Nel 2008 raccolte oltre 75mila tonnellate di rifiuti differenziati, ecco dove sono finiti

raccolta_differenziataSono 75.194 le tonnellate di rifiuti differenziati raccolte da Asm nel 2008, ovvero il 43,02 per cento della quantità complessiva recuperata in tutta l’area pratese. Un risultato che ha portato Prato a guadagnare il terzo posto della classifica regionale della raccolta differenziata e che, soprattutto, ha visto aumentare di oltre 4 punti percentuali la performance del 2007.
Il viaggio della raccolta differenziata comincia dalle famiglie e dalle attività economiche con il conferimento a seconda del servizio (cassonetto stradale o porta a porta), passa dalla raccolta di Asm e si conclude con la consegna agli impianti finali di riciclaggio dislocati un po’ in tutta Italia. Tra il primo gennaio e il 31 dicembre dello scorso anno, sono partite dallo stabilimento di Asm 10.676 tonnellate di rifiuti organici destinati a Publiambiente (Empoli) che ha ricevuto anche 3.343 tonnellate di verde (sfalci e potature). Il vetro, 5.520 tonnellate, e la plastica, 5.404 tonnellate, hanno preso la via di Agliana (Recoplast), di Grosseto (Ecolat), della provincia di Terni (Interpark), di Genova (Revetro), di Pontedera (Revet), di Empoli (Revet vetri), della provincia di Mantova (Lavetri) e di quella di Venezia (Vetrital servizi) e da ognuno di questi impianti sono successivamente finiti al consorzio Corepla.
Sono invece 38.481 le tonnellate di carta e cartone inviate in lucchesia: Ponte a Decimo (Mondialcarta), Porcari (Sca Packaging), San Pietro a Vico (Cartiere Cardella) per il consorzio Comieco. Il viaggio del legno, 6.921 tonnellate, si è chiuso a Viadana, in provincia di Mantova, presso l’impianto di Sia e da qui al consorzio Rilegno.   Trasferiti anche gli ingombranti dopo la divisione per tipologia: metalli, legno, vetro, piccoli elettrodomestici. In questo caso, i materiali sono stati destinati ad impianti di Brescia e provincia, della provincia di Reggio Emilia, di Livorno, di Empoli, di Prato, delle province di Arezzo, Sondrio e Vicenza.
Residuali, rispetto al complesso, le quantità differenziate di altri rifiuti: farmaci (inviati alle Veolia servizi ambientali di Brindisi), pile (trasferite alla Teseco di Pisa), pneumatici (impianto situato nella provincia di Treviso), supporti informatici (provincia di Ravenna), oli minerali (impianto Produrre pulito di Sesto Fiorentino).
Intanto, anche in linea con gli obiettivi di raccolta differenziata stabiliti a livello regionale (55 per cento nel 2010) e a livello nazionale (65 per cento nel 2012), Asm ha proseguito sulla strada della “differenziata spinta” estendendo anche al centro di Prato e a Carmignano il porta a porta già introdotto più di un anno fa a Vaiano. La raccolta porta a porta, nel 2010, sarà attivata anche nella parte Nord di Prato. In più è proseguita l’operazione della raccolta integrale dei rifiuti porta a porta con cassonetto personale che è in uso alla maggior parte delle aziende delle aree produttive di tutta la provincia.

I commenti sono chiusi.