Difesa del suolo, rinnovata la convenzione con la Comunità montana

taglio-boscoIl Consiglio provinciale ha approvato il rinnovo della convenzione con la Comunità montana per l’affidamento delle funzioni di sistemazione idraulico forestale e di difesa dagli incendi boschivi. La delibera è stata approvata con il voto favorevole di Pd e Idv mentre Pdl e Udc si sono astenuti. Le dichiarazioni di voto sono di Pacini (Pd) e del capogruppo Idv Mori. L’assessore all’Ambiente, alla Difesa del suolo e alla Protezione civile Stefano Arrighini a illustrato il provvedimento spiegando che si tratta di un accordo basato sulla legge forestale della Toscana. “L’esperienza della convenzione in scadenza è stata positiva e l’affidamento è importante anche per valorizzare il ruolo e le competenze della Comunità montana – ha spiegato Arrighini – Del resto la Comunità è organo di bonifica, ha competenze specifiche sullo sviluppo rurale e assicura su tutto il territorio provinciale i servizi anticendio”. Arrighini ha anche chiarito, rispondendo a una domanda in merito di Riccardo Bini (Pdl) che le risorse per la convenzione, che garantisce l’opera di 15 operai forestali per la Val di Bisenzio e 3 per il resto della Provincia, ammontano a circa 450 mila euro all’anno.

I commenti sono chiusi.