Industriali preoccupati per i lavori sulla Sr325: “Problemi per le imprese tessili della Vallata se non finiscono prima di febbraio”

sr-325-lavori-in-corsoC’è preoccupazione negli ambienti dell’Unione Industriale sulla durata dei lavori sulla Sr325, con le possibili ripercussioni sulle attività imprenditoriali della Vallata. “A settembre – si legge in una nota – l’Unione evidenziava la necessità che i lavori del cantiere delle Coste, della durata prevista di quattro mesi, avessero inizio celermente e che fossero rigorosamente circoscritti alle tempistiche previste. Il rispetto dei tempi sarebbe servito ad evitare difficoltà alla mobilità sulla Sr 325 in corrispondenza dei mesi di febbraio e marzo, solitamente quelli in cui si concentra una quota consistente del lavoro delle imprese tessili della vallata. Da venerdì 18 dicembre però il cantiere è fermo e non riprenderà l’attività che l’11 gennaio: uno stop di ben tre settimane che si inserisce in un andamento dei lavori già reso discontinuo dal fermo durante tutti i fine settimana (sabato e domenica per intero). Il fatto che in questo periodo sia ripristinato il doppio senso di circolazione non porta giovamento alle imprese manifatturiere, che lavorano a scartamento ridotto per le festività; queste invece rischiano significative penalizzazioni per la sovrapposizione della parte restante dei lavori con l’inizio del picco della loro attività. Tale sovrapposizione è anzi ormai praticamente certa per il mese di febbraio; è da scongiurare l’eventualità che il disagio si prolunghi ulteriormente”.
Soddisfazione, invece, per il taglio del nastro alla galleria della Madonna della Tosse. “E’ positivo – proseguono gli Industriali – che domani 23 dicembre venga aperta la galleria e sono motivo di rassicurazione le affermazioni dell’assessore Menchetti sull’acquisita maggiore affidabilità anche finanziaria dell’impresa che svolge i lavori: tuttavia il fattore tempo è decisivo e su questo fronte il quadro che si prospetta non lascia tranquilli”.

I commenti sono chiusi.