Conti del Comune 2/Carlesi: “La giunta se non riesce a governare, si faccia da parte”

carlesiLeggo con una certa sorpresa che, di giorno in giorno,  aumenta l’ammontare dei crediti inesigibili da parte del Comune. Siamo arrivati a 29 milioni. Ebbene, esistono norme e passaggi formali da rispettare, altrimenti si rischia di provocare un danno erariale al Comune o di compiere un’omissione d’atti d’ufficio. Perché un credito sia ritenuto inesigibile, occorre appunto una dichiarazione di inesigibilità da parte di chi è incaricato della riscossione. A nome del gruppo Pd, a questo punto, chiedo, come hanno fatto i nostri commissari, che la giunta comunale ci mostri il dettaglio dei crediti inesigibili e delle relative dichiarazioni. Le parole, se non vengono dimostrate, servono a poco e, quando sono pronunciate con leggerezza, sono addirittura dannose. Il bello è che l’assessore al bilancio dice anche che la discussione è noiosa. Parliamo dei soldi e del futuro dei pratesi!
Per quanto riguarda il piano da 30 milioni del quale si parla, consiglio cautela. Sono 30 milioni in 3 anni e, alla fine del 2010, valuteremo che cosa sarà stato fatto quest’anno. Mi aspetto ben poco, visto che quei soldi dovranno servire alla manutenzione di scuole, impianti sportivi e strade. C’è di più (anzi, di meno). I 30 milioni dei quali si parla deriveranno, apprendo, da una cartolarizzazione, il che significa che chi si accollerà l’onere di questa avrà diritto al suo compenso e che, pur di svendere, il Comune si accontenta. Molto di più avrebbe potuto ottenere con un bando, accogliendo le offerte migliori. Il piano di alienazioni è in definitiva un piano alla meno che mette a rischio l’intera manutenzione della città, visto che i tempi si dilatano in 3 anni e che gli esiti non sono scontati. L’intera questione, come chiunque può intuire, è complessa e l’attuale maggioranza non può trincerarsi dietro numeri “ballerini” – le virgolette sono volute – e dando le colpe alle passate gestioni.
Un caso è quello della “cementificazione”. La perequazione varata dall consiglio precedente prevedeva che si costruisse in zone non densamente urbanizzate per liberare il Macrolotto 0 e altre zone. La giunta intende invece liberare (e nessuno è contrario) un pezzo di mura antiche per andare a costruire in una zona (ai Ciliani) già densamente urbanizzata. Le questioni sono ben diverse e le scelte politiche addirittura antitetiche. Chi dice che la decisione è della maggioranza precedente, dice una bugia.
Mi chiamano in causa, come dicevo, ma nessuno mi risponde sui mancati impegni presi dal sindaco in campagna elettorale, come sull’ex alcali o sul sottopasso di via Montalese. Si trincerano dietro presunte difficoltà tecniche. Sfido chiunque a dire che le difficoltà in questione sono maggiori di quelle incontrate nella realizzazione, vicino al depuratore, del sottopasso di via Paronese! Mi preme concludere nel solo modo possibile, partendo dalla constatazione che il governo di centrodestra ha concesso finanziamenti straordinari a diversi Comuni mentre a Prato non si è visto un centesimo. Se gli amministratori attuali avvertono l’incapacità di governare a causa del patto di stabilità e degli strumenti dei quali dispongono, si facciano da parte. Nessuno li obbliga. Noi, che mai abbiamo mancato di portare proposte all’attenzione della maggioranza, siamo pronti a farlo.

Massimo Carlesi
Capogruppo Pd in Comune

4 pensieri su “Conti del Comune 2/Carlesi: “La giunta se non riesce a governare, si faccia da parte”

  1. intanto mi chiedo come sia necessario un sotto passo in via montalese…( sono di montale e lavoro a oste!!) e poi, la facciamo finita per favore con le polemiche su gli organi di informazione…abbiamo perso perchè non abbiamo più una identita vera!!!…vogliamo dire alle persone quello che vorremmo fare invece di far notare sempre gli sbagli altrui…..che fine ha fato l’ operazione trasparenza che aveva iniziato la giunta precedente ( che fra l’ altro non ha terminato in tempo utile!!!) ??? Io, come penso tutti i pratesi vogliamo sapere quanto guadagnano i politici che sono stati eletti….perchè nessuno solleva mai questa questione??? qualcuno ha delle mensilita che potrebbero bastare a 3 famiglie… nessuno di “SINISTRA” dice niente su questo????

  2. Ceino, il sottopasso lo fanno perché le caserme dei Carabinieri e quella nuova dei Vigili del Fuoco sono in una strada senza sfondo e in caso d’urgenza può servire. Invece il reddito dei politici era sui giornali nei giorni scorsi. Naturalmente il sindaco Cenni è il primo della classifica, cosa scontata visto la sua attività imprenditoriale (sarebbe stato preoccupante il contrario). Comunque anche in bassa classifica qualche diecimila euro lo portano a casa a fine anno (ripeto in bassa classifica). Sarebbe interessante invece sapere quello che viene fuori scorporando i vari incarichi affidati dai politici, mi riferisco ai vari Presidenti, consigli di amministrazione, consulenti delle varie aziende, aziendine, controllate, controllate delle controllate e via dicendo. Vuoi sapere perché a sinistra non dicono niente? Perché molti di sinistra sono su quelle poltrone e qualcuno da parecchi anni. Però mi metti una curiosità: una delle poche (anzi Poche con la maiuscola) cose buone che c’era nella prima finanziaria di Prodi era il limite di cinque consiglieri di amministrazione per le aziende pubbliche, sarebbe da controllare!!!

  3. “Mi preme concludere nel solo modo possibile, partendo dalla constatazione che il governo di centrodestra ha concesso finanziamenti straordinari a diversi Comuni mentre a Prato non si è visto un centesimo. ”

    Mi sembra che i fondi che il Governo di centrodestra ha dato alla provincia di Prato e che il piano speciale per il comparto tessile di Prato appena varati invece la smentiscano in questo senso.
    E lei invece, caro Carlesi, e i suoi, cosa avete fatto in 40 anni? Avete scaldato le poltrone?
    Senza ritegno e senza vergogna. Fossi in lei mi chiudereiin casa per l’imbarazzo delle sue dichiarazioni.
    In un anno di giunta di centrodestra Prato è rifiorita, e possiamo andare in centro anche ad ora tarda senza paura di essere aggrediti da loschi figuri.
    Si vada a leggere, gentilmente, i giornali di un paio d’anni fa invece di dar fiato alla bocca giusto perchè non ha nulla da fare.