Concorso Play Trend, il 10 dicembre la premiazione della giovane stilista vincitrice

Le dieci finaliste di Play Trend con i massimi dirigenti del Museo del Tessuto

Le dieci finaliste di Play Trend con i massimi dirigenti del Museo del Tessuto

E’ giunto alle battute finali il concorso Play Trend, promosso dalla Fondazione Museo del Tessuto e riservato ai giovani stilisti europei. L’iniziativa è stata inserita nel ricco calendario della Festa della Toscana 2009 e vedrà il prossimo 10 dicembre il suo atto conclusivo, con la proclamazione della vincitrice durante una serata evento al Museo del Tessuto – forse nelle ultime due sale “acquisite” – con la sfilata dei dieci modelli preparati dai concorrenti e un Dj set con lounge bar a disposizione di tutti gli invitati. La vincitrice, e la seconda classificata cui andrà un premio speciale della Regione Toscana, saranno scelti da una giuria qualificata che si riunirà in doppia sessione: il 2 dicembre a Prato, il giorno successivo. a Milano. La giuria sarà presieduta da Andrea Cavicchi, presidente della Fondazione Museo del Tessuto e da Patrizia Bambi, titolare di Patrizia Pepe, main sponsor del concorso. Ne faranno parte, poi, rappresentanti delle aziende sponsor (Lanificio Becagli, Faliero Sarti, Furpile Idea e Ultra) oltre a giornalisti sia delle testate locali sia delle principali riviste di moda a livello nazionale.
La prima edizione di Play Trend ha visto la partecipazione di oltre 500 giovani stilisti provenienti da tutta Europa. A giugno una giuria ne ha selezionati 10 che hanno potuto svolgere una settimana di Fashion Hub nelle aziende pratesi. E proprio qui, nelle parole del direttore del Museo del Tessuto Filippo Guarini, sta il valore aggiunto dell’iniziativa per Prato e il suo distretto. “Significativamente – dice Guarini – abbiamo individuato tre parole per connotare il concorso: giovani, creatività, industria. E se quest’ultimo aspetto è sicuramente riconducibile alla storia di Prato, ci piace sottolineare anche gli altri due: da noi manca infatti la coscienza della creatività che permea tutte le produzioni pratesi, così come l’investimento sui giovani ci sembra fondamentale per il rilancio del nostro tessile. Proprio per questo stiamo già lavorando alla seconda edizione del concorso”.
E che Play Trend sia andato nella strada giusta, oltre ai numeri dei partecipanti lo dicono anche i riconoscimenti di altissimo livello. “A settembre – spiega Francesco Bolli, responsabile del progetto – Vogue Italia ha dedicato una newsletter ai giovani creativi di moda e tra le iniziative migliori veniva citato proprio Play Trend”.

I commenti sono chiusi.