La Fil adesso è solo pubblica. Ambra Giorgi: “Tutti i Comuni dovrebbero entrare nella società”

Il vicepresidente della provincia Ambra Giorgi

Il vicepresidente della provincia Ambra Giorgi

La Provincia acquista le azioni dei soci privati della Fil per costituire una società a capitale interamente pubblico. Votata a maggioranza dal Consiglio provinciale nella seduta dello scorso mercoledì, questa mattina la decisione è stata ratificata anche dall’assemblea dei soci.
La vice presidente Ambra Giorgi ha spiegato che la Provincia con l’acquisto delle quote attualmente detenute per il 27% da CO.Ge.FIS (Unione industriale, Cgil, Cisl e Uil), da Confartigianato (5,6%), Unione commercianti (0,2%), Camera di Commercio (5%), Confesercenti (5,6%) e Cna (5,6%) compie il primo passo per trasformare la Fil da una società a capitale misto ad una a capitale pubblico. “Questa scelta ci viene richiesta dalla normativa, il decreto Bersani infatti permette la presenza di soci privati in questo tipo di società, ma solo se vengono scelti con una procedura di evidenza pubblica – ha sottolineato Giorgi – Il percorso più veloce ed efficace senza interrompere il servizio e salvaguardando i rapporti di lavoro era senz’altro di trasformare la società”. La Provincia deteneva già il 30% delle quote, mentre il 18% appartiene al Comune di Prato, l’1% a quello di Montemurlo e lo 0,4% al Comune di Vaiano. Le quote dei privati sono state acquistate al valore nominale di 130 mila euro (l’intero valore delle quote ammonta a 260 mila euro). Il percorso che adesso si apre per la Fil è quello della gestione in house providing, cioè diretta. Continuerà a gestire il Centro per l’impiego, compito specifico della Provincia per legge, e la formazione sociale (per le categorie protette). Il resto della formazione tornerà sul mercato, ma la vice presidente si augura “che tutti i Comuni entrino nella società perché il territorio sia rappresentato interamente e che si dia vita a una nuova società in grado di interloquire con la Fil riguardo alla formazione”.

I commenti sono chiusi.