Rugby, fantastici Cavalieri: espugnata L’Aquila con uno strepitoso Wakarua

Rima Wakarua

Rima Wakarua

I Cavalieri ci hanno preso gusto e dopo aver battuto in casa il temibile Viadana sono andati ad espugnare, nel turno infrasettimanale, il sempre ostico campo dell’Aquila. I tuttineri si sono imposti per 29 a 20 dopo un primo tempo equilibrato e una ripresa tutta in tinta pratese con la formazione di De Rossi e Gaetaniello apparsa più brillante e efficace nel proprio gioco.Per i Cavalieri è una vittoria storica, che fa il paio con quella di sabato col Viadana e che permette ai tuttineri di scavalcare in classifica proprio L’Aquila abbandonando l’ultimo posto in classifica, sempre in attesa del ricorso per riavere i 4 punti tolti dal giudice sportivo.
Il punteggio della sfida del Fattori si sblocca già al 5′, dopo le prime fasi di studio. E’ il mediano di mischia Roccuzzo a sfruttare un calcetto per se stesso e andare a varcare la linea. Da posizione difficile Fraser, altro ex Calvisano, non trasforma per il 5-0 parziale. La reazione dei Cavalieri è veemente e il pareggio arriva appena due minuti dopo, al 7′, con Filippo Cristiano (prima meta con i tuttineri): calcio tattico di Burton che calcia in diagonale verso la bandierina di meta dove è ben appostato il terza linea laniero che schiaccia in meta. Al 10′ nuovo vantaggio degli abruzzesi con Fraser che sfrutta una irregolarità del pacchetto di mischia laniero e centra i pali. Il meritato pareggio dei tuttineri arriva al 33′ grazie a Wakarua autore prima di una azione offensiva fermata dal fallo con giallo di Roccuzzo e poi dal calcio piazzato dello stesso estremo dei tuttineri. L’Aquila si magia una meta con Pallotta, ma trova la via dei pali al 37′ con Fraser. Nel finale di tempo ancora Wakarua al limite dei 22 realizza il penalty per l’11-11 con cui si conclude la prima frazione di gioco.
Ad inizio ripresa, dopo appena 1′, nuovo penalty per i tuttineri con Burton che però da metà campo non centra i pali. Al 2′ un passaggio in avanti dei Cavalieri vanifica la meta dei lanieri di Wakarua. Lo stesso Wakarua al 10′, ancora su penalty porta per la prima volta i Cavalieri in vantaggio per 14 a 11. Continua il duello a distanza tra l’estremo dei Cavalieri e l’apertura aquilana Fraser che con un nuovo penalty, all’11′, centra i pali. Ma i tuttineri sembrano aver qualcosa in più in questo avvio di ripresa e trovano la meta del nuovo vantaggio al 22′ con Petillo. Fraser riaccorcia le distanze al 27′ per il 17-19. Cavalieri che hanno una buona occasione con Stanojevic ma che non concretizzano per un avanti. Manawatu da meta campo al 32′ riporta avanti gli abruzzesi. Con Burton ammonito e fuori per il resto dell’incontro. Nonostante l’inferiorità numerica, i pratesi sono come dei leoni e trovano il nuovo vantaggio grazie al calcio di punizione di Wakarua al 38′. Nel finale un sontuoso Wakarua, il migliore dei pratesi con i suoi 19 punti messi a segno), realizza la meta e la trasformazione del trionfo laniero. Cavalieri in delirio, mentre L’Aquila non conquista punti e piomba all’ultimo posto.

I commenti sono chiusi.