L’INTERVENTO/Luchetti e Bini (Pdl): “Nuova banca pratese? Meglio utilizzare il patrimonio della Fondazione CariPrato”

finanziamenti_soldi-creditoLa proposta del presidente della Provincia Gestri di costituire una banca locale arriva buon ultima rispetto ai vari tentativi che si sono svolti negli ultimi quindici anni. In città si ricordano ancora i comitati promotori che alla metà degli anni novanta e all’inizio del nuovo secolo si prodigarono per la realizzazione di una banca tutta pratese che meglio delle altre potesse interpretare i bisogni del distretto industriale. Quelle iniziative non andarono a buon fine, nonostante gli impegni profusi, sia per le oggettive difficoltà burocratiche ed operative nel raccogliere gli elementi necessari all’apertura e all’ottenimento delle necessarie autorizzazioni sia perché in città non era sentito il bisogno di avere una “banchina” non al livello delle sfide commerciali e industriali.
Non crediamo che vi siano oggi le condizioni perché la proposta di Gestri possa ottenere risultati diversi da quelli ottenuti da chi la lanciò prima di lui. Ed i vari riscontri pubblici starebbero a confermare questa sensazione. Del resto, la proposta di istituire ex novo una banca con un ridotto patrimonio non può essere molto allettante, poiché il ruolo che essa potrebbe tendenzialmente ricoprire non potrebbe che essere del tutto marginale.
Ma ci preme ricordare che i pratesi dispongono di un ingente patrimonio nel settore bancario che è rappresentato dalla Fondazione Cassa di Risparmio. Alcune centinaia di milioni di euro, oggi scarsamente utilizzati, che potrebbero essere, a seguito di operazioni straordinarie in accordo con la Banca Popolare di Vicenza, posti a servizio del futuro industriale della città. Sarebbe questa una prospettiva di grande impatto che consentirebbe alla città di riassumere un ruolo rilevante nel settore bancario e quindi di poter ritornare a essere determinante nel segnare la rotta di una ripresa dell’economia della città.

Giovanni Luchetti
Riccardo Bini
Consiglieri Provinciali Pdl

I commenti sono chiusi.