firenze è stato possibile realizzare, all’interno dei nuovi locali che ospitano il laboratorio, una serie di installazioni artistiche sotto forma di riproduzioni di alcune opere degli allievi dell’Accademia.

I commenti sono chiusi.