Vaiano, aule non pulite dopo le elezioni e i bambini della Elementare aspettano in cortile

La scuola elementare di Vaiano

La scuola elementare di Vaiano

I bambini in cortile ad aspettare, gli operai del Comune nelle classi a pulire. Questa la situazione venutasi a creare questa mattina alla scuola elementare di Vaiano, alla ripresa delle lezioni dopo la pausa per le elezioni regionali. A denunciare la cosa è Massimiliano Masi, consigliere di opposizione per la lista Vaiano Libera e Sicura. “All’arrivo dei bambini per l’ingresso a scuola – dice Masi -, le aule sede di seggio elettorale erano ancora inagibili in quanto non erano ancora state pulite. L’ennesima dimostrazione di disorganizzazione e programmazione dell’amministrazione comunale di Vaiano, che ha lasciato quasi 100 bambini in cortile, sotto la sorveglianza delle maestre ad attendere il termine delle operazioni di pulitura delle classi. Una situazione davvero paradossale. Fotogrammi di una situazione che ha lasciato increduli genitori e insegnanti, visto che le operazioni di scrutinio dei voti a Vaiano erano terminate nel pomeriggio di lunedì scorso, quindi gli operai del Comune avrebbero avuto tutto il tempo per pulire adeguatamente le classi e ripristinarle in tempo utile per la ripresa delle lezioni. Dopo una lunga  attesa, con i bambini divertiti dall’inconveniente e le maestre con la naso all’in su con la speranza che non cominciasse a piovere, gli alunni sono rientrati nelle proprie classi e con notevole ritardo hanno iniziato le lezioni. Vaiano Libera e sicura, con un’ interrogazione  chiederà spiegazioni sull’accaduto in consiglio comunale, per monitorare la situazione e conoscere le eventuali responsabilità per l’ennesima dimostrazione di inefficienza della macchina comunale”.

4 pensieri su “Vaiano, aule non pulite dopo le elezioni e i bambini della Elementare aspettano in cortile

  1. Ma non c’è un ufficio scuola? Il responsabile dell’ufficio un giretto nelle scuole prima di riaprirle non lo poteva fare?

  2. prego informarsi bene prima di raccogliere dichiarazioni e scriverle… la pulizia dei locali non tocca agli operai del comune…

  3. A i miei tempi erano i bidelli che pulivano, adesso servono solo a darti il gesso per la lavagna quando è finito.
    Ultimamente nelle scuole sono arrivate le lavagne digitali e il gesso non serve più quindi mi chiedo:
    Perchè nel nostro paese ci sono più bidelli che carabinieri quando i bidelli non servono a niente?

  4. sono una collaboratrice scolastica, i “bidelli” non si chiamano più così, informo che nel ns mansionario abbiamo si la pulizia e la custodia dei locali, oltre la sorveglianza degli alunni all’entrata, uscita, nei corridoi e nella momentanea assenza degli insegnanti, assistenza alunni disabili, fotocopie e ogni genere di richiesta dalla medicazione al te caldo, pubbliche relazioni, sfoghi repressi contro di noi di ogni persona frustata(genitori, insegnanti, dirigenti ecc.). Ecco dovete sapere che ai comuni lo stato mette a disposizione una bel gruzzoletto ogni volta che ci sono le elezioni, ma i furbi di turno se nè guardano bene di farlo sapere in giro.QUINDI LE PULIZIE SPETTANO AL COMUNE, O PAGANO IL CORRISPETTIVO SE VOGLIONO SIANO ESEGUITE DA ALTRI. CERTE COSE è BENE SI SAPPIANO PRIMA DI PARLARE