Pallanuoto, c’è tanta Prato nella formazione della Toscana impegnata al Trofeo delle Regioni

Giuditta Galardi

Giuditta Galardi

Settimana Santa di pallanuoto per le giovani atlete toscane. A Tolentino si svolgerà da mercoledì a sabato prossimo il tradizionale Trofeo delle Regioni di pallanuoto femminile. Questa manifestazione è riservata alle giovani atlete nate dal ’95 in poi e vede la rappresentativa toscana fra le più prestigiose partecipanti. Il team regionale l’anno scorso vinse un bellissimo argento, battuta solo ai supplementari dalla rappresentativa ligure, ed ora è deciso a confermare i buoni risultati dell’anno scorso
Il nucleo della selezione regionale, guidata dai tecnici Giacomo Grassi dell’ AN Prato e Maurizio Ceccarelli della Rari Nantes Florentia, è composta prevalentemente da giocatrici di Florentia e Prato che fornisce alla rappresentativa sei atlete. Guidata in acqua da Giuditta Galardi, vincitrice l’anno scorso del premio per il miglior centroboa del torneo e reduce dalla vittoriosa trasferta azzurra di Felgueiras la squadra toscana ha i suoi punti di forza nelle pratesi Sara Roccabianca e Laura Zanieri e nelle gigliate Lisa Curandai e Claudia Rorandelli, che hanno già una discreta esperienza nel campionato dii serie B e che guideranno una squadra giovanissima i cui limiti sono tutti da scoprire.
La squadra toscana fa parte del girone B assieme alla Lombardia, le padrone di casa delle Marche e la Calabria, mentre del girone a fanno parte la favoritissima Liguria, la Campania, il Veneto e Lazio.
Le squadre che godono il favore del pronostico sono la Liguria, che difende il titolo e le Marche, che giocano in casa ed hanno un bel movimento pallanuotistico femminile, anche se la selezione toscana cercherà in ogni modo di inserirsi in questa lotta.

SPECIALE ELEZIONI/Il Pdl non fa drammi: “Nessuna ripercussione sul Comune”. La Lega però chiede più peso

scrutinio-schede-votoHanno perso la maggioranza a Prato, ma sono soddisfatti. Emerge questo nel quadro delle prime dichiarazioni del centrodestra di analisi del voto comunale e provinciale. Qualcuno canta vittoria per il sostanziale raddoppio delle preferenze, si tratta del caso della Lega Nord che pur non strappando il seggio in consiglio regionale si ritrova a gestire il successo pronosticato nelle più rosee aspettative. Il Pdl trova fonte di soddisfazione nel risultato tutto altro che brillante del suo rivale diretto, il Partito Democratico. “Siamo felici per avere raggiunto il 30% dei voti, che conferma il risultato del primo turno alle amministrative – racconta a caldo Riccardo Mazzoni, coordinatore provinciale – la nostra coalizione gudagna un punto percentuale, mentre il Pd non ha sfondato il muro del 40%”. Nessun timore di una ripercussione negativa nel giudizio dell’operato dell’amministrazione comunale, anzi si tratta di un voto di stabilità e di incoraggiamento, perché la giunta Cenni ha ben governato, ma una consultazione più politica come le regionali ha portato ad un voto maggiormente legato alle appartenente tradizionali nel feudo rosso di Prato”. Mazzoni non sembra impensierito neppure dal successo della Lega: “Il vento del nord è arrivato anche nelle province toscane e va inquadrato in un trend nazionale. Ho comunque parlato con i dirigenti leghisti dopo la mia intervista a Notizie di Prato e mi hanno detto che non chiederanno assolutamente nulla. Se poi faranno delle richieste legittime ne discuteremo”. Più analitico Alberto Magnolfi, capogruppo uscente in consiglio regionale e salvo sorprese degli ultimi seggi riconfermato fra gli scranni di via Cavour: “In ambito regionale la Lega avanza in maniera non travolgente, a Prato beneficia della questione immigrazione. Il loro successo nasce da un linguaggio più chiaro e talvolta più brutale, che sono più ascoltati da alcune fasce della popolazione”. Che aggiunge un invito alla riflessione sul segnale di disaffezione dell’elettorato proveniente dall’alta percentuale dell’astensionismo, uno dei maggiori vincitori di questa consultazione. Non deve, invece gioire il centrosinistra per Magnolfi: “Deve vedersela con l’avanzata pesantissima delle forze, che non hanno una cultura riformista e di governo”. Se da una parte, però Magnolfi si dichiara non dispiaciuto dell’affermazione della Lega Nord, dall’altra proprio il segretario regionale dei padani, Claudio Morganti gli fa giungere una doccia fredda: “Il nostro risultato è dovuto anche agli scontenti del Pdl per la sua candidatura, che già 5 anni produsse gli stessi effetti con un calo dell’allora Forza Italia”. Un successo che Morganti ed il segretario provinciale Federico Tosoni attribuiscono anche ad altro fattori: il lavoro in consiglio comunale ed in assessorato, la sensibilità verso il tema della sicurezza, la doppia visita di Maroni a Prato. Gli effetti sono stati eloquenti e adesso bisognerà vedere nei prossimi giorni quanto a fondo la dirigenza padana spingerà a fondo l’acceleratore per capitalizzare il risultato. Emblematica da questo punto di vista la metafora adottata da Tosoni: “La Lega è come una persona che pesava prima 70 kg e portava la taglia 50 dei pantaloni e adesso si trova ingrassata di 10 kg. È evidente che quei pantaloni non entriamo più”. In termini più prosaici Tosoni avanza le prime richieste: “Vanno rivisti tutti gli assetti della giunta comunale come l’Italia dei Valori farà in Provincia in ragione del suo raddoppio di voti. Non sarebbe giusto che la Lega continuasse ad occuparsi soltanto di controllare il cloro nella piscina”. Più prudente, ma ugualmente decisa la voce di Morganti: “Per noi questo risultato vuol dire più peso per la Lega e maggiore voce in capitolo su tutte le scelte da fare ad esempio sulle municipalizzate. È anche un chiaro segnale che danno i cittadini pratesi, affinché vadano avanti le nostre idee nel centrodestra”. A chiudere il cerchio delle reazioni del centrodestra pensa Enrico Mencattini per l’Udc, partito non coalizzato per le regionali con Pdl-Lega, ma saldamente alleato nel governo del Comune. Dai centristi arriva in particolar modo una lettura della sconfitta del centrodestra nel quartiere centro “non abbiamo avuto ancora la possibilità di dare tutte le soluzioni che ci chiedono i cittadini per ridargli sicurezza e decoro a causa di una lentezza pregressa della macchina comunale”. E proprio queste sono le richieste che ha intenzione di portare l’Udc sui tavoli della maggioranza comunale nelle prossime settimane.

Carlandrea Adam Poli

SPECIALE ELEZIONI/Pd e IdV si godono la rivincita: “E’ già esaurito l’effetto vittoria per il centrodestra”

elezioni_amministrative_urnaC’è clima di festa nei quartieri generali di Partito Democratico ed Italia dei Valori. Il centrosinistra torna ad essere nettamente maggioranza in tutta la provincia e, in particolar modo, nel comune di Prato. E subito si levano commenti non solo di legittimo d’orgoglio per il successo, ma anche di rivincita rispetto alla sconfitta rimediata alle amministrative dello scorso giugno: “E’ un risultato soddisfacente per Enrico Rossi, che si conferma primo col 55% anche a Prato – sintetizza Bruno Ferranti, segretario provinciale del Partito Democratico -, la sconfitta della maggioranza comunale dopo appena 9 mesi, dimostra che la città non è andata a destra, semplicemente c’è stata una serie di errori da parte del centrosinistra. Possiamo dire che con questo voto è da considerare esaurito l’effetto della vittoria alle amministrative del centrodestra”. Sulla stessa lunghezza d’onda Fabrizio Mattei, l’unico candidato che al momento ha in tasca l’elezione in consiglio regionale: “Siamo contentissimi di queste elezioni regionali, il centrosinistra ha riconquistato la maggioranza nella città di Prato. È stata premiata la proposta politica basata sul rilancio dell’economia, sul lavoro, che saranno i punti di riferimento per la prossima legislatura”. Il consigliere Pd intravede in questo qualcosa di più di un semplice dato, capace di influire sugli esiti dell’agenda di governo della prossima giunta regionale, infatti il suo punto di vista è che “ci sia un segnale per tutti i livelli amministrativi, anche il governo locale dovrà porre al primo punto del loro impegno questi temi”. Pronta da servire la stilettata alla giunta Cenni: “Nel bilancio del Comune non c’è un segnale in tal senso. Per questa ragione il nostro primo messaggio sarà la richiesta di rivedere il bilancio preventivo prima della presentazione formale, stanziando 1 milione di euro o anche di più per l’occupazione, il rilancio dell’economia ed il sociale”.
In una logica maggiormente numerica si stagliano due dati: la circoscrizione Centro riacciuffata con buon margine e la crescita sensazionale delle ali, l’Italia dei Valori e la Federazione della Sinistra per lo schieramento progressista e la Lega Nord nel campo del centrodestra. Sul primo Ferranti non ha dubbi: “E’ il frutto di alcune iniziative della giunta come la riapertura del traffico, che i cittadini non hanno gradito”. Come non teme riflessi dall’incremento di peso dell’Idv sull’azione della coalizione in Provincia: “Siamo contenti che il nostro alleato aumenti i propri voti e non credo ci daranno problemi”. Viene visto, invece con la lente d’ingrandimento della preoccupazione l’ottimo risultato della Lega Nord: “La sua avanzata a livello nazionale è un serio problema” dice Mattei e Ferranti apre un ragionamento su Prato “nel centrodestra si aprirà una fase d’instabilità, all’interno della quale si acuirà la conflittualità”. Come il centrosinistra spenderà il capitale politico della vittoria a Prato è spiegata dallo stesso consigliere regionale: “E’ un risultato incoraggiante, che ci spinge a fare un’opposizione nell’interesse della città, la nostra prima sfida sarà al sindaco Cenni, affinché si impegni sui temi dell’economia e del lavoro in favore di un taglio delle tasse”. Analoga la lettura dei fatti fornita da Loredana Ferrara, segretaria dell’Italia dei Valori rinfrancata dalla crescita tanto percentuale che nei voti popolari: “Sono stati premiati il nostro modo di porci come partito di governo, il nostro impegno. Il nostro messaggio per una politica trasparente e di qualità rappresenta una speranza in più per i cittadini. Siamo di fronte ad un fallimento delle politiche di governo del centrodestra, i cittadini sono delusi e hanno capito che soltanto la sinistra può dare una risposta ai loro problemi”. Possibili ripercussioni? “Ci incontreremo coi nostri alleati e faremo una valutazione insieme” chiosa laconica Ferrara, felice anche di un trend che parla chiarissimo dal 2004 ad oggi il partito dipietrista miete suffragi sempre in crescita. Ed il capogruppo in Comune Aurelio Donzella sintetizza il successo Idv in una frase: “Siamo l’unico partito che dice pane al pane e vino al vino. Per noi non ci sono mostri sacri” prosegue “lo abbiamo dimostrato con il presidente della Repubblica”.

Carlandrea Adam Poli

SPECIALE ELEZIONI/Rossi nuovo governatore. Le prime parole per Prato: “Contento di avere vinto anche lì”. Il voto in città e provincia premia IdV e Lega Nord

Enrico Rossi

Enrico Rossi

Enrico Rossi è il nuovo presidente della Toscana. Con 3.231 sezioni scrutinate su 3.966 il suo vantaggio è ormai incolmabile. Per il candidato del centrosinistra, a questo punto dello spoglio, hanno votato il 59,6% degli elettori toscani, mentre la candidata del centrodestra Monica Faenzi si è fermata al 34,6%. Più indietro gli altri tre candidati governatori: Francesco Bosi (Udc) con il 4,6%, il radicale Alfonso De Virgiliis allo 0,7% e Ilario Palmisani (Forza Nuova) allo 0,5%. Il primo commento del neo presidente della Toscana chiama in causa direttamente anche Prato: “Tra i risultati del voto – ha detto Rossi – mi piace sottolineare quello di Prato, città dove noi, dopo un anno, vinciamo. E siccome io ci avevo messo la faccia sono molto contento di aver vinto a Prato, nonostante la Lega e nonostante il centrodestra. Sono sicuro, comunque, che con il sindaco di Prato ci sarà modo di lavorare insieme per il bene della città“.
In effetti il voto pratese, stavolta, rispecchia quello regionale, dopo il ribaltone che alle scorse amministrative ha portato Roberto Cenni alla vittoria nelle comunali. Il risultato definitivo della provincia di Prato (244 sezioni su 244) ha visto prevalere nettamente Rossi con il 55,08% dei voti mentre Monica Faenzi ha ottenuto il 40,43%, un ottimo risultato comunque se paragonato a quello nel resto della Toscana. Per Bosi il 4,49% dei voti. A livello di singoli partiti spiccano i brillanti risultati di Italia dei Valori (9,73%) e Lega Nord (9,77%), entrambi in forte crescita rispetto al già positivo voto ottenuto alle amministrative del 2009, mentre se si paragona il risultato con quello delle precedenti regionali del 2005 si può parlare di vero  proprio boom, visto che allora l’IdV aveva avuto appena l’1,61% mentre la Lega si era fermata al 2,63%.
Il Pd si conferma il primo partito della provincia con il 39,52% dei voti, in recupero rispetto alle amministrative ma ancora ben al di sotto di quanto ottenuto alle Politiche 2008 e alle Regionali 2005. Battuta di arresto per il Pdl che, nonostante l’appoggio di tutte le liste civiche, non bissa il risultato dello scorso anno e si ferma al 30,07% (alle Politiche era al 33,06%, alle scorse Provinciali al 32,86%). In linea con le aspettative l’Udc che incassa il 4,56%.

Claudio Vannacci

Nonna Giulia compie un secolo di vita ed entra nel club dei centenari pratesi

alessi-giulia-1Ancora una new entry nel club dei pratesi centenari, ormai sempre più affollato. L’ultima in ordine di tempo delle nostre concittadine secolari è la signora Giulia Alessi, che abita in via Ferrucci dove, circondata dall’affetto di parenti ed amici, ha festeggiato il suo centesimo compleanno. L’assessore Matteo Grazzini  ha consegnato alla festeggiata il tradizionale gigliato pratese con gli auguri e le felicitazioni del sindaco Roberto Cenni e della Città di Prato. Auguri ai quali si associa anche Notizie di Prato.

La lista “La città per noi” chiede di potenziare il servizio di Guardia medica a Vaiano e Cantagallo

medico-50Le continue lamentele che provengono da cittadini utenti per l’inadeguatezza funzionale del servizio di Guardia Medica notturna e festiva di Vaiano hanno messo in evidenza una discontinuità del servizio che interessa sia il Comune di Vaiano che la parte bassa del Comune di Cantagallo. A dirlo sono gli esponenti della lista civica “La città per noi” che indicano le cause “nel limitato numero di medici in organico nel fine settimana e nei ponti di festività santificate e  nella mancanza di idonee misure atte a prevenire episodi come quello riportato recentemente dai quotidiani  in cui un medico è stato sorpreso a  dormire alle 4 di notte”. “Episodio che se fosse dimostrato vero – prosegue la nota della lista – implicherebbe anche una responsabilità oggettiva da parte della pubblica amministrazione per  negligenze organizzative (un medico che entra in servizio alle 8 del mattino precedente può anche registrare un calo del livello di attenzione durante la notte successiva)”. Per queste ragioni è stata presentata dal consigliere Giuseppe La Gamba a  Vaiano e dal consigliere Alessandro Logli a Cantagallo un’interrogazione-mozione per  richiedere un potenziamento del servizio di guardia medica notturna e festiva nel comune di Vaiano e Cantagallo e  per sapere se non possa essere valutata la possibilità di affiancare il medico di turno della guardia medica notturna con un volontario di un’associazione del territorio come Misericordia, Pubblica Assistenza o Croce d’Oro. “Questo – dice Silvano Agostinelli coordinatore della lista – per una  garanzia di incolumità pubblica degli utenti ma anche e soprattutto degli operatori”.

Rinnovato lo studio per il telegiornale di Tv Prato: con l’edizione di stasera il debutto

tvpratonuovistudiNuovo look per il Tg di Tv Prato. Da stasera il giornale dell’emittente cittadina cambia completamente scenografia. A cominciare dallo sfondo del conduttore: i marmi del duomo di Prato virano sull’azzurro, tradizionale colore di Tv Prato; un mondo stilizzato, al centro, quasi si fonde con l’occhio bicolore della Cappella del Sacro Cingolo; la piazza del Comune si apre intrecciandosi con la geografia della piana Pistoia, Prato, Firenze, dove l’emittente irradia il suo segnale. Lo speaker siede, davanti alle telecamere, ad un tavolo tondo.
La nuova scenografia è stata disegnata, grazie alle immagini realizzate dal fotografo e giornalista Damiano Fedeli, dallo Studio TondoQuadro. L’artista Erica Briani non ha firmato soltanto la nuova scenografia del tg: suoi sono anche i nuovi fondali dello studio che in parte sono già stati mostrati nella trasmissione “Campioni in erba”.
Per il direttore di Tv Prato Gianni Rossi è grande la soddisfazione: “Il nuovo look del tg e dello studio vuole rendere visibile il cammino intrapreso di rinnovamento dalla nostra emittente”. Tv Prato è da più di trent’anni la televisione della città, l’unica che operi con proprio studi nei confini provinciali. “In questi primi mesi mi sono potuto rendere conto direttamente di quanto i pratesi si identifichino nella loro televisione. Per questo – conclude il direttore Rossi – il nostro rinnovato impegno è, da oggi ancora di più, quello di servire con un’informazione corretta e onesta il nostro territorio”. Stasera il tg sarà condotto da Giacomo Cocchi; gli altri speaker sono Maddalena Ciambellotti, Vittorio Vannucci e Michela Mattei.

SPECIALE ELEZIONI/Verso la vittoria di Rossi in provincia di Prato. Crescono IdV e Lega Nord

elezioni2A tre quarti dello scrutinio, il risultato del voto regionale in provincia di Prato appare ormai delineato con la vittoria di Enrico Rossi, candidato del centrosinistra, che ha ottenuto il 54,76% delle preferenze con 196 sezioni scrutinate su 244. Monica Faenzi, del centrodestra, è ferma al 40, 75% mentre Francesco Bosi (Udc) ha ottenuto il 4,49%. Si tratat di percentuali che ormai si discosteranno solo di poco da quelle definitive. A livello di partiti, il Pd si conferma primo in provincia con il 39,29% parziale dei voti; il Pdl è al 30,22%. Da registrare l’ottimo risultato sia di IdV con il 9,81% e della Lega Nord con il 9.82%.

Si presenta in ditta chiedendo un posto di lavoro, poi deruba uno dei dipendenti

duompul3 polizia volantePrima si è presentato al portone della ditta chiedendo se c’era la possibilità di lavorare, poi ha pensato bene di derubare proprio la persona con la quale aveva appena finito di parlare. Il movimentato episodio è accaduto nel pomeriggio di sabato, poco dopo l 13, in via Ariosto. La vittima del furto, poi diventato rapina impropria, è un 41enne dipendente di una ditta con sede in quella strada. E’ stato lui a parlare con il giovane in cerca di lavoro ma, pochi minuti dopo averlo congedato, è stato avvertito da un collega che qualcuno si era introdotto all’interno della sua auto. A quel punto l’uomo è uscito di corsa e ha visto il giovane fuggire a bordo di una bicicletta. E’ riuscito a bloccarlo e a quel punto il ladruncolo ha gettato a terra un paio di occhiali da sole e un navigatore satellitare, appena asportato dall’auto. Ha tenuto con sé, però, il telefono cellulare e alle rimostranze del 41enne ha pensato bene di replicare estraendo un coltello. A quel punto il derubato si è dovuto fermare e il delinquente è fuggito via. Sul posto è poi intervenuta la Volante che ha raccolta la denuncia dell’uomo e iniziato una battuta alla ricerca del giovane ladro.

Gospel al Metastasio per le popolazioni di Haiti e Cile: in vendita gli ultimi biglietti

Il teatro Metastasio

Il teatro Metastasio

Domani sera, 30 marzo, alle 21 al teatro Metastasio si terrà il concerto di beneficenza “Un Gospel per la vita”. La manifestazione, diretta artisticamente dalla docente di canto Patrizia Calussi della scuola comunale di musica Verdi, è organizzata dal Comune di Prato in collaborazione con Anci solidarietà e Protezione civile di Prato. Il ricavato sarà devoluto alle popolazioni di Haiti e del Cile colpite dal disastro del terremoto. Presenteranno la serata Serena Magnanensi, inviata de “La Vita in diretta” in onda su Rai Uno, e Maurizio Ciampolini. Sul palco del Metastasio si esibiranno i principali gruppi  gospel della città e vari volti noti del mondo dello spettacolo e della musica: The Gospel Fire Choir, Black&White Ensemble, Joyful Voices, Revolution Gospel Choir, Saint Paul Gospel Choir, Prato Gospel Choir, Prato Gospel Singers, Gruppo vocale Univoci Sing&Skate e Patrizia Calussi, accompagnata al pianoforte dal professor Massimiliano Calderai della Scuola di Musica Verdi. A dirigere i gruppi si alterneranno appunto Patrizia Calussi, Alessandro Coco, Leonardo Gabuzzini, Leandro Morganti e Pietro Paolo De Luca. La serata proseguirà inoltre con il batterista Andrea Melani, Federico Paoli al basso, Tommaso Poli alla chitarra elettrica ed acustica, Elisa Pizzicori al violino, Tony Sammauro alla tromba, Guido Bergamaschi alla batteria, Valeria Valente della trasmissione “Amici” in onda su Canale 5, la soprano internazionale Mayumi Kuroki, accompagnata al pianoforte dal professor Nicola Mottaran della scuola Verdi, Daniele Narducci, 2° classificato a “I Raccomandati” di Rai Uno, e Giada Vannucci, finalista dello Zecchino d’Oro 2009.
Gli ultimi biglietti disponibili, a partire da 10 euro, sono reperibili presso il teatro Metastasio, la scuola Verdi e la presidenza del Consiglio comunale. Chi volesse inviare il proprio aiuto  al di là della manifestazione può utilizzare il conto corrente intestato ad Anci solidarietà, Iban: IT27A 06230 03202 000056748129. Lo spettacolo sarà ripreso dalle telecamere di Toscana TV e TV Prato che trasmetteranno  l’evento nei giorni seguenti.

SPECIALE ELEZIONI/Boom dell’astensione: in provincia di Prato ha votato solo il 61,53% (-9,10% rispetto al 2005)

scrutinio-spoglio-votoPoco meno di un pratese su due non si è recato a votare. E’ questo il primo esito della consultazione elettorale per l’elezione del presidente della Regione e il rinnovo del consiglio regionale. Alle 15 di oggi, quando si sono chiusi i seggi, erano stati 114.798 gli elettori che avevano esercitato il diritto di voto, il 61,53% rispetto al totale di 186.576 iscritti alle liste elettorali. Un drastico calo rispetto alla consultazione del 2005, quando l’affluenza alle urne era stata del 70,63%, vale a dire il 9,10% in più di questa volta. Un dato, quello della disaffezione alle urne, che coinvolge in maniera trasversale tutta la provincia con punte negative a Montemurlo (appena il 59,41% di votanti) e Vaiano che ottiene la percentuale più alta a livello provinciale con il 64,57%. Il dato del comune di Prato, invece, è del 61,43%. E la situazione pratese è comune al resto della Toscana, dove la media di affluenza ai seggi è stata del 60,9%. Adesso è in corso lo scrutinio dei voti.

Tutto pronto per l’edizione numero 22 della Maratonina di Prato: l’obiettivo è superare i 1.800 iscritti

foto-presentazione-22c2b0-maratonina-citta-di-pratoLa Maratonina Città di Prato, in programma lunedì prossimo 5 aprile, giorno di Pasquetta, si presenta ancora più forte degli altri anni grazie alla presenza di due leggende dell’atletica come Gelindo Bordin e Fiona May. Il campione olimpico di Seul parteciperà alla gara con il numero 579  mentre Fiona May sarà la protagonista del riscaldamento (alle 8.45 circa) prima della gara. L’attesa per la manifestazione è tanta e dopo il record di partecipanti dello scorso anno con ben 1.800 iscritti tra competitiva e non quest’anno l’organizzazione cercherà di superare questo traguardo. La manifestazione patrocinata dalla Regione Toscana, dal Comune di Prato e della Provincia di Prato, dal Cna di Prato in collaborazione con l’Assessorato allo Sport del Comune di Prato, la A.S.D. Podistica Narnali e la Lega Atletica Uisp di Prato celebra la sua 22esima edizione. Si tratta di una gara competitiva di Km. 21,097, maschile e femminile con categorie disabili, regolarmente inserita nel calendario Internazionale Fidal-Iaaf e che lo scorso anno ha visto al traguardo vincitore il keniano Abrham Talam con il tempo di 1.03.24 e l’italiana Ivana Iozzia  in 1.15.06. La manifestazione è valida come  9° Memorial Cna Daniele Biffoni, 33° Trofeo Romano Borselli, 20° Trofeo Mario Daddi e 2° Trofeo Rossomandi.
La partenza si terrà da viale Piave alle ore 9.30. Riconfermato il percorso dello scorso anno con un tracciato pianeggiante che si concluderà con il traguardo posto davanti al Castello dell’Imperatore in piazza Santa Maria delle Carceri. L’ultimo giorno utile per l’iscrizione è venerdi 2 aprile e la quota è di 16€. E’ possibile iscriversi fino a mercoledi 31 marzo a Prato presso Il Campione via Mino da Fiesole, 20 e a Firenze presso L’Isolotto dello Sport via dell’Argin Grosso 69/a-b o presso la sede della Uisp di Prato, via Galeotti 32 in orario ufficio e da martedi 30 marzo anche in ore serali dalle 21.30 alle 23. Il pettorale con relativo microchip si può ritirare da martedi 31 marzo in orario di ufficio e nelle ore serali 21.30/23.30 presso la sede della Uisp di Prato. Sabato 3 mattina ore 11/12,30 , pomeriggio ore 15/18 presso comitato provinciale Uisp  via Galeotti, 32. Domenica 4 aprile pomeriggio ore 17/19 nei pressi del Castello dell’Imperatore oppure la mattina della gara  in zona iscrizioni entro le ore 8,30.
Presente come al solito il gruppo di Piero Giacomelli “Regalami un Sorriso” che saranno visibili grazie a dei palloncini colorati che scandiranno il tempo agli atleti in base al colore da seguire. Questo è un servizio per i tanti atleti che vogliono conseguire il proprio record personale ma è anche la testimonianza di un gruppo che vuole dare un sorriso (e il logo ne è la testimonianza) a coloro che non possono partecipare a questa gara. Ci sarà un premio speciale anche per il primo uomo e la prima donna che tagliando il traguardo avranno appuntato sul petto il logo della Onlus Regalami Un Sorriso.  Insieme alla corsa internazionale si svolgerà anche l’undicesima edizione della Stracittadina Pratese una camminata a passo libero aperta a tutti. La manifestazione rientra nell’attività motoria e ricreativa con partenza dietro ai partecipanti della gara competitiva. La tassa di iscrizione è di 3 euro.

Razzia al laghetto di Castelnuovo: nella notte fatti sparire tre quintali e mezzo di trote

trote-vascaE’ un furto quantomeno singolare quello avvenuto la notte tra sabato e domenica ai danni del circolo ricreativo Natura&Sport di Castelnuovo. A sparire, infatti, sono stati tre quintali e mezzo di trote vive, destinate al laghetto di pesca sportiva che l’associazione gestisce, meta abituale di decine di appassionati pratesi. Le trote si trovavano in una vasca ancorata proprio al centro del Lago dei Pioppi. Da lì ogni giorno i responsabili della struttura ne fanno uscire una certa quantità che vengono liberate nel laghetto. Ieri mattina, però, la brutta sorpresa: una volta arrivati al lago, i responsabili del circolo hanno trovato la rete di recinzione divelta e la vasca portata a riva e svuotata del suo contenuto: circa tre quintali e mezzo di trote per un valore che sfiora i 1.200 euro. Chi ha commesso il furto doveva aver studiato bene la situazione. Per trascinare la vasca a riva, infatti, era necessario raggiungerla in mezzo al lago e liberarla dagli ormeggi: quindi è probabile che i ladri si siano serviti di un canotto a meno di non ipotizzare un tuffo fuori stagione. Poi, una volta liberata, la vasca è stata trascinata a terra probabilmente con un arganetto, tipo quelli dei carrattrezzi. A quel punto le trote sono state travasate in dei grossi bidoni che si trovavano lì sul posto e portate via. Difficile immaginare cosa se ne possano fare di tale bottino i ladri, resta il fatto che nelle scorse settimane si sono registrati altri due casi analoghi in laghetti della zona di Signa. Sulla vicenda indagano i carabinieri.

Basket, la Brunetti e Antonelli chiude con una vittoria nell’ultima di campionato

La formazione di serie C della Brunetti e Antonelli

La formazione di serie C della Brunetti e Antonelli

La Brunetti e Antonelli chiude la sua avventura in campionato con una vittoria straripante (84-42) contro Elmas Cagliari, che si è presentato al Palabuzzi per onorare l’impegno, e lo ha fatto giocando una buona gara il cui esito, dopo un primo quarto in equilibrio, è apparso scontato; le ragazze sarde, al termine di un anno sfortunato sono retrocesse con onore, e l’augurio è quello di ritrovarle presto sul palcoscenico nazionale.
L’incontro ha visto una Brunetti e Antonelli partire in maniera lenta, concedendo spazio alle avversarie, ma dopo i primi dieci minuti le pratesi hanno piazzato un primo break ed hanno concluso  a metà gara sul 40 a 23. I secondi 20 minuti hanno visto crescere progressivamente il vantaggio laniero: 64 a 31 a tre quarti di gara e 84 a 42 il punteggio finale. Baroncelli ha convocato per l’occasione una giovanissima, Selenia Corsi, che è entrata in campo  senza timore segnando due bei canestri e rimanendo sul parquet con sufficiente autorevolezza. Le altre ragazze hanno tutte ben giocato, ed il tecnico pratese ha fatto riposare Lucchesi e Daviddi, non in perfette condizioni fisiche.
La Serie C, intanto, impegnata sul terreno difficilissimo di San Miniato, dove è molto dura per chiunque riportare un risultato positivo, hanno pagato l’abituale e buona disposizione a zona delle pisane, e soprattutto la difficoltà nel segnare punti da fuori, arma che solitamente è a disposizione delle pratesi: contro la zona del San Miniato, una migliore percentuale realizzativa da tre punti sarebbe potuta essere risolutiva, ma così purtroppo non è stato. Il punteggio finale (48-39) lascia aperta alle pratesi la speranza di accedere alla final four di Coppa Primavera; il prossimo impegno sarà il 7 aprile alle 21 alla “Toscanini” contro Massa e Cozzile.
Le Under13, che da giovedì disputeranno la decima edizione del Torneo “Brunetti e Antonelli”, hanno concluso al terzo posto il loro girone di campionato; l’11 aprile inizierà la seconda fase che dovrà designare le due squadre del girone che disputeranno il 5 e 6 giugno le final four di categoria: la squadra pratese nutre la speranza di accedere alle finali regionali, visto il suo ottimo comportamento in campionato.

Piromani scatenati nella notte: bruciate sei barche nel piazzale di una ditta di nautica; a fuoco anche cassonetti e un’auto

vigili-fuoco-notte_1Notte di fuoco a Prato con i piromani che si sono scatenati colpendo in più parti della città. L’episodio più grave è accaduto poco prima di mezzanotte in via del Molinuzzo, nel Macrolotto. Le fiamme si sono sviluppate nel cortile esterno della ditta Nautica Guarducci e hanno attaccato sei barche in vetroresina che erano parcheggiate nel piazzale. I vigili del fuoco sono intervenuti prontamente con una squadra e due botti e, nel giro di un’ora, sono riusciti prima a circoscrivere il rogo e poi a domarlo. Quattro delle imbarcazioni, però, sono andate completamente distrutte, mentre le altre due sono state seriamente danneggiate. Quasi certa l’origine doloso dell’incendio che, per fortuna, non si è allargato alla struttura del capannone. Le indagini sono in corso per appurare chi può avere innescato le fiamme. Successivamente i vigili del fuoco sono dovuti intervenire altre tre volte per spegnere incendi tutti di probabile origine dolosa: prima un cassonetto dell’immondizia in via dell’Ippodromo, poi una campana per la raccolta del vetro in via Zucca. Infine, poco prima delle 7, in via Saccenti a Chiesanuova dove qualcuno ha dato alle fiamme un’autovettura.

Basket, travolgente Minorconsumo.it che a Terni cala il poker di vittorie consecutive

Un tiro da 3 di Staino

Un tiro da 3 di Staino

La Minorconsumo.it cala il poker di vittorie consecutive, espugnando anche il Paladivittorio di Terni (49-62). Un successo, questo, che garantisce ai pratesi la salvezza matematica e che è la migliore vendetta per quanto avvenne nella gara di andata, quando Terni “banchettò” sulle tavole delle Toscanini infliggendo ai padroni di casa la sesta sconfitta consecutiva. Dopo la gara coach Bini in spogliatoio fu chiarissimo con i ragazzi e con la dirigenza: era pronto a farsi da parte se qualcuno pensava che la colpa della crisi fosse da attribuire alla conduzione tecnica. Il tecnico incassò la rinnovata fiducia di tutti e chiese alla squadra di vivere alla giornata. Ci fu ancora l’ingiusta sconfitta a Siena con il Costone, ma da allora la Minorconsumo.it sarebbe prima in classifica, grazie a 11 vittorie e 3 sconfitte. Sabato sera quella che è scesa in campo a Terni non era più la squadra dimessa di allora, ma aveva il piglio dei vincenti, ed ai Dragons la salvezza conquistata con 4 giornate d’anticipo non è più sufficiente. Dopo la sosta pasquale si riprenderà contro il Costone Siena sul parquet pratese, allora si comincerà a tirare le somme. Intanto, tornando alal gara di Terni, tutti da promuovere in blocco i Dragons, con una nota particolare per la fase difensiva: ciò che più conforta sono infatti gli appena 49 punti subiti dal migliore attacco del campionato e che meno di 4 mesi fa ne aveva rifilati ben 95. Ma quella era un’altra Minorconsumo.it.

Anziana colpita da ictus mentre è sola in casa: soccorsa dai carabinieri dopo l’allarme della vicina

ambulanza-pronto-soccorsoE’ stata soccorsa appena in tempo. Grazie al buonsenso di una vicina di casa e al pronto intervento di una pattuglia di carabinieri della stazione di Iolo. Si tratta di una donna di 78 anni, che abita da sola in una casa di via Castellare a Iolo, e che nel tardo pomeriggio di ieri è stata vittima di un ictus. Per fortuna la vicina di casa, non sentendo venire nessun rumore dall’appartamento, si è preoccupata. La donna ha provato a suonare alla porta, poi ha chiamato più volte al telefono, senza ricevere risposta. A quel punto, giustamente preoccupata, ha pensato bene di rivolgersi ai carabinieri per dare l’allarme. La centrale operativa ha allora allertato la vicina stazione di Iolo, che ha subito inviato una pattuglia sul posto. I militari, una volta preso contatto con l vicina, hanno capito che poteva essere successo qualcosa di grave. Quindi, arrampicandosi fino ad una finestra aperta del piano rialzato, sono riusciti a entrare nell’appartamento, dove hanno trovato la padrona di casa a terra priva di coscienza. A quel punto è stata fatta intervenire un’ambulanza del 118. I sanitari hanno subito diagnosticato un ictus celebraleper l’anziana e l’hanno trasportata d’urgenza in ospedale, dove si trova tuttora ricoverata. Il figlio della signora, un uomo di 47 anni che vive a Vaiano, è stato successivamente rintracciato dai carabinieri e avvertito di quanto accaduto. L’uomo si è subito recato in ospedale per sincerarsi delle condizioni della madre.

Sono made in Prato le maglie ufficiali nel viaggio di solidarietà nei campi prfughi Saharawi

shrw2010_consegnamaglia_becheroni_banchelliNel gruppo dei 65 componenti del XIX° Volo Umanitario, organizzato dal Coordinamento Toscano Associazioni Solidarietà Saharawi, è rappresentata, come al solito, un po’ tutta la Toscana. Saranno così cinque i partecipanti dell’area pratese, ma non solo: Prato avrà anche un’altra presenza assai significativa in questo viaggio tra i campi profughi Saharawi di Tindouf. Sono state infatti fornite e realizzate dall’associazione “Riccardo Becheroni”, le maglie ufficiali per tutti i partecipanti. Compresi ovviamente i 25 ”Ciclisti di Pace” che quest’anno daranno vita alla prima edizione di Sahrawi Bike – Trofeo Pinocchio del deserto.
Nei giorni scorsi, per mano del vice-presidente Gianfranco Santini è avvenuta la consegna simbolica direttamente nelle mani della “guida” del gruppo ciclistico, il ciclo-nauta fiorentino Marco Banchelli. Il viaggio, che inizierà il prossimo 3 aprile, sarà seguito tra gli altri anche dal TGR della Rai Toscana (con collegamenti telefonici dal deserto), e dalle pagine web di  www.marcobanchelli.com.

Bere acqua del rubinetto per tutelare l’ambiente e il portafoglio: un convegno al Palazzo del Commercio

acqua_da_rubinetto“L’acqua naturizzata: qualità, rispetto ambientale, risparmio economico”: è il titolo di un convegno organizzato dall’Unione Commercianti di Prato, in programma al Palazzo del Commercio (sala Stefano Neretti), in via Marco Roncioni 216 oggi, lunedì 29 marzo alle 15. Il convegno mira a mettere a fuoco gli svantaggi che derivano dall’uso dell’acqua minerale imbottigliata: il Pet, materiale di cui sono costituite le bottiglie, provoca inquinamento sia in fase di produzione sia di smaltimento; i consumi di carburante per il trasporto delle bottiglie d’acqua da una parte all’altra del territorio nazionale; i costi sostenuti da una famiglia per il consumo dell’acqua in bottiglia che oscilanno, secondo la media nazionale, da un minimo di 300 a un massimo di 600 euro. 
Unione Commercianti, Sidea Italia e Asm sostengono che è possibile unire il rispetto ambientale, la qualità dell’acqua da bere e l’aspetto economico. Al convegno, che è a ingresso libero, prenderanno parte Anna Piacenti, tecnico di Asm Prato che parlerà dell’impatto dell’utilizzo dell’acqua del rubinetto sulla produzione dei rifiuti, Giorgio Temporelli, docente Ispia Gaslini di Genova che affronterà il tema relativo a come rendere ottimale l’acqua di casa,  Stefano Trippi, della direzione  Sidea Italia che si soffermerà sui benefici economici e ambientali.

Affluenza alle urne in netto calo: alle 22 ha votato quasi il 10% in meno rispetto al 2005

seggio-elettoraleCrollo nell’afflluenza alle urne al termine della prima giornata di voto per il rinnovo del consiglio regionale e per l’elezione del governatore. Alle 22 in provincia di Prato aveva  votato il 45,85% degli aventi diritto, vale a dire il 9,62% in meno rispetto a cinque anni fa, nella precedente tornata elettorale quando l’affluenza alle urne era stata del 55,47%. Si prospetta, dunque, un’astensione da record, con un calo di votanti – se sarà rispettata la proiezione – ben superiore al 10 %. Il trend del calo, infatti, era già evidente alle 19 quando l’affluenza alle urne nel solo comune di  Prato è stata di 48.463 elettori, pari al 35,07%,  su un totale di  138.204  aventi diritto al voto. Nella precedente tornata elettorale regionale la percentuale dei votanti alla stessa ora era del 41,57%, cioè quasi sette punti in più. Un dato in linea con la tendenza toscana, in quanto nel resto della regione si è registrata un’affluenza del 33,4% alle 19. Alle 12 invece la percentuale dei votanti registrata nel Comune di Prato è stata del 9,49%, pari a 13.120 elettori.
Andando più nel dettaglio nell’analisi del dato dell’affluenza alle 22, si vede che il comune dove si è votato di più è stato Vaiano con il 48,34% mentre a Montemurlo c’è la percentuale più bassa con il 43,95%. Nel capoluogo il dato finale della domenica è del 45,99%.
Nella giornata di domani le operazioni di voto si svolgeranno dalle 7 alle 15. Gli scrutini inizieranno subito dopo la chiusura dei seggi e in seguito alla rilevazione definitiva dei votanti: i risultati saranno pubblicati in tempo reale.

Montemurlo, apre domani il cantiere per il sottopasso nella via Nuova Montalese

lavori-in-corso-2Scattano domani i lavori per la realizzazione vera e propria della grande opera del sottopasso della via Nuova Provinciale Montalese a Montemurlo, un intervento d’impatto ma con ricadute positive per l’intera viabilità cittadina, tra cui un miglior collegamento tra l’area nord e l’area sud della città e l’eliminazione dell’effetto barriera creato dall’attuale via Nuova Montalese. I lavori iniziano domani, lunedì 29 marzo, e proseguiranno fino al 30. A partire da stamni  alle ore 10, quindi sarà chiusa la via Nuova Provinciale Montalese, nel tratto tra la rotonda di via Scarpettini fino alla rete stradale del Comune di Montale. Per fronteggiare nel miglior modo possibile il periodo dei lavori e dunque dei possibili disagi, l’amministrazione ha previsto un accurato e attento piano di viabilità alternativo: da ieri è aperta la rotonda temporanea nell’intersezione tra la via Udine e la via Montalese ideata appositamente in vista dei possibili aumenti della circolazione, che consentirà un migliore flusso di traffico oltre che la messa in sicurezza dell’incrocio e dell’area interessata.
L’assessore ai Lavori Pubblici Simone Calamai ha dichiarato: “Come amministrazione ci siamo  adoperati in ogni modo per limitare al massimo i disagi ed informare i cittadini sul piano del traffico alternativo. Ovviamente un’opera così importante che incide su una delle principali arterie viarie del nostro comune porterà comunque qualche disagio, che sarà però completamente ripagato dai benefici che ne scaturiranno”.

Il Prato cade con la Sangiustese e viene raggiunto dalla Sangiovannese

Max Vieri

Max Vieri

Brutto Ko per i biancazzurri che vengono sconfitti in trasferta per 2-0 da un’ottima Sangiustese. Il Prato dunque, dopo la vittoria con il Fano al Lungobisenzio, cede di fronte ai marchigiani e viene raggiunto al quarto posto in classifica dalla Sangiovannese, vittoriosa a Vasto per 3-0. Nel rovescio della medaglia però, anche se mancano sole sei giornate al termine della regular season e la situazione non è delle migliori, arrivano buone notizie dai campi delle dirette contendenti posizionate alle spalle dei lanieri. I verdetti dell’undicesima giornata di ritorno vedono, infatti, la sconfitta del Gubbio (1-0 in trasferta con il Fano) e dell’Itala San Marco (2-1 fuori casa con la Sacilese). Continua invece “la cavalcata” della capolista Lucchese (successo per 2-1 a Bassano) e delle due battistrada: San Marino e Fano, entrambe vittoriose.
Tornando alla gara odierna, i biancazzurri, a parte uno spezzone del primo tempo con due occasioni di Vieri, non sono mai riusciti a prendere in mano il pallino del gioco, subendo l’iniziativa avversaria, in particolare sulla destra, dove Carboni e soprattutto Iazzetta hanno messo in seria difficoltà il pacchetto arretrato. Poi il gol su rigore (concesso dal direttore di gara per un fallo commesso da Cecchi su Scarsella) all’inizio della ripresa ed il raddoppio di Saraniti, su indecisione difensiva, che hanno tagliato definitivamente le gambe ai biancazzurri. Alle origini di un calo così importante, l’organico deficitario, soprattutto in difesa, per le assenze di Lamma (squalificato) e De Agostini (infortunato). Prossimo impegno per i biancazzurri al Lungobisenzio nel derby con il Poggibonsi, gara che andrà in scena il prossimo sabato 3 aprile.

Pallanuoto, la Fiorentina non dà scampo alla Futura

Il tecnico Rugi con i ragazzi della Futura

Il tecnico Rugi con i ragazzi della Futura

Una grande Fiorentina batte una brutta Futura Prato nel derby testacoda. Sfida improba quella di Bellariva per i ragazzi di Rugi che, reduci dalla bella vittoria di sabato scorso contro il Promosport, hanno trovato prevedibili difficoltà ad affrontare la prima della classe. Parte bene la Futura, subito a rete con Samuele Martini. La rete dell’ 1 a 0 l’unico lampo della partita della squadra pratese che si spegne, come già successo in altre partite, e subisce un parziale di 10 a 0 con partita conclusa già al cambio campo. Per i gigliati segnano nel primo quarto Coppoli, due volte Borella e poi l’ex Pianigiani. Nel secondo quarto la Fiorentina continua a segnare e il parziale di 6 a 0 annulla le esili speranze della Futura. Segna ancora Coppoli, poi Saccardi , tre reti per lui, ancora Morella e Miceli a chiudere il parziale con la squadra laniera che sta a guardare giocando senza concentrazione e facendo errori madornali.
A questo punto, a vittoria ormai conseguita, la Fiorentina abbassa il ritmo  e la Futura comincia a giocare riuscendo ad aggiudicarsi il parziale per 3 a 2 con i gol di Cerbai, Nunziati e Ciatti, ai quali risponde la Fiorentina con Masoni e Scott. 13 a 3 alla sirena di fine tempo. La Futura gioca bene anche l’ultimo quarto: va a segno con Cencetti e Di Prisco, anche se Cencetti sbaglia un rigore. La Fiorentina va ancora avanti e con le reti di Pianigiani, Stellini, Masoni e Borella va sul 16 a 6. C’è tempo per il gol di Marco Cerbai che fissa il risultato sul 16 a 7 finale che regala alla Fiorentina i Playoff. Anche se la batosta di quelle pesanti la sconfitta non deve  turbare l’ambiente pratese perché contro questa Fiorentina non c’erano possibilità. La Futura  infatti dovrà andare a cercar punti altrove se vorr guadagnarsi una salvezza ancora possibile.

Con la Caritas raccolta nei supermercati Conad per aiutare l’orfanotrofio di Betlemme

orfanotrofio-betlemmeNuova iniziativa a sostegno dell’orfanotrofio “La Crèche” di Betlemme, la struttura che accoglie bambini orfani e abbandonati. Da alcuni anni la Caritas diocesana collabora con le suore che gestiscono l’orfanotrofio attraverso il progetto “Infanzia ferita“. E in questo arco di tempo la generosità dei pratesi è sempre stata in grado di fornire un sostegno alle religiose e ai bambini ospiti della struttura. Adesso parte una nuova iniziativa: da domani, lunedì 29 marzo a sabato 3 aprile è stata organizzata una raccolta di prodotti alimentari presso i supermercati Conad cittadini. Per contribuire basta aggiungere qualche prodotto alla propria spesa, un piccolo gesto per aiutare i 120 bambini ospiti dell’orfanotrofio.

Trovati al volante mentre erano sotto l’effetto di droghe: denunciati nigeriano e pistoiese

volante-polizia-notteSono stati trovati al volante dopo avere assunto sostanze stupefacenti. Si tratta di un nigeriano di 25 anni e di un pistoiese di 25 anni. A intercettarli gli agenti delle Volanti, che nella serata di ieri erano impegnati in un apposito servizio di controllo del territorio. Verso le 22 in piazza Mercatale, i poliziotti hanno notato il giovane nigeriano mentre a bordo dell’auto procedeva in maniera incerta. Una volta fermato, è stato subito chiaro che l’uomo era sotto l’effetto della droga. Tra l’altro addosso gli sono stati trovati anche 2 grammi di hashish. Ad aggraavare poi la posizione del nigeriano il fato che la patente mostrata agli agenti è risultata essere falsa. Dopo circa due ore, in via Galcianese, è toccato invece al 35enne italiano. L’uomo, residente a Pistoia, era in evidente stato di alterazione psicofisico e nell’auto sono state trovate siringhe e tutto l’occorente per drogarsi. Inoltre i poliziotti hanno anche rinvenuto e sequestrato due taglierini con lama di circa 15 centimetri. Entrambi i conducenti sono stati denunciati per guida sotto l’effetto di sostanza stupefacenti. Non aveva invece assunto droga, ma aveva con sé un grimaldello in metallo lungo 60 centimetro, il cinese di 29 anni fermato in via Pistoiese durante gli stessi controlli.

A scuola camminando: dal 12 aprile nella Circoscrizione Est parte il servizio pedibus

pedibus009Per riscoprire il piacere di andare a scuola a piedi come una volta, la Circoscrizione est propone il progetto Pedibus, in collaborazione con la direzione didattica del II Circolo scolastico e la cooperativa sociale Alambicchi e il contributo finanziario dell’assessorato alla Pubblica Istruzione. Il Pedibus, al nastro di partenza il 12 aprile fino al termine dell’anno scolastico, è uno “scuolabus che… va a piedi” e, proprio come un bus con un conducente, percorre un itinerario definito e protetto, con fermate e orari stabiliti, verso le due scuole nel territorio del Quartiere est, le elementari Santa Gonda e Dalla Chiesa.
“Si tratta  – ha spiegato il presidente della Circoscrizione Est, Alessandro Ciardi – di un primo passo per promuovere nuove abitudini con importanti obiettivi educativi: far acquisire le principali norme stradali, sensibilizzare alle problematiche legate all’ambiente, accrescere la conoscenza che il bambino ha del proprio territorio, educare alla buona prassi della passeggiata quotidiana, favorire l’autonomia dei bambini e fornire loro un’occasione per socializzare e diminuire l’afflusso di veicoli nei pressi della scuola, in modo da rendere le strade meno trafficate e più sicure”.
Il “Pedibus” è  a tutti gli effetti un servizio educativo a cui, in quanto tale, va garantita una continuità: può portare fino a 22 bambini guidati da due educatori-accompagnatori della cooperativa Alambicchi, muniti di apposito cartellino di riconoscimento e di gilet catarifrangente.”Iniziative come questa – ha puntualizzato l’assessore alla Pubblica istruzione, Rita Pieri – vengono attuate in altre città e sono contenta che adesso possano essere realizzate anche a Prato”. “Proprio negli ultimi giorni – ha sottolineato Pieri -  arrivano tante richieste per il trasporto scolastico e con gli uffici stiamo lavorando per dare risposta a questo bisogno non solo con il pulmino ma cercando di far aumentare le corse dei bus di linea. Pedibus è un’alternativa interessante che ritengo debba essere estesa ad altre zone e ad altre circoscrizioni”. Prima dell’inizio del servizio Pedibus verrà consegnata ai genitori la lista degli accompagnatori e i relativi recapiti telefonici. Il servizio verrà effettuato regolarmente anche in caso di pioggia e maltempo, salvo tempestiva comunicazione a tutti i diretti interessati in caso di calamità straordinarie. Il servizio è, al momento, sperimentale e si svolgerà solo di pomeriggio per riaccompagnare i bambini a casa dopo l’uscita da scuola.

Hockey, l’Mg Consiag si complica la vita e deve andare alla “bella” con Matera

hockey-mg-consiag-tifosiL’Mg Consiag non riesce a bissare la vittoria di Matera e viene sconfitta al Palarogai davanti al proprio pubblico dalla formazione lucana per 3-2. La prima sconfitta interna della stagione dell’Mg Consiag coincide proprio con la sfida di ritorno dei quarti di finale dei playoff promozione contro la formazione lucana. Davanti ad una bella cornice di pubblico, l’Mg Consiag non riesce così a ripetere gara-1 e viene rimontata in meno di un minuto nella ripresa.
Domani ore 20.45 ancora al Palarogai la sfida decisiva che vale l’accesso alla semifinale, eventualmente contro il Roller Novara che nell’altro quarto di finale che interessa i biancazzurri dopo la vittoria interna per 4-2 in casa si è ripetuto anche in casa della favorita Thiene sconfitta 2-1. Già decisa anche l’altra semifinale con il Montebello che si è liberato facile facile dello Scandiano ed ha raggiunto il Pordenone già qualificato.
Dopo le prime fasi di studio il Matera passa in vantaggio al 4′ con una fiondata di Vivilecchia che sorprende Gianassi. La sfida sale di tono, Gianassi e Picca (il migliore in pista) fanno gli straordinari, ma il portiere materano non può nulla sul diagonale basso di Ramirez al 12′. L’Mg Consiag non si accontenta del pari e al 21′ si porta in vantaggio con la rete di Amato.
Intervallo allieto dall’esibizione del gruppo pattinatrici del Coiano, poi nella ripresa le due squadre ripartono a spron battuto. La svolta decisiva al 9′ nel giro di 58 secondi: prima Vivilecchia pareggia i conti, poi Lezoche trasforma la punizione di prima della vittoria. Nei restanti 15 minti l’Mg Consiag getta nella mischia cuore e determinazione, ma si dimostra un po’ confusionaria e sprecona smarrendo, anche per indubbi meriti della difesa materana ben orchestrata da Massari, la via della rete. Domani sera vietato sbagliare per non chiudere qui una stagione spesso dominata ma che vede i pratesi adesso un po’ in affanno.

Marito e moglie aggrediti e rapinati di mille euro mentre rincasano

polizia-volante-113Aggrediti e rapinati di mille euro mentre stavano rientrando a casa. E’ accaduto ieri sera verso le 21 in via dei Pioppi, vittime marito e moglie pratesi. Ad agire sono stati due giovani, uno dei quali sicuramente italiano, mentre il complice si è tenuto più defilato durante i concitati momenti dell’aggressione. I due coniugi erano in auto e stavano accingendosi a varcare il cancello della propria abitazione, quando dall’oscurità è saltato fuori il bandito che li ha affrontati. Il giovane aveva in mano una pistola – poi risultata essere un’arma giocattolo – e dopo aver intimato alla signora di consegnare la borsa, l’ha pure colpita con il calcio ad un braccio, procurandole un vistoso ematoma. Poi, una volta afferrata la borsa, i due malviventi sono corsi verso un’auto parcheggiata nelle vicinanze e sono fuggiti, nonostante il tentativo di inseguirli del marito, che una volta riavutosi dalla sorpresa ha cercato di bloccare i due giovani. Quando si sono accorti di essere inseguiti, i due malviventi hanno anche esploso un colpo in aria con l’arma che – secondo quanto riferito dal derubato – emetteva il classico rumore delle pistole giocattolo. Sul posto sono quindi intervenute le Volanti della questura che hanno raccolto le prime informazioni e iniziato una battuta alla ricerca dei due rapinatori. Nella borsa, oltre a documenti e carte di credito, c’erano circa mille euro in contanti.

Alla Gualchiera di Montemurlo la Banda dei Brocchi per Palco Spritz

locandina-banda-brocchi-1A Montemurlo prosegue senza sosta “Palco Spritz”, rassegna musical-teatrale negli spazi recuperati della Gualchiera (ex carbonizzo) di Montemurlo, in via Gualchiera. Stasera 28 marzo, dalle ore 21:30, serata scoppiettante con “Progetto: Musica” (ingresso 5 euro), spettacolo presentato dalla Banda dei Brocchi, gruppo pratese di attori, musicisti e video artists. La rappresentazione unisce il sound del rock anglosassone anni ’70 a momenti di recitazione e video installazioni.
Un gruppo di cinque musicisti, vestiti con la tipica tuta da metalmeccanico, ci faranno viaggiare indietro nel tempo cercando da farci riallacciare i rapporti con i frammenti di quell’utopia progressista che negli anni ’70 stava delineando in tutta Europa un nuovo modo di fare rock, cercando di coniugare musica colta, letteratura e improvvisazione. Un tuffo nel passato per ricordare quello che eravamo, tra sogni, speranze e follie. Assolutamente da non perdere. (e.fr.)

Pallamano, l’AlPi mette in campo il cuore e si qualifica ai play off

Rossi è stato il mattatore della serata

Rossi è stato il mattatore della serata

Missione compiuta. L’AlPi batte 32-28 il Romagna Handball e, grazie alle contemporanee sconfitte di Mezzocorona (in casa 27-30 col Trieste) e di Bressanone (30-22 a Bolzano), giunge terza alla fine della regular season del campionato di serie A1 di pallamano, guadagnando così l’accesso ai play off scudetto. La serata era cominciata con il ricordo di Fabrizio Pitigliani: il presidente Alberto Mencattini ha consegnato una targa alla moglie, alla presenza di tutta la famiglia. La gara iniziata con un minuto di raccoglimento. Poi, l’evento agonistico, dominato dal Prato che ha chiuso il primo tempo sul 16-12, andando anche sul più sette nella ripresa Risultato finale 32-28, con 11 gol di Rossi e 7 di Dei. Nella semifinale play-off, l’AlPi troverà il Trieste (eventuale gara-3 al PalaChiarbola). L’altra semifinale play-off sarà Bolzano-Bressanone. Nei play-out, sfide incrociate fra Girgenti-Romagna e Merano-Ambra Poggio a Caiano. Si riparte fra due settimane, dopo la Pasqua