Canile alluvionato, recuperati quasi tutti i cani. Il bilancio finale è di un animale morto e uno disperso

Il salvataggio dei cani al Calice

Il salvataggio dei cani al Calice

Un solo cane morto, un altro che risulta disperso ma che dovrebbe essere vivo. A quasi una settimana dall’alluvione che, tra le altre cose, ha sommerso anche il canile del Calice, il bilancio si ridimensiona rispetto a quanto paventato in un primo momento. Praticamente quasi la totalità dei 180 animali ospiti della struttura è stata recuperata e alloggiata nel canile provvisorio allestito nelle scuderie dell’ex Ippodromo, dove continua la gara di solidarietà dei pratesi. “C’è attualmente ancora un cane disperso ma che - fa sapere l’assessore alla Protezione Civile, Dante Mondanelli – è stato più volte avvistato e quindi è, con ogni probabilità, ancora vivo. Tutti gli altri inizialmente dispersi sono stati ritrovati, ricoverati e affidati alle cure degli esperti e alla grande sensibilità dei pratesi, insieme ad ogni altro cane presente al Calice, presso il parco ex Ippodromo. Questo è il dato ultimo e definitivo. Un cane morto su 180″.
L’Amministrazione rammenta inoltre che per le prossime 48 ore è prevista una nuova allerta meteo, con piogge intense soprattutto nella notte di San Silvestro. ”Per questo – conclude Mondanelli – la sala operativa della Protezione Civile, con le sue ottime risorse umane, uomini e donne, professionisti e volontari, è pronta ad affrontare ogni tipo di emergenza”. Tutto questo mentre continua il dramma degli sfollati dalle case sommerse dall’acqua a Ponte dei Bini, attualmente ospitati a Villa del Palco o presso amici e familiari. L’idea era di fare rientrare i primi nelle loro abitazione per la fine della settimana, ma questo nuovo aggravarsi delle condizioni meteo potrebbe far slittare il piano.

I commenti sono chiusi.