NOTIZIE DI PARTO/Clamoroso: la nuova parrocchia di Vergaio affidata a Don Zauker, ma il paese è in rivolta: “Non lo vogliamo!”

messaDoveva essere un giorno di festa oggi per la Chiesa pratese, con l’ordinazione dei due nuovi sacerdoti. E invece a guastare tutto è arrivata la polemica aperta fra i parrocchiani di Vergaio per la scelta di nominare Don Zauker alla guida della nuova parrocchia, nata dopo la scissione di quella storica per la recente esplosione demografica registrata nel paese di Benigni.
Un agguerrito gruppo di donne del paese non accetta la nomina del prete “extracomunitario” (Don Zauker è infatti originario del Kazakistan) cui avrebbero preferito il giovane vergaiese doc Don  Alberto Azzurri. “Siamo arrabbiatissime – dichiarano alcune delle signore di fronte alla nuova parrocchia – avevamo proposto al vescovo il nome di Don Alberto e avevamo ottenuto la garanzia della nomina, invece ci troviamo di fronte un prete che viene da lontano e che nemmeno ha la padronanza della nostra lingua”. Subito rincara la dose un’altra signora: “Non è questione di razzismo, ma vorremmo che ci guidasse uno di noi”. Da piazza del Duomo invece si tende a minimizzare la questione, rimarcando le elevati capacità dimostrate negli anni di attività nella città di Livorno da Don Zauker, che in questi anni si è fatto amare e apprezzare per le sue qualità umane e spirituali.
In realtà le preoccupazioni maggiori sarebbe legate alle presunte attività di esorcismo svolte da Don Zauker e da alcuni articoli apparsi sulla stampa labronica sui modi poco ortodossi di gestione dell’attività pastorale. A sostenere la protesta contro il nuovo insediamento anche il Carroccio pratese ed il movimento dei Giovani di Prato che hanno annunciato una fiaccolata di solidarietà per le famiglie vergaiesi. Il nuovo parroco si insedierà nella nuova parrocchia di Via Reggiana dalla prossima domenica, si spera che nel frattempo le polemiche siano rientrate e si torni alla pace, nella tranquilla frazione di Vergaio.

La Banda Gastrica

11 pensieri su “NOTIZIE DI PARTO/Clamoroso: la nuova parrocchia di Vergaio affidata a Don Zauker, ma il paese è in rivolta: “Non lo vogliamo!”

  1. Sono a dir poco orgoglioso di esser stato nominato vescovo di Vergaio, il paese del compianto Cioni Mario di Gaspare fu Giulia e dell’altrettanto compianto Roberto benigni.
    Vorrei immediatamente tranquillizzare tutte pecorin…ehm pecorelle che si sono dichiarate contrarie alla mia nomina, dicendo loro che io mi impegnerò al massimo per poter soddisfare i bisogni di tutte e di tutti, e nel fare questo, sono sicuro di poter contare sull’aiuto dell’Altissimo, oltre che del Viagra, sia chiaro.
    Saluto quindi i miei nuovi fedeli, invitandoli a partecipare alle messe che terrò nella loro città, dove spero di avere modo di illustrare loro tutta la miracolosa meraviglia del VERBO che, nelle mani giuste, torna a farsi carne.
    Che il Signore vi accompagni fino alla mia porta, ma rimanga d aspettare fuori, per cortesia.

  2. Ma lo sanno quelli del Carroccio e dei Giovani di Prato che Gesù sarebbe un extracomunitario, e se trovato in italia senza permesso di soggiorno sarebbe in un CPT?
    cordiali saluti

  3. E peccato che Benigni non si rivolti nella tomba, ma nel letto a sentire queste cose, perchè è ancora su questa terra….bisognerebbe mandare a lui Don Zauker per riportarlo sulla retta via…

  4. Ma invece di sparare cazzate e prendere per il culo la gente perchè non vi armate di zappa e andate nei campi che sicuramente hanno più bisgono loro di voi che noi di voi???

    p.s. per chi non lo sapesse il signore Don Zauker è il prete esorcista del Vernacoliere!!!

  5. Mamma mia quanto astio per un pizzico di satira! C’è da una vita la rubrica della Banda, è un po’ la vignetta di questo giornale on-line, non mi pare questa tragedia…

  6. peccato che unnèvvero, io e mi amici si sarebbe ritornati tuttinchiesa a divertissi…forse il problema dell’assenza dei giovani dalla chiesa coincide proprio con quella del divertimento…sha bisogno di spazi!!!!!!!e gente disposta a farci divertì, poi dice ci s’annoia, e ci s’annoia si!