Turismo, certificazione di qualità per 26 strutture ricettive della provincia

turistiLa ricerca di una vocazione turistica per Prato e il suo territorio passa necessariamente anche da una valorizzazione delle strutture ricettive giocata sul piano della qualità. Così è sicuramente positivo che anche quest’anno siano 26 le imprese del territorio che otterranno il marchio di qualità Isnart per i servizi turistici. Quest’anno è stata tra l’altro inserita anche una nuova categoria tra quelle che possono ottenere il marchio: ad alberghi, ristoranti e agriturismo si è infatti aggiunta la categoria dei bed & breakfast. Il marchio di qualità “Ospitalità italiana” valuta prevalentemente il livello dell’offerta al cliente, la trasparenza, i servizi ed è quindi un riconoscimento importante. La Camera di Commercio di Prato ha sostenuto i costi del percorso di accreditamento delle imprese che si sono dichiarate interessate ad ottenere il marchio, stimolando in questo modo il miglioramento dei servizi offerti.
La qualità delle imprese pratesi non è passata inosservata. Due anni fa il ristorante Ghirighio di Migliana aveva vinto il premio nazionale tra i ristoranti Gourmet; lo scorso anno è arrivato in finale il  ristorante pizzeria “Da Giovanni Cavallino Rosso” di Prato. L’iniziativa è totalmente gratuita e, oltre a rappresentare un investimento promozionale e commerciale per gli operatori coinvolti, offre una serie di concreti vantaggi sia per gli esercenti sia per i turisti. L’ottenimento del marchio comporta infatti l’inserimento all’interno di una guida che viene poi distribuita a livello nazionale e in tutte le più importanti fiere di settore.

I commenti sono chiusi.