Maltempo, il sindaco di Montemurlo ringrazia tutti i soccorritori: “Un lavoro encomiabile”

pioggiaUn ringrazoamento a chi si è impegnato per superare l’emergenza e l’invito a trovare soluzioni per mettere in sicurezza anche i punti che si sono rivelati più a rischi. Il sindaco del Comune di Montemurlo Mauro Lorenzini fa il punto sull’emergenza maltempo che non ha risparmiato il territorio montemurlese, anche senza che si registrassero gravi danni: “Voglio congratularmi per l’enorme impegno e per la riuscita del lavoro congiunto dei volontari, della Protezione civile e della Municipale che sono riusciti a garantire un’ottima gestione dell’emergenza acqua anche durante i giorni di festa. Voglio inoltre aggiungere – ha detto Lorenzini – che questi soddisfacenti risultati non sono da accreditare a quello che è stato definito quasi come un colpo di “fortuna” (ossia la rottura dell’argine del Calice) bensì ai 42 ettari di casse di espansione che hanno funzionato e a tutte le opere di messa in sicurezza idrica fatte sul territorio. Naturalmente – ha concluso – adesso bisognerà lavorare per trovare delle soluzioni anche per i punti che si sono rivelati critici”. Anche l’assessore alla Protezione civile Rossella De Masi ha ribadito quando dichiarato dal sindaco sottolineando l’ammirevole impegno dei volontari che sono scattati al primo allarme svolgendo un lavoro eccellente. “Voglio evidenziare – ha aggiunto la De Masi – la risposta pronta di tecnici e parte politica che hanno fin da subito presidiato le zone in allarme e coordinato i lavori”.  Per un riepilogo degli eventi dei giorni scorsi dell’Unità di Protezione Civile assieme ai volontari delle Misericordie di Oste e Montemurlo, alla Vab di Montemurlo e alla Polizia Municipale, si segnalano i principali interventi che hanno riguardato il fosso Ficarello nella via Montalese a confine con Prato, la Via Puccini dove due aziende avevano accumulato fino a 15 cm d’acqua, la cassa di espansione Meldancione (tra Via Parugiano di Sotto e Via Pola) e le pompe di sollevamento Mazzaccheri in aggiunta ai costanti sopralluoghi e controlli e al continuo monitoraggio delle casse di espansione.

I commenti sono chiusi.