Vernio, altre dieci frane nella notte: isolata anche Luciana. il sindaco: “Da soli non ce la possiamo fare”

frana a vernio25122009121 franaNatale di emergenza per Vernio a causa delle frane. La frazione di Luciana è rimasta nelle prime ore del mattino di oggi isolata per alcune ore, ma alle 9 una ditta, con una pala meccanica, fatta intervenire d’urgenza dal Comune di Vernio aveva già ristabilito i collegamenti.Una decina di frane hanno interessato nella notte il territorio di Vernio, fra quelle già registrate nei giorni scorsi e le nuove intervenute che hanno comportato la chiusura della strada per Luciana per alcune ore e della strada provinciale da Mercatale di Vernio verso Luicciana.Altre due frane, che vanno ad aggiungersi a quella gravissima di due giorni fa fra Sasseta e Montepiano che ha comportato l’interruzione completa del collegamento sulla 325 con quest’ultima frazione, si sono verificate in località La Bonosa e in località Mulino dei Fossi, fra il capoluogo San Quirico e la frazione di Sasseta. Un’altra frana è presente in località La Storaia e su questa sono intervenuti, dal versante emiliano, anche i vigili del fuoco di Castiglione dei Pepoli. Altri cedimenti su strade secondarie come quella da Montepiano va a Gasperone.Fra Cavarzano e Luciana due frane, una delle quali ha interessato l’intera carreggiata comportando l’isolamento della frazione per alcune ore. L’altro collegamento viario fra Sasseta e Luciana, infatti, era stato interessato dall’altro evento franoso di 2 giorni fa e aveva comportato la chiusura completa dell’accesso.
La macchina della protezione civile del Comune, della Comunità Montana e della Provincia è stata in azione sin dalle prime ore del matttino per provvedere a cartellare le zone colpite ed effettuare le chiusure delle strade completamente ostruite da sassi e fango. Preoccupate le dichiarazioni del sindaco di Vernio Paolo Cecconi che chiede aiuti immediati a Provincia, Regione e Stato. “La decina di eventi franosi che hanno interessato il nostro territorio nella nottata, senza considerare quello gravissimo richiederebbero, per la messa in sicurezza in via precauzionale e preventiva di altri tratti di strade dove cedimenti si sono già manifestati, risorse economiche equivalenti alle entrate dell’intero bilancio di una anno del Comune di Vernio. Le somme necessarie si aggireranno sui 6 o 7 milioni di euro. Chiediamo agli enti sovraordinati di impegnarsi immediatamente a reperire le risorse e attivare gli interventi necessarie per il ripristino dei collegamenti, la messa in sicurezza delle strade e la realizzazione dei lavori necessari per ripristinare una condizione di normalità e sicurezza nella circolazione”.  Intanto in mattinata, nella frazione de La Badia di Montepiano, la sicurezza di alcuni edifici è risultata a rischio e il sindaco Paolo Cecconi ne ha disposto l’evacuazione. La frana è in via Beato Pietro, una strada privata vicina a La Badia. La misura interesserà concretamente una sola famiglia in quanto le altre due abitazioni risultano seconde case.

I commenti sono chiusi.