Sul piede di guerra i commercianti di Casale, Vergaio e Tobbiana: “Subito soluzioni per la viabilità”

pic-0090 coop capezzanaLe strade della discordia, così forse le potremo definire, che dividono commercianti e residenti di Casale Vergaio e Tobbiana hanno la necessità di vedere rapide soluzioni. A dirlo è la Confesercenti che prende posizione  dopo la serie di petizioni, scontri e polemiche che manifestano un malumore derivante da fatti e situazioni divenute ormai insopportabili. “C’è la necessità – spiega Confesercenti – di lavorare ad un progetto sulla viabilità con caratteristiche precise ed il più possibile omogenee, cioè che non si limiti a contenere i danni. Confesercenti auspica per la soluzione della questione, la riduzione dei tempi di percorrenza tra le strade a scorrimento veloce (tangenziale e via Allende), e le frazioni penalizzate dal problema. Non vi sono, ad avviso dei nostri associati soluzioni intermedie che possano porre fine in modo organico alle problematiche emerse, e nonostante i vari confronti e le varie ipotesi di soluzione, le polemiche non sembrano attenuarsi”.
“Occorre collegare – prosegue l’intervento – seppur in modo diverso da come era precedentemente, le frazioni interessate, di fatto ricucendo  “quello strappo” che lascia solo amarezza e le tasche sempre più vuote ai titolari dei nostri negozi. Confesercenti chiede un ulteriore approfondimento, in tal senso, da parte degli uffici competenti. Il tempo, gioca in favore del malumore e dei risultati negativi nelle vendite, senza considerare la crisi dei consumi, che attanaglia gli esercizi di vicinato. Non dimentichiamoci poi, l’aggravarsi della situazione dal momento dell’inaugurazione del Parco Prato. “Apriamo un varco”, un nuovo spiraglio e ridiamo luce a quelle piccole realtà commerciali che tengono vive le nostre periferie. Non c’è solo commercio, ma socialità e vivibilità delle circoscrizioni territoriali e servizio ai cittadini. Nel frattempo, tutto quello che può essere ottimizzato sulla viabilità ed i collegamenti  venga fatto, venendo incontro alle esigenze delle varie frazioni interessate”.

I commenti sono chiusi.