Il Prato impatta con la Sangiovannese, ma recrimina per due occasioni fallite da Basilico e Vieri

Max Vieri

Max Vieri

Il Prato mantiene la sua imbattibilità nei derby toscani della stagione anche a San Giovanni Valdarno. Al termine di una partita spettacolare, per ritmo di gioco ed occasioni da gol create, Prato e Sangiovannese si fermano sullo 0-0.  Un risultato bugiardo per quanto visto in campo. Entrambe le formazioni, infatti, si sono espresse con determinazione, a viso aperto, per cercare i tre punti, facendo onore al gioco del calcio.  Una gara piacevole dunque, ricca di emozioni al cospetto di un buon pubblico e di un clima di stampo inglese. Un pari che alla fine accontenta i biancazzurri, che rimangono in seconda posizione a pari merito con il San Marino (pareggio a Colle Val D’Elsa) e con due lunghezze in più dell’Itala San Marco sconfitta Poggibonsi. Se ne va in fuga, invece, la Lucchese, che cala il poker vincente in casa con la Carrarese.
Il punto conquistato oggi a San Giovanni permette comunque ai lanieri di inanellare il quinto risultato utile consecutivo (tre vittorie e due pareggi) e di continuare il trend intrapreso di fronte alle cugine toscane (due vittorie e tre pareggi in questa stagione), anche se rimane il rammarico di aver fallito due gol clamorosi con Basilico e Vieri nel primo tempo. La prima volta nelle fasi iniziali quando Silva Reis se ne va per vie centrali, pescando con un pallone delizioso Basilico sul filo del fuorigioco. L’attaccante si ritrova a tu per tu con l’estremo difensore avversario, stoppa il pallone e calcia clamorosamente sopra la traversa fra le proteste locali per una possibile posizione di offside. Al 27’ ancora con Silva Reis che serve Basilico. L’attaccante prova lo scambio con Fogaroli. Quest’ultimo s’infila con una serpentina in area di rigore e prova il diagonale. Dei respinge sui piedi di Vieri, ma l’attaccante a porta sguarnita incespica sul pallone e conclude fuori.
Da segnalare l’espulsione di Acciai nei minuti di recupero per doppia ammonizione. Una decisione francamente opinabile, proprio per il fallo innocuo commesso dal centrocampista. Domenica prossima sarà la volta del Gubbio al Lungobisenzio nel secondo incontro del “ciclo di ferro” prima del termine del girone di andata.

I commenti sono chiusi.