Industriali, ecco la squadra di Marini: i vicepresidenti scendono a quattro con la new entry di Roberto Fenzi

Riccardo Marini

Riccardo Marini

Solo quattro vicepresidenti, il numero minimo ammesso dallo statuto, ma anche altrettante deleghe “pesanti” a membri del Consiglio direttivo: è questa la squadra che Riccardo Marini ha proposto oggi ai Consiglieri dell’Unione Industriale Pratese, raccogliendone consenso pressoché unanime. I neo eletti vicepresidenti Adriano Bellu, Vincenzo Cangioli e Riccardo Matteini Bresci ricoprivano la medesima carica anche nello scorso mandato; nuova entrata in Comitato di presidenza invece quella di Roberto Fenzi.
Queste le deleghe attribuite a ciascun vicepresidente: Adriano Bellu si occuperà di Gestione amministrativa e politiche di bilancio, Ambiente e produzioni ecosostenibili, Problematiche idriche e Oneri energetici; Vincenzo Cangioli di Relazioni di Filiera, Studi e ricerche, Credito, Fisco e Finanza; a Roberto Fenzi le deleghe a Innovazione e Internazionalizzazione; Riccardo Matteini Bresci infine si occuperà di Relazioni Industriali, Sicurezza, Energia e Fonti rinnovabili, Rapporti con i soci e sviluppo associativo.
Il presidente Riccardo Marini gestirà invece in prima persona i temi: Politica Industriale e rapporti istituzionali; Formazione; Legalità e immigrazione; Infrastrutture; Comunicazione. Fra questi, solo l’ultimo rimane del tutto ed esclusivamente in capo a Marini, che invece sugli altri capitoli potrà contare sull’apporto dei consiglieri incaricati Paolo Crocetta (delega su Politiche di integrazione), Francesca Fani (delega su Formazione, nel precedente mandato gestita in qualità di Vicepresidente), Giulio Lombardo (delega su Prato 2020: scenari e strategie evolutive del distretto) e Moreno Paolo Torri (delega su Infrastrutture, gestita anche nel precedente mandato).
La riunione odierna del Consiglio direttivo ha costituito anche l’occasione per ringraziare Andrea Cavicchi e Raffaella Pinori, che nel precedente mandato hanno ricoperto la carica di Vicepresidente e che mantengono incarichi associativi rilevanti all’interno dell’Unione e di organismi partecipati.  Il Consiglio direttivo ha anche eletto il delegato per la Piccola industria, nella persona del confermato Giovanni Buti. Incarico importante, quest’ultimo, anche in vista del Forum PMI del prossimo ottobre. La riunione del Consiglio direttivo si è conclusa con un incontro con Edoardo Nesi, incentrato sul suo ultimo romanzo “Storia della mia gente”.

Partecipate, la presidenza di Asm va ad Alessandro Canovai. Benigni resta nel Cda come consigliere

asm-impiantiSarà Alessandro Canovai, pratese, una vasta esperienza nel settore dei rifiuti, a guidare Asm. Con lui nel Cda dell’azienda di via Paronese siederanno l’ex presidente Adriano Benigni (indicato dai comuni di centrosinistra), Cristina bardazzi, Giovanni Moschini e Antonio Rancati.  Sindaci revisori sono Mario Marchi (presidente), Francesco Cappellini, Claudio Gori. Sindaci supplenti Cristiano Mazzoni e
Silvano Nieri.
Con le nomine decise oggi dall’assemblea dei soci di Asm si è andato completando quindi un altra tessera nel puzzle delle aziende partecipate, giunto ormai quasi a conclusione. Una scelta quella di Canovai annunciata da tempo e voluta fortemente dal sindaco Roberto Cenni che voleva un tecnico esperto e preparato per guidare un’azienda strategica per Prato. Soprattutto alla luce della scommessa sulla green economy che da più parti viene indicata come decisiva per risollevare le sorti del distretto. Del resto che Asm sia un’azienda sana e in crescita lo dicono i numeri stessi che sono stati elencati oggi durante l’approvazione del bilancio 2009 che registra 60.405.399 euro di ricavi, in aumento  rispetto ai 57.423.637 dello scorso anno. Il bilancio si chiude con un utile netto di 132.916 euro. Se poi andiamo a vedere il bilancio consolidato, dove si considera anche la controllata Essegiemme,  società che si occupa della gestione dei parcheggi pubblici e delle infrastrutture per la mobilità, l’utile sale a 168.756 di cui 35.840 proprio da Essegiemme. Numeri importanti anche sul fronte degli investimenti: nel corso del 2009 l’azienda ha impegnato 4.620.224 euro, circa un milione in più rispetto al 2008. La cifra è stata destinata all’acquisto di nuove attrezzature, in particolare automezzi di nuova concezione, meno inquinanti e più rispondenti alle nuove necessità di servizio, a cassonetti e contenitori in relazione anche all’estensione dei servizi di raccolta porta a porta, a sistemi informativi per aggiornare e migliorare banche dati e gestione delle utenze domestiche e non domestiche nell’ottica dell’amministrazione della  Tariffa di igiene ambientale e delle pratiche commerciali.
Sul fronte dei risultati da registrare il balzo in avanti della raccolta differenziata: il 2009 si  è chiuso con il 45,68 per cento, il 2,6 per cento in più rispetto all’anno precedente. Un risultato ottenuto grazie all’estensione della raccolta porta a  porta nel centro storico di Prato a inizio anno e a Carmignano nell’autunno, e all’incremento della raccolta integrale dei rifiuti porta a porta con cassonetto personale nelle aree industriali che ha portato a quasi 1.200 le aziende servite dal sistema.

Tour nelle scuole del Pd pratese che lancia l’allarme: “La riforma Gelmini sta demolendo tutto”

scuola-lavagna2“Il quadro che emerge dagli interventi del governo con la riforma Gelmini e con i tagli dell’ultima finanziaria è di una demolizione della scuola pubblica” non usano mezzi termini i big del Partito Democratico nella prima giornata di mobilitazione contro le politiche nazionali sull’istruzione, in preparazione della mobilitazione di giovedì prossimo a Firenze dei sindacati. Questa mattina l’assessore della Provincia all’Istruzione Ambra Giorgi, i parlamentari Antonello Giacomelli e Andrea Lulli, la responsabile scuola del Pd Tina Santini hanno avuto un giro di incontri con i dirigenti scolastici, i rappresentanti di genitori e studenti di “Datini”, “Gramsci-Keynes” e dell’istituto comprensivo “Don Milani”.
“La manovra economica colpisce duramente la scuola – annuncia più che allarmato Bruno Ferranti, segretario provinciale del Pd – dal 1° ottobre saranno tolte risorse per gli insegnanti di sostegno e per una serie di servizi alle famiglie, che d’ora in poi saranno costrette a pagarsi da soli. In questo modo il governo mette le mani nelle tasche delle famiglie. Inoltre, la manovra si abbatterà con una particolare durezza contro i comuni, le provincie e le regioni, che verranno rese incapaci di garantire i servizi”. Condivisione dei toni forti da parte del deputato Giacomelli: “In Parlamento saremo responsabili, ma useremo delle parole nette contro la manovra, perché giunge dopo 2 anni, nel corso dei quali il governo ha negato l’esistenza della crisi. Adesso Berlusconi è costretto ad ammettere, peraltro con un’escamotage patetico la gravità della situazione, intervenendo con dei tagli lineari e indiscriminati applicati sulla scuola e sugli altri settori senza nessun criterio”. A catturare l’attenzione dell’esponente Pd sono state in particolar modo alcune preoccupazioni lanciate dagli studenti sulla costruzione del loro futuro: “Molti ragazzi mi hanno trasmesso la sensazione che per chi ha un’ambizione conviene andare a studiare o a lavorare fuori dall’Italia”. Mentre Tina Santini si scaglia contro gli interventi messi in campo dal governo: “Il tetto del 30%, il grembiulino, il maestro unico dalla destra arrivano sempre degli interventi spot”.
Fin qui le dichiarazioni: non meno interessanti i riscontri dalle visite nei tre istituti. Spicca, specialmente, il credito del “Gramsci-Keynes” verso lo Stato per le spese anticipate negli anni scorsi per esami di maturità e pulizie dell’edificio, in tutto ben 287 mila euro che non verranno corrisposti dal governo, il quale negli ultimi anni ha già azzerato il trasferimento di fondi. “L’istituto va avanti soltanto grazie al rapporto speciale con la Provincia, che interviene finanziariamente” spiega Giacomelli. Taglio degli orari dell’offerta formativa e applicazione della riforma Gelmini sono, invece, i problemi del “Datini”. Qualcosa di analogo succederà alle medie-inferiori “Don Milani”, la riduzione da 6 a 2 dell’orario settimanale farà restare in piedi soltanto l’insegnamento, come lingua straniera, dell’inglese con un taglio netto per i nuovi iscritti a tutti gli indirizzi di sperimentazione. Lo spirito di questi interventi viene sintetizzato da Tina Santini: “Negli otto anni di governo la destra ha considerato la scuola soltanto come un bacino dal quale attingere e non come un investimento per uscire dalla crisi”.

Carlandrea Adam Poli

Strappa la catenina dal collo di una donna: arrestata 50enne. E subito dopo finisce in manette anche il marito

arresto-carabinieriPrima è stata arrestata la moglie, una 50enne pratese originaria di Latina, catturata dai carabinieri del Radiomobile dopo che aveva rapinato una signora polacca di 65 anni, mandandola tra l’altro anche in ospedale. Subito dopo in manette è finito anche il marito, un tunisino di 37 anni che, nonostante fosse clandestino e già colpito da ordine di espulsione, non si è fatto problemi di recarsi direttamente dai carabinieri per portare alcuni indumenti alla consorte, andando così letteralmente ad infilarsi nella bocca del leone. E’ accaduto tutto ieri sera tra piazza Mercatale e la caserma dell’Arma. La 50enne, persona già nota alle forze dell’ordine, aveva rapinato l’anziana polacca strappandole dal collo una catenina in oro. Poi aveva tentato la fuga nascondendosi in un condominio, ma lì era stata scovata dai militari che l’avevano arrestata con l’accusa di furto con strappo, lesioni personali e danneggiamento. Intanto la signora polacca veniva portata al pronto soccorso per farsi medicare le ferite riportate al collo. I carabinieri hanno quindi trattenuto nelle celle di sicurezza la 50enne, in attesa di portarla davanti al giudice per il processo. Ed è stato qui che è entrato in gioco il marito che, a dispetto dei rischi, si è presentato candidamente dai carabinieri con il pacco dei vestiti da dare alla moglie. Con il risultato di finire anche lui con le manette ai polsi.

Vademecum delle “buone regole” di convivenza: sarà distribuito agli studenti delle scuole dell’obbligo

convivenza-integrazioneLa convivenza civile è fondata sul rispetto delle leggi ma anche  su alcune buone regole che, oltre a impedire l’insorgere di disagi e incomprensioni,  possono facilitare il dialogo e l’integrazione fra cittadini di origine diverse.  Di ciò sono convinti  gli assessori alla Pubblica Istruzione, Rita Pieri, e all’Integrazione, Giorgio Silli,  che hanno realizzato un depliant intitolato “Le buone regole del vivere civile” che sarà distribuito gratuitamente a tutti gli studenti della scuola dell’obbligo. In una città come la nostra dove convivono cittadini di origini diverse, possono infatti  nascere veri e propri conflitti per le diverse abitudini di vita e per il diverso grado di importanza  che viene attribuito a certi comportamenti quotidiani. Il rispetto di buone regole  diventa in questi casi uno strumento per garantire una più facile convivenza e  superare positivamente le differenze linguistiche e culturali.
Il pieghevole stampato in 15 mila copie è suddiviso in tre parti corrispondenti a tre diversi luoghi per ciascuno dei quali sono indicate precise “buone regole”: nel condominio, negli spazi pubblici e nella città, a scuola.
“Le buone regole pubblicate nel depliant – ha detto Silli – possono sembrare scontate, ma vi assicuro che scaturiscono dall’esperienza  degli Sportelli di ascolto e mediazione dei conflitti interculturali che il Comune  ha attivato per  aiutare i cittadini a risovere  i disagi di convivenza. I nostri mediatori – ha precisato l’assessore – vengono spesso chiamati a intervenire su problematiche che sono oggettivamente banali ma sono proprio quelle che rendono complicate e difficili le relazioni della vita quotidiana”.
Da parte sua, l’assessore Pieri, ha rilevato che la pubblicazione del depliant segue a ruota la  “Carta dei valori, della cittadinanza e dell’integrazione”,  anche questa realizzata congiuntamente dagli assessorati alla Pubblica Istruzione e alle Politiche di integrazione e rivolta agli studenti delle scuole elementari e medie di Prato.  “Con questo strumento – ha spiegato Rita Pieri – l’amministrazione comunale si propone di svolgere un ruolo didattico non solo verso le comunità immigrate che devono essere messe in condizione di conoscere le nostre regole e soprattutto i diritti e i doveri  che riguardano tutti i cittadini, ma anche verso gli stessi italiani che non sempre  hanno piena consapevolezza  di quali siano i comportamenti da tenere. Solo da una convivenza civile rispettosa delle regole  potrà nascere un rapporto sereno e proficuo  fra ogni singola persona”.

Hockey, anno magico per il Prato 1954: dopo la promozione in A1 i biancazzurri vincono la Coppa Italia Under 15

under15-bisPrimo storico traguardo per l’Hockey Prato 1954. L’Under 15 di Luciano Gianassi conquista la Coppa Italia di categoria sbaragliando la concorrenza delle dirette avversarie e alzando il primo storico trofeo della sua giovane carriera. Alle finali nazionali di Viareggio i pratesi hanno battuto la concorrenza delle altre cinque finaliste della competizione, dopo il lungo girone eliminatorio.
Successo meritatissimo per la formazione di Luciano Gianassi che fa il bis con la vittoria del campionato di serie A2 e la promozione conquistata dalla prima squadra solo poche settimane fa. La grande cavalcata dei giovani biancazzurri verso la coppa è iniziata venerdì scorso nel girone di qualificazione contro Correggio e Montecchio Maggiore. L’esordio è decisamente positivo per i lanieri che passano 5-3 nella prima sfida grazie alla tripletta di Lucchesini e alla doppietta di Zucchetti. Nella seconda sfida arriva invece una sconfitta di misura, per 7-6 contro il Montecchio Maggiore, ma è una sconfitta che non pregiudica il cammino dei pratesi andati a segno con Zucchetti (5) e Cacciatore. Nonostante la sconfitta i lanieri conquistano la semifinale del sabato sera dove affrontano la Rotellistica Novara. Contro i coetanei piemontesi i ragazzi di Angiolino Castiglionesi compiono una grande impresa imponendosi con un netto 5-1 (Zucchetti 4 e Cacciatore), spalancando le porte della finale dove affrontano il Sandrigo vittorioso con lo stesso punteggio sul Montecchio Maggiore.
Nella tirata finalissima i pratesi si portano in vantaggio grazie alla doppietta di Zucchetti e alla rete di Lucchesini. La reazione del Sandrigo porta la formazione veneta ad avvicinarsi nel punteggio, ma la rete di Poli ristabilisce le distanze fino alla fine. Finisce 4-3 per i ragazzi di Luciano Gianassi che festeggiano la meritatissima vittoria della Coppa Italia di categoria.
Ma ecco i protagonisti di questa splendida vittoria sempre ottimamente seguiti dalla responsabile del settore giovanile Sabrina Inverni e dal tecnico Luciano Gianassi. Portieri: Alessandro Vespi e Claudio Landi; esterni: Federico Ammazzini, Lorenzo Capuano, Leonardo Cacciatore, Matteo Zucchetti, Tommaso Benelli, Mattia Benvenuti, Edoardo Lucchesini, Jacopo Benvenuti, Ivan Cappelli, Andrea Poli.

Videominuto 2010 raddoppia: a settembre al Centro Pecci due concorsi per i “corti” da un minuto

Lo scrittore Tommaso Pincio

Lo scrittore Tommaso Pincio

E’ partito il bando per Videominuto 2010, il concorso internazionale di video da 1 minuto giunto alla 18ª edizione, che si svolgerà a settembre al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato.  L’iniziativa si arricchisce quest’anno di un nuovo concorso che affianca il tradizionale “ 1000 euro per 1 minuto” a tema libero, non sottoposto a censura, di inderogabile durata di 1 minuto (titoli compresi). Il titolo del nuovo  bando è “Diario dall’epoca del presente permanente”* ed è tratto da un short novel che lo scrittore Tommaso Pincio ha dedicato a Videominuto. I partecipanti potranno dunque trarre spunto per le loro video-opere dalle suggestioni del racconto e – su richiesta espressa allo scrittore – potranno farsi spedire una long version del racconto stesso. Anche il concorso a tema ha un premio di 1000 euro che verrà assegnato a settembre durante la Notte del Minuto dal Presidente della Giuria e direttore artistico di Videominuto Raffaele Gavarro e da Tommaso Pincio.
Videominuto è organizzato dall’emittente radiofonica toscana Controradio, dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, in collaborazione con l’associazione culturale Grav e con il contributo di Regione Toscana, Comune e Provincia di Prato e Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Il festival internazionale è capofila del circuito internazionale dei festival dedicati ai video di un minuto (www.oneworldoneminute.com), che vanno dal “59 Seconds Video Festival” negli Stati Uniti ed il brasiliano “Festival do Minuto” all’olandese “The One Minutes”, dallo svizzero “1 Minute Film & Video Festival Aarau” e lo spagnolo “Iberminuto” allo slovacco “Azyl Film Festival”, per finire con il “Croatian One Minute Festival“ ed il  “Pravda One Minute” in Lituania. Il bando per la presentazione dei video scade il 15 luglio 2010. Tutti i dettagli, le info e la short novel sono reperibili sul sito www.videominuto.it.

Ladruncolo di 14 anni prova a rubare in casa, scoperto dal proprietario e arrestato dopo una breve fuga

carabinieri010A 14 anni ha tentato di rubare in casa di un cittadino cinese ma è stato scoperto dal proprietario e a nulla è servito il tentativo di fuga nelle vie circostanti, dove il ragazzino è stato bloccato da una pattuglia di carabinieri, nel frattempo allertati dalla vittima del furto. Il movimentato episodio è accaduto nella serata di ieri in via Donizetti quando il 14enne, di origine croata, ha forzato la porta dell’appartamento, forse pensando di non trovarvi nessuno all’interno. C’era, invece, il padrone di casa, un cinese che ha messo in fuga il ladro e poi ha chiamato la centrale operativa del 112. Una pattuglia della stazione di Prato si è messa così in cerca del ladruncolo che è stato fermato con ancora addosso numerosi arnesi atti allo scasso. Per questo motivo è stato arrestato con l’accusa di tentato furto aggravato in abitazione e poi accompagnato al centro di prima accoglienza minorile di Firenze dove resta a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Studenti a lezione di Costituzione nel salone consiliare di palazzo Buonamici

incontro-sulla-costituzioneLezione sulla Costituzione questa mattina nel salone consiliare di palazzo Buonamici per gli studenti della scuola primaria Mascagni-Borgonuovo, che ha partecipato con un gruppo di alunni di quinta, le medie Ser Lapo Mazzei (con la 1B) e l’istituto Datini (con la 1Aec). Promossa dalla Prefettura con la collaborazione della Provincia la lezione si inserisce nel contesto della Festa della Repubblica del 2 giugno. Il prefetto Maria Guia Federico, la vice presidente della Provincia Ambra Giorgi, il direttore dell’Ufficio scolastico provinciale Francesco Mauro e il presidente della Consulta degli studenti Luigi N’Guessan hanno accolto i ragazzi, insieme al presidente del Pin Maurizio Fioravanti, che ha tenuto la lezione proprio in qualità di costituzionalista. Presenti anche il presidente del Consiglio provinciale Giuseppe Maroso, l’assessore all’Istruzione del Comune di Prato Rita Pieri, il comandante provinciale dei carabinieri Emilio Mazza e il vice questore vicario Fabio Cilona.
“La Repubblica italiana e la Costituzione sono nate insieme, hanno le stesse radici – ha detto la vice presidente Giorgi aprendo la mattinata – Le nostra legge fondamentale garantisce il diritto al lavoro, allo studio, alla formazione, ma regola anche il nostro vivere quotidiano. E’ quindi davvero importante che i ragazzi la conoscano”. “Ho voluto con convinzione questa giornata a cui tenevo che partecipassero molti studenti, pratesi e provenienti da altri paesi, in modo da rappresentare la realtà multiculturale delle nostre scuole – ha sottolineato il prefetto – E’ importante poter riflettere insieme a loro su uno dei cardini della vita della nostra comunità”.
Fioravanti è poi entrato nel vivo della lezione parlando della Costituzione “anzitutto come ideale di pace che ci consente di riconoscerci reciprocamente pur restando diversi. La democrazia non è uniformità, ma pluralità – ha proseguito il presidente del Pin – La Costituzione serve a stabilire diritti ma anche doveri dei cittadini, è un libriccino che ancora dà significato alla nostra esistenza comune ed è importante che i giovani la leggano e continuino a leggerla”. Molte le domande degli studenti, soprattutto sulle garanzie che la Costituzione offre, anche agli stranieri, sulle differenze con le leggi fondamentali di altri paesi e sull’attualità del testo italiano.

Finisce sul marciapiedi con la Vespa e si rompe la spalla: aveva bevuto quattro volte più del limite massimo consentito

alcol_1Aveva nel sangue una percentuale di alcol pari a 2,16. In pratica oltre quattro volte superiore al massimo consentito dalla legge italiana. Non c’è da stupirsi, così, se il giovane marocchino di 19 anni ieri pomeriggio è finito dritto sul marciapiede con la Vespa 125 che stava guidando. E’ accaduto intorno alle 18.30 in via Traversa Pistoiese e per fortuna il ragazzo non ha travolto nessuno nella sua escursione sul marciapiede. Il rovinoso volo che ha fatto dallo scooter, però, gli è costato la frattura di una spalla, che i sanitari del pronto soccorso hanno giudicato guaribile con 30 giorni di prognosi. Sul posto anche gli agenti dell’Ufficio sinistri della polizia municipale, per compiere i rilievi dell’incidente. Quando dall’ospedale sono arrivati i referti delle analisi del sangue, è stato chiaro il motivo alla base dell’incidente. Tra l’altro il 19enne è risultato anche essere sprovvisto di patente. Così, oltre alle ossa rotte, ha rimediato ben due denunce alla magistratura: una per guida in stato di ebbrezza, l’altra per aver condotto un motociclo 125 senza avere mai conseguito la patente.

Basket, non basta una Toscanini piena di tifosi: Minorconsumo.it costretta alla bella a Certaldo

corsi-a-rimbalzo minorconsumo.itLa Minorconsumo.it manca il colpo del ko e in una Toscanini stracolma cede (44-51) al Certaldo rinviando alla bella i giochi per la promozione., Che non sarebbe stata una passeggiata già si sapeva, come non c’erano dubbi che sarebbe stata una gara a basso punteggio e giocata sui nervi. Alla fine a vincere è stata la squadra che è riuscita ad avere più energie, aiutata anche dalle maggiori rotazioni che le permetteva la profondità della panchina. Certaldo è così riuscita a prevalere ed a riportare la serie sul terreno amico del PalaCanonica, dove mercoledì 2 giugno con inizio alle 21 assisteremo all’ultimo atto di questa interminabile stagione, lunga per le due finaliste, ben 38 gare.
L’inizio è emblematico; la Minorconsumo.it cerca di arginare gli uomini considerati più pericolosi fra i fiorentini, e ci riesce bene tenendo a secco i vari Pieroni, Farnetani e Cantini, ma l’ex Mancini fa il diavolo a quattro e tiene i suoi sempre agganciati ai padroni di casa nel punteggio. Entrambe le squadre tirano sotto il 30% e sono le due triple di Staino a dare il 15 a 14 del primo intervallo. Il secondo quarto vede ancora Mancini e Spampani che ha preso il posto di Pieroni a dare il là al primo allungo degli ospiti. Prato trova qualche punto da Nieri e nel finale con Staino dai 6.25 per andare al riposo comunque in partita sul 25 a 29.
Dopo l’intervallo i Dragons alzano la difesa e in 10 minuti concedono solo 6 punti ai biancorossi. Staino, top scorer di serata con 16 punti, dà il via alla rimonta che si concretizza con la tripla di Biscardi. Purtroppo il 3 su 8 ai liberi smorza l’allungo dei lanieri (35 a 35), che ci provano tuttavia ad inizio dell’ultimo quarto, quando Staino in penetrazione e due jamp di Corsi li lanciano sul più 4. La gara è però ancora lunga e le energie che cominciano a scarseggiare danneggiano i Dragons più della zona allestita dagli avversari che sorpassano con una tripla fortunosa di Cantini. Ormai Prato non segna più costringendo coach Bini al time out, ma al rientro in campo i padroni di casa perdono ancora qualche palla di troppo e Certaldo porta a casa la vittoria. La gara Minorconsumo.it – Desipak Certaldo, ultima comunque casalinga della stagione, sarà trasmessa da Tv Prato stasera alle ore 21,30.

Mamme fumatrici, conferenza della Lilt per spiegare tutti i rischi a cui si va incontro

fumare_gravidanzaOggi ricorre la giornata mondiale contro il fumo e la sezione della Lilt di Prato ha organizzato un’iniziativa rivolta a tutte le mamme. L’appuntamento è per le 16 nella sede della Lilt in via Catani, accanto al supermercato Conad ed è stata significativamente intitolata “Mamme e fumo: un binomio che non deve esistere”. E’ previsto l’intervento di alcuni medici che affronteranno temi specifici: il dottor Biagiotti (Ginecologo) parlerà delle conseguenze del fumo sul feto, per le future mamme fumatrici; il dottor Panella (Oncologo parlerà delle conseguenze del fumo passivo sui bambini, per le mamme fumatrici; infine la dottoressa Bessi (Psicologa) parlerà del fenomeno in aumento di fumatori adolescenti e preadolescenti, e di come i genitori possono cercare di impedire che il figlio inizi a fumare, per le mamme di bimbi più grandini. Inoltre, la dottoressa Bessi illustrerà alcune tecniche psicologiche, che aiuteranno le mamme che valutassero questa possibilità a smettere di fumare.
La partecipazione all’iniziativa è aperta a tutti. Seguirà un piccolo e sano buffet biologico offerto dal Supermercato Naturasì nell’ambito del comune progetto “Assaggi di Salute”, per la promozione di un’alimentazione sana.

Pallanuoto, il setterosa under 19 dell’An Prato prova a qualificarsi per le finali nazionali

under-19-quarto-posto pallanuoto an pratoDopo la grande cavalcata che ha portato il setterosa dell’An Prato a salire in serie A la stagione della pallanuoto femminile è sempre nel vivo. La regular season è terminata con il trionfo  di tutte le squadre giovanili nel campionato toscano. Le squadre di tutte e tre le categorie, under 15, under 17 e under 19 si apprestano ora ad affrontare la più difficile  fase interregionale per centrare l’obiettivo di guadagnarsi l’accesso alle rispettive final eight ed entrare così fra le prime otto squadre d’Italia.  L’anno scorso il risultato ottenuto dalle giovanili dell’An Prato è stato storico, perché la società laniera è riuscita, unica in Italia, ad accedere a tutte e tre le finali nazionali e ad ottenere piazzamenti lusinghieri.
La prima semifinale sarà organizzata proprio a Prato e a partire da oggi vedrà impegnate le Under 19 in un girone di ferro in cui si affronteranno tre fra le prime quattro classificate nell’ultima finale.  Girone di altissima qualità quello di Prato, nel quale la squadra pratese affronterà il Padova campione d’Italia,  l’ Imperia, terzo classificato nell’ultima edizione della final eight e il Brescia. La squadra laniera è arrivata quarta alle ultime edizioni di campionati italiani,  che si sono giocati lo scorso settembre a Imperia e tenta di compiere  l’impresa di qualificarsi  per il secondo anno consecutivo per la final eight pur nella consapevolezza che le due corazzate Imperia e Padova sono favorite rispetto al team di  Giacomo Grassi. La squadra di casa  ha un’età media bassissima e rispetto alle finali 2009 perde Guasti e Fioravanti ma può contare sulle azzurrine Giuditta Galardi, Chiara Tabani  (appena tornate da una settimana di ritiro in Ungheria con la nazionale ’93) e Maria Carlesi, che in questa stagione agonistica sono cresciute tantissimo che guidano un gruppo in crescita costante completato dal trio ’92 Ronchetti, Marseglia e Calamai, elementi fondamentali di una squadra che fa del collettivo la sua arma migliore. Completano il gruppo il portiere Camilla Totaro, Matilde Pelagatti, le giovanissime Laura Zanieri,  Sara Roccabianca, la mancina Alice Gasperi, Manuela Albiani,  Alessia Agostino Ninone, Martina Giaimo e la portierina di riserva Alessia Giaimo.

Barbara Alberti chiude Libri d’Italia con il suo “Riprendetevi la faccia”, manifesto contro la dittatura del botulino

alberti-libroAtto conclusivo per  la 15ª edizione di Libri d’Italia, la rassegna curata da Stefano Coppini e promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Prato insieme al Kiwanis Club Centro storico e con la sponsorizzazione di Asm. Stasera, lunedì 31 maggio alle 21.30 presso la Sala conferenze della biblioteca comunale Lazzerini (via Puccetti 3), sarà presentato il nuovo libro di Barbara Alberti “Riprendetevi la faccia”, un manifesto contro la dittatura del botulino e della  giovinezza ad ogni costo. “Donne stiamo attente – avverte Barbara Alberti – ci stanno levando tutto! Se ci levano anche la vecchiaia siamo fritte.” Questo libro è un manifesto, uno scatto d’orgoglio, un richiamo alle armi: “Donne, che ci è successo? Dove siete? Dove siamo? In una mano la ramazza, nell’altra il biberon, nell’altra il computer, nell’altra la biancheria sexy, nell’altra i vecchi da curare. E adesso bisogna pure essere fighe fino a ottant’anni”. 
”Riprendetevi la faccia” è un foglio di resistenza contro la dittatura dell’eterna giovinezza, contro la pressione sociale al botulino, la sistematica ridicolizzazione della donna che invecchia. Laureata in filosofia, Barbara Alberti è scrittrice prolifica di romanzi, saggi e biografie fantastiche. Nella sua carriera di sceneggiatrice ha firmato una quindicina di pellicole, tra cui quella per Il portiere di notte di Liliana Cavani.

Pallanuoto, la Futura espugna la piscina della Bissolati e vede più vicina la salvezza

serie-b-maschi futura pallanuotoGrande Futura Nuoto in gara uno dei playout per la permanenza nel campionato di serie B maschile. La squadra di Antonio Rugi vince infatti in trasferta contro la Bissolati Cremona e vede aumentare le sue possibilità di salvezza. 6 a 8 il risultato finale, che premia i lanieri autori di una prova di grande carattere. La partita si è giocata nel bellissimo impianto della squadra lombarda davanti ad una bella cornice di pubblico con una trentina di tifosi pratesi che hanno seguito la squadra. Durante la settimana i ragazzi avevano preparato la sfida con grande cura consci della importanza del fatto che in una serie al meglio delle due gare su tre i margini di errore sono ridottissimi.  Lo schieramento a zona proposto  da mister Rugi sorprende i cremonesi e consente a Martini e compagni di partire subito in quarta mettendo a segno un parziale di 3 a 1 nelle prime fasi di gioco e creando quel gap che si dimostrerà decisivo ai fini del risultato finale. Ai gol di Martini, Korovessis e Nunziati risponde per i cremonesi  Grassi (doppietta). In apertura del secondo quarto i cremonesi sbagliano un rigore con Costantino, peraltro marcato benissimo dalla difesa pratese. La  squadra laniera gioca forse la miglior partita della stagione con un’ottima difesa ed un attacco finalmente efficace con capitan Martini che va a segno tre volte e, fino al cambio campo i ragazzi della Futura giocano la partita perfetta.
Nel terzo tempo la gara si complica con l’espulsione definitiva di Ciatti, al terzo fallo grave. La difesa pratese , orfana del suo punto di riferimento difensivo, va in affanno e la squadra di casa ritrova gioco e convinzione rimontando fino a fino al -1. La Futura però non perde la testa come è a volte successo nel corso della regular season e, nonostante la stanchezza, non perde il filo del gioco, rispondendo  colpo su colpo agli attacchi della Bissolati  con un gioco ordinato ed efficace soprattutto in difesa.Finale 8 a 6 per i pratesi che si portano così a casa gara 1 e sabato prossimo in via Roma avranno la possibilità di chiudere i giochi dando un senso a questa stagione tanto travagliata.

Svuotato il laghetto di Galciana ma nessuno pensa ai pesci. E la gente fa intervenire il Csn di Galceti

100_1979100_2005E’ ormai diventato il riferimento per le fresche estati di molti galcianesi, il laghetto con fontane realizzato due anni fa nell’ambito della nuova lottizzazione Galciana 2000. E l’affezione aveva portato qualcuno a trasferire nel lago la residenza anche di alcuni pesci e tartarughe. Ma una serie di problematiche connesse alla realizzazione, hanno portato i tecnici, nella giornata di ieri, ad aprire le valvole per svuotare completamente il lago. “Abbiamo visto i tecnici avviare lo svuotamento del lago – dicono alcuni residenti della zona – ma non ci hanno dato alcuna risposta quando chiedevamo loro conto degli anfibi ed i pesci presenti nello specchio d’acqua”.
E con il passare delle ore il livello delle acque ha iniziato l’inesorabile discesa senza che nessuno si prendesse carico dei pesci, destinati quindi ad una sicura morte.”Questo pomeriggio, quando abbiamo visto che nessuno interveniva ed il livello dell’acqua era arrivato al minimo e gli animali iniziavano ad agonizzare – riferisce un gruppo di giovani – abbiamo contattato il Centro di scienze naturali e la polizia municipale per denunciare la situazione e vedere se si riusciva a salvare gli animali”.
E dal Centro guidato da Gilberto Tozzi è giunta immediatamente una squadra di giovani volontari che in mezzo a rifiuti e al fango ha recuperato, fra mille difficoltà, enormi carpe, tartarughe e pesci rossi con il plauso dei cittadini che davano indicazioni dalla spalletta per individuare gli animali. Adesso spetterà alla polizia muncipale accertare eventuali responsabilità a carico di chi ha avviato lo svuotamento del laghetto senza preoccuparsi della tutela della fauna. (f.d.p.)

Dal concerto degli studenti alla fanfara dei bersaglieri: tante iniziative per celebrare il 2 giugno

2-giugno-festa-della-repubblicaSi sono articolate in 5 giorni, quest’anno, le manifestazioni coordinate dalla Prefettura per celebrare la Festa della Repubblica. L’apertura è stata data dalla kermesse “I protagonisti della sicurezza”,  manifestazione che, come di consueto, si è svolta presso il Parco del Museo Quinto Martini di Seano tra ieri e oggi. Domani, lunedì 31 maggio, alle ore 10.30  nella Sala del Consiglio provinciale si terrà una lezione di. Maurizio Fioravanti dal titolo “La Costituzione: che cosa è, che cosa contiene, a cosa serve” rivolta ad una rappresentanza degli studenti delle scuole pratesi. Martedì 1° giugno alle 21, al Teatro Politeama Pratese, è stato organizzato un concerto degli studenti che hanno partecipato al progetto, recentemente avviato dalla Prefettura di Prato, finanziato dal “Fondo Europeo per l’Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi”, e curato operativamente della Società Corale “Guido Monaco” e della Società Filarmonica “Pietro Mascagni” di Prato. Durante l’anno scolastico in alcuni Istituti, caratterizzati dalla presenza di un numero di studenti stranieri particolarmente elevato, gli alunni hanno avuto la possibilità di  frequentare corsi di  musica e di cantare in un coro. Il concerto del 1° giugno rappresenta quindi la conclusione del  percorso sin qui svolto dalle classi coinvolte.
Il 2 giugno infine, si svolgerà a Prato la solenne cerimonia di celebrazione del 64° anniversario della fondazione della Repubblica Italiana in concomitanza con quella tenuta a Roma dal presidente della Repubblica. Per la cerimonia dell’alzabandiera è stata scelta, anche quest’anno, la suggestiva cornice di piazza Duomo che ospiterà uno schieramento composto, oltre che da una rappresentanza delle forze di polizia territoriali, da militari di tutte e quattro le forze armate e da una rappresentanza della Croce Rossa Italiana. La cerimonia, che vedrà la presenza della Banda dell’ANFI sezione di Prato, prevederà un momento per la consegna delle onorificenze “Al Merito della Repubblica Italiana” e proseguirà con la sfilata dei militari per le vie del centro e la deposizione di una corona al monumento ai Caduti in piazza delle Carceri. Nel pomeriggio dopo la cerimonia dell’ammainabandiera che si terrà sempre in piazza Duomo alle 17,25, la Fanfara dei Bersaglieri di Prato si radunerà nella stessa piazza per la consueta sfilata per le vie del centro storico. Infine, alle 18 la Fanfara dei Bersaglieri terrà un breve concerto in piazza Santa Maria in Castello.

Allarme per le colonie feline, Sanzò (Pd): “Il Comune reintegri subito il contributo alle associazioni e ai volontari”

gatti-colonia-felinaRipristinare in tempi brevi il contributo del Comune per la cura delle colonie feline sparse nel territorio comunale di Prato. E’ quanto chiede Cristina Sanzò, consigliere comunale del Pd, esprimendo tutta la sua preoccupazione per la sorte delle circa 800 colonie presenti a Prato per un totale stimato di circa 10mila gatti randagi. Questi vengono accuditi da volontari che, come spiega la stessa Sanzò, spesso trovano nell’operazione un valido aiuto per alleviare solitudini e disagio, svolgendo al tempo stesso un’attività encomiabile di aiuto agli animali. “Nei precedenti bilanci – spiega l’esponente del Pd – veniva assegnato un importo medio annuale di 60mila euro per le cure dei gatti delle colonie che, pur se non esaustivo, permetteva di avere una base di appoggio per le necessità mediche degli animali, le quali venivano supportate per la parte rimanente dalle associazioni stesse. Avuto notizia dell’azzeramento totale del capitolo legato alla cura dei gatti randagi, nonostante l’assessore Mondanelli si definisca animalista, posso asserire che, nei fatti, il Comune viene meno ad un obbligo di legge. Per questi motivi e, venuta a conoscenza che l’assessore vuole reintegrare i capitoli di spesa nel prossimo futuro, chiedo che tipo di provvedimento intende urgentemente mettere in atto l’amministrazione comunale per fronteggiare la necessità dei gatti collocati presso l’Oasi felina della Bogaia, nonché tutte le colonie esistenti sul territorio comunale”.

Tanti baby campioni in campo alla Pietà per ricordare Jacopo Menchi: quest’anno partecipa anche il Manchester City

calcio-giovanileTorna anche quest’anno il Memorial Jacopo Menchi, il torneo di calcio internazionale categoria esordienti organizzato dal Gs Pietà 2004 con il patrocinio del Comune di Prato. La quinta edizione della manifestazione si svolgerà da oggi 30 maggio  fino al 2 giugno al campo sportivo Faggi. A sfidarsi saranno il Gs Pietà 2004, la Juventus fc, che l’anno scorso vinse il torneo battendo la Roma, il Bologna fc, l’As Lucchese, il Brescia, l’Empoli fc, la Ss Lazio, l’As Livorno, l’Udinese calcio, l’Austria Wien fk, la Lokomotiv Mosca fc e il Manchester city fc. Il torneo si è affermato come il più importante della Toscana per il calcio giovanile ed è tra i primi a livello nazionale, come conferma la presenza di squadre blasonate che ogni anno chiedono di poter partecipare.
Quest’anno tocca agli esordienti del 1997 scendere in campo e tra loro avrebbe dovuto esserci anche Jacopo, il bambino scomparso nel 2005 all’età di otto anni che giocava nella squadra G.S.Pietà 2004. Allora i suoi compagni e la sua famiglia hanno voluto ricordarlo con una manifestazione dedicata allo sport, alla passione per il calcio e al fair play: “Il Memorial Menchi è una manifestazione di grande valenza sia per il ricordo del piccolo a cui dedicato – dice l’assessore allo Sport Matteo Grazzini – sia per il grande sforzo organizzativo che il Gs Pietà compie ogni anno, con brillanti risultati. Sicuramente un valore aggiunto per la città che si somma a quello sportivo ed agonistico “. Le semifinali si terranno il 2 giugno dalle 9.15, mentre la finalissima prevista per le 18 e la premiazione alle 19.15.

Al Planetario di Galceti una lezione per imparare a distinguere stelle e galassie nel cielo

planetario stelle cieloIl Centro di Scienze Naturali, nell’ambito della  XX Settimana della cultura scientifica e in collaborazione con l’assessorato all’Ambiente del Comune di Prato, organizza per oggi, domenica 30 maggio, alle ore 17,30 al planetario digitale una osservazione dal tema “Il Cielo di maggio al planetario digitale”, condotta da Romano Bellocchio. Un particolare sistema, tramite un apposito software, permetterà di proiettare sulla cupola di quattro metri del planetario una serie di effetti speciali straordinari. Potremo osservare sulla cupola il cielo stellato del mese di maggio e riconoscere poi le stelle nel cielo vero della notte. Sulla cupola osserveremo configurazioni delle costellazioni con relativi nomi e figure mitologiche ed i pianeti presenti nel cielo di maggio. Inoltre, osserveremo anche una serie di fenomeni celesti come le stelle cadenti, le piogge di meteore, eclissi di sole e di luna.Tanti  oggetti astronomici del cielo vicino e del cielo profondo. Verrà illustrato anche la differenza fra planetario e l’osservatorio astronomico e tante informazioni  per conoscere maggiormente l’affascinante mondo dell’astronomia con un linguaggio semplice e didattico per rendere accessibile a tutti un incontro con  la cultura scientifica. E’ necessaria la prenotazione al 0574/460503. Contributo  6 euro.

Basket, la Minorconsumo.it chiama a raccolta i tifosi alla Toscanini: c’è da completare il miracolo

tutti-pronti-a-rimbalzo minorconsumo dragonsAll’ultima gara casalinga di un’annata  incredibile, la Minorconsumo.it chiede aiuto ai suoi straordinari supporter per chiudere già con gara 2, la finale per la promozione al campionato cadetto nazionale. Oggi, domenica 30 alle Toscanini, palla a due alle ore 18, a cercare di ridimensionare gli esaltanti playoff dei Dragons ci sarà il Certaldo. I fiorentini dopo la sconfitta nella prima sfida sul proprio campo di mercoledì, saliranno a Prato decisi a riportare la serie al PalaCanonica. Forse per la prima volta i lanieri sentiranno la pressione per un traguardo assolutamente non programmato ma che ora vedono non troppo distante. Pressione che si farà sentire anche sulle spalle degli uomini di coach Baldini che sono passati dalle stelle alle stalle nell’ultima gara di regular season perdendo la promozione diretta con la sconfitta casalinga contro Piombino, ma che poi sono stati bravissimi ad eliminare San Giovanni nei quarti e Terni in semifinale.
Affrontandosi le due difese meno perforate del girone, non è difficile pronosticare una gara dall’esito incerto, ma tesa ed a basso punteggio, dove ad avere la meglio potrebbe essere chi saprà gestire meglio i propri nervi. I 3 precedenti stagionali, gli unici fra le due squadre che hanno fino a quest’anno militato sempre in campionati diversi, hanno visto sempre le gare risolversi in volata. Per gara 2 osservati speciali, oltre ai leader Farnetani e Pieroni, saranno l’ex di turno Mancini ed il bomber Cantini, entrambi ben contenuti nelle sfide precedenti. Coach Bini è in apprensione per le condizioni della caviglia di Lazzeri, ma l’esperta ala pratese non vuole mancare all’appuntamento e ci sarà anche se non al 100%. Al resto dovranno pensarci i favolosi Dragons sospinti dal tifo dello stupefacente pubblico delle PalaToscanini.
Minorconsumo.it vs Desipak Certaldo sarà teletrasmessa da TV Prato Lunedì 31 alle 21.30; la dirigenza della Pallacanestro 2000 Prato coglie anche l’occasione per ringraziare l’emittente pratese con i suoi operatori ed i confratelli dell’Arciconfraternita della Misericordia di Prato per l’ottimo lavoro svolto in questi 9 mesi di collaborazione.

Giornata contro il fumo con stand al mercato. A Prato in 50mila sono schiavi della sigaretta

sigaretta-fumo-fumareL’Asl 4 aderisce alla giornata mondiale senza tabacco promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Domani, lunedì 31 maggio presso il mercato settimanale di viale Galilei, sarà allestito un stand per distribuire ai cittadini materiale informativo e offrire consulenze gratuite su come smettere di fumare. L’Unità funzionale formazione, educazione e promozione della salute dell’Asl 4 nell’anno scolastico 2009-2010 ha promosso un percorso educativo di prevenzione del tabagismo nei giovani. Il progetto ha coinvolto le scuole medie Bartolini di Vaiano e Pertini di Vernio (185 studenti e 16 insegnanti). Sempre nello stesso anno scolastico in collaborazione con i volontari dell’Unione mutilati della voce è stato condotto un corso su i danni causati dal fumo. Hanno aderito 8 Istituti di istruzione secondaria di primo grado (600 studenti e 45 insegnanti). Quest’anno il tema del messaggio è quello della diffusione del tabacco delle giovani donne, la prevalenza dei fumatori maschi ha già raggiunto un picco, mentre la prevalenza di fumatrici tra le donne è in aumento.
Nella provincia di Prato i fumatori adulti sono oltre 50mila. Di questi, circa 20mila, fumano una ventina o più sigarette al giorno. Informazioni sull’abitudine al fumo di tabacco in età giovanile emergono  da uno studio condotto su un campione di studenti di 14-19 anni di età, residenti nelle 12 Asl toscane. Relativamente al campione pratese, circa il 60% dei ragazzi ha provato a fumare almeno una volta, mentre circa il 16% è già fumatore abituale (17,7% tra i maschi e 15,3% tra le femmine), quota comunque inferiore al valore medio regionale (19,2%). Tradotti in numeri assoluti , si tratterebbe, perciò, di circa 1600 ragazzi di età compresa fra i 14 e i 19 anni che sono fumatori abituali.
Ma smettere di fumare si può. Al Centro socio sanitario Roberto Giovannini, ingresso D è attivo un Centro antifumo. Il trattamento prevede una prima visita medica seguita da eventuali visite di controllo. Per appuntamenti o prenotazioni rivolgersi dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13 al numero telefonico 0574-407423 o presentarsi di persona al Servizio per le tossicodipendenze (Sert) sempre all’interno della stessa struttura oppure scrivere un messaggio di posta elettronica all’indirizzo: centroantifumo@usl4.toscana.it. Chi ha deciso di smettere di fumare può rivolgersi anche all’Ambulatorio per la terapia del tabagismo, Presidio ospedaliero,  Medicina 1 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13 al numero telefonico 0574-435047.

Lega Nord, Soldi vince la sfida con Paradiso e diventa segretario comunale

Leonardo Soldi

Leonardo Soldi

Potrebbe essere definito a ragione come l’imprevisto della votazione. Alla vigilia il nome di punta viene impacchettato verso una tranquilla vittoria, se non una riconferma quando è già in carica, in quella che dovrebbe rivelarsi a tutti gli effetti una passeggiata di salute, invece alla fine apri l’urna e ti trovi di fronte ad un verdetto ribaltato. È successo esattamente questo al congresso della Lega Nord di Prato andato in scena questa mattina al circolo del Carroccio a Vaiano per l’elezione del nuovo segretario comunale di Prato. Emilio Paradiso era il commissario uscente e da capogruppo in consiglio comunale aveva conquistato nei mesi scorsi una certa visibilità a livello mediatico e politico, ma i militanti non gli hanno dato fiducia preferendo, invece, il giovane Leonardo Soldi per 10 voti a 3. Un distacco schiacciante, che testimonia una disaffezione verso l’operato di Paradiso dovuto a detta degli stessi leghisti dalla cattiva impressione del cosiddetto Jennygate, ovvero il tentativo di inserire la moglie Genni Gori nel consiglio d’amministrazione di Epp. Soldi, inoltre, rappresenta l’uomo della Lega a Prato più vicino al segretario regionale, Claudio Morganti il quale coglie quindi  una vittoria per porre ulteriormente sotto il suo controllo il partito nella sua provincia.
L’altro elemento di curiosità dell’assise è per l’appunto il numero dei votanti: appena 13 per il congresso comunale, 19 per quello provinciale, filato molto più liscio vista la candidatura unica del commissario Federico Tosoni. Lo statuto della Lega, infatti, riserva il diritto di voto soltanto ai militanti ovvero gli iscritti da più di un anno che abbiano superato l’esame di ammissione del gruppo dirigente. Un meccanismo troppo esclusivo? Sì, per ammissione gli stessi impegni programmatici del duo Paradiso-Soldi.
Nella piattaforma politica di Leonardo Soldi c’è la costituzione di commissioni tematiche per redigere le linee programmatiche specifiche per il territorio pratese, in ossequio al tanto caro federalismo politico della Lega. Fra queste fin da ora sembra essere esclusa la realizzazione della tramvia, sgradita a tutto il partito a partire da Soldi: “E’ un’intrastruttura che non serve in una città in decadenza, piuttosto bisognerebbe far funzionare la tratta ferroviaria Firenze-Prato, intervenendo a livello regionale e nazionale su Fs per includere la nostra strazione fra le tratte dell’alta velocità”. La scelta più forte e con possibili effetti sugli equilibri della giunta comunale riguarda, come al solito, la questione dell’immigrazione con l’ennesima rivendicazione di un ruolo più preminente per la Lega Nord: “Finora non ci possiamo ritenere soddisfatti della ripartizione delle deleghe – dice Soldi -. È vero che Milone sta svolgendo un buon lavoro, ma i blitz non bastano perché chinatown continua ad espandersi a dimostrazione che i controlli diventano quasi inutili se poi i clandestini non vengono rimandati a casa. E’ paradossale come noi della Lega non possiamo gestire i rapporti con il ministro dell’interno Maroni, visto che appartiene al nostro stesso partito. Chiederò al sindaco di spacchettare la delega sull’immigrazione, affidando ad un leghista il ruolo di tenere i contatti con la questura, la prefettura, il consolato cinese ed il ministero. Se questo non accadrà fra 5 anni rischieremo noi di tornare a casa”. Nel vivo della relazione di Soldi, una militante sottolinea il concetto che soltanto la Lega possa essere affidabile nel risolvere in maniera stabile la questione immigrazione e non l’assessore in carica: “Silli – ha detto la donna – ha affittato tutta una strada di capannoni ai cinesi”. Nonostante il forte pathos per la corsa alla segreteria del comune capoluogo, il futuro della Lega guarderà molto anche nella provincia, parola del neosegretario provinciale Tosoni: “Nel corso del mio mandato svilupperò capillarmente il movimento dando spazio alle realtà fuori Prato”. L’assise padana è portatrice anche di una novità positiva sul fronte dei rapporti con gli alleati: torna un po’ di bel tempo nei rapporti con il Pdl, che tramite il coordinatore provinciale Riccardo Mazzoni spende parole di miele verso la Lega: “Bisogna tenere unita l’alleanza, perché senza di voi il centrodestra non sarebbe capace di pescare voti dall’elettorato di centrosinistra”. Confermato, almeno in parte, dal segretario regionale Claudio Morganti: “Mazzoni è una delle poche persone del suo partito che continua a parlare bene della Lega Nord, mentre a livello toscano i rapporti col Pdl sono difficili, i dirigenti ci odiano e attaccano pure il ministro Maroni”.

Carlandrea Adam Poli

Pensionata di 75 anni scippata mentre torna a casa dopo aver fatto la spesa

scippoUna pensionata di 75 anni è stata scippata ieri mattina verso le 10 in via Livi. La donna, soccorsa dagli agenti di una Volante, ha raccontato ai poliziotti di essere stata al supermercato per fare la spesa. Mentre  stava tornando a casa a piedi, proprio quando era per attraversare la strada, era stata avvicinata da un uomo giovane, probabilmente straniero, che le strappava di mano il portafogli per poi fuggire via a piedi in direzione di via Roma. All’interno del portafogli la signora aveva i documenti, alcuni effetti personali e circa 50 euro in contanti. Fortunatamente durante lo scippo la pensionata non è caduta a terra, così ha riportato un bello spavento ma nessuna conseguenza fisica. I poliziotti hanno poi diramato la descrizione dello scippatore a tutte le pattuglie presenti in zona.

A Montemurlo lo sport è protagonista con il ciclismo e il podismo

podismoDue nuovi appuntamenti con lo sport a Montemurlo, patrocinati dall’assessorato allo Sport del Comune, sono in programma domenica 30 maggio e martedì1 giugno. Si tratta della “Coppa Sportivi di Bagnolo”, gara ciclistica in programma domani 30 maggio -organizzata dalla ASD Sportivi di Bagnolo – che prenderà il via alle ore 14,30 da via Micca a Bagnolo. Il percorso si snoderà sulla collina per poi proseguire verso Montemurlo centro, la zona industriale di Oste e giungere all’arrivo, di nuovo a Bagnolo, in via Riva intorno alle 17,30. Nelle strade interessate dalla gara la polizia municipale interverrà a regolare il traffico, così da sospenderlo solo nei momenti di transito dei partecipanti, mentre sono previsti alcuni divieti di sosta che saranno preventivamente segnalati da apposita segnaletica. La sera di martedì 1 giugno – dalle 20.30 alle 22.30 – sarà la volta del “2° Trofeo Polisportiva di Bagnolo”, gara podistica organizzata in collaborazione con Uisp Prato, nell’ambito delle manifestazioni del trofeo “Prato per la vita”; le iscrizioni possono essere fatte fino alla partenza al costo di 1 euro e tutto l’incasso sarà devoluto in beneficienza. Partenza dal Circolo Gelli a Bagnolo con un percorso breve di 3,5 km e uno lungo di 7,5 km articolati tra via Parugiano di Sopra, via Montalese, via Roma, via Labriola, con arrivo da via Giotto sempre al Circolo. Anche in questo caso il transito dei veicoli sarà sospeso solo per il tempo necessario al transito degli atleti.

Lite al supermercato finisce a schiaffi: al pronto soccorso entrambe le rivali

supermercatoUna banale lite per questioni di precedenza è finita a schiaffi con entrambe le contendenti – due signore pratesi di 70 e 58 anni – costrette a ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso. E già qui ci sarebbe di che riflettere. Se poi si considera che la lite per la precedenza era relativa ai carrelli della spesa all’interno di un supermercato, ecco che la questione vira decisamente verso il grottesco. E’ accaduto ieri pomeriggio intorno alle 17 nel supermercato Pam di via Targetti e per riportare la calma sono dovuti intervenire gli agenti di una Volante, fatti intervenire da chi aveva assistito preoccupato all’escalation del litigio tra le due sanguigne signore. I poliziotti, una volta riportata la calma, hanno raccolto le dichiarazioni di entrambe le donne e le hanno informate sulla possibilità di querelarsi a vicenda. Poi è stata chiamata un’ambulanza per accompagnare entrambe al pronto soccorso visto che tutte e due accusavano le conseguenze degli schiaffi che si erano scambiate reciprocamente.

Il Movimento cittadini italiani: “Via le auto dalla piazzetta del Pesce”

Piazzetta del pesce quando c'era il mercatino

Piazzetta del pesce quando c'era il mercatino

La piazzetta di via del Pesce diventi un centro di aggregazione per tutti i cittadini con iniziative studiate ad hoc per valorizzare questo piccolo angolo in pieno centro storico. Lo propone, per bocca del suo coordinatore provinciale Sergio Castignani, il Movimento dei cittadini italiani.che contesta la decisione di trasformare lo spazio in un parcheggio.
“Ogni giorno  – dice Castignani -in Prato assistiamo ad una emorragia di attività,fra i quali piccoli e grandi negozi che hanno fatto la storia del centro storico della nostra città; naturalmente a questo stillicidio partecipa suo malgrado una delle via cittadine più conosciute e caratteristiche:via del Pesce ( via Firenzuola). Noi vorremmo provare a parlare in un modo diverso perché continuare a piangersi addosso non serve a niente, il nostro centro storico è poco frequentato perché non è appetibile da parte dei cittadini; rendiamolo appetibile con iniziative adatte. Mancano dei punti di aggregazione, cerchiamo attraverso vecchi esercenti ancora con la voglia di mettersi in gioco e affiancati da giovani desiderosi di farsi un futuro di crearli. Tornando alla nostra cara via del Pesce – aggiunge Castignani – vorremmo sapere il motivo per cui l’amministrazione comunale ha tolto le bancarelle nella piazzetta, trasformandola in un parcheggio inutile e deleterio per la vivacità della strada. Avremmo capito se al posto delle bancarelle fosse stato programmato una serie di iniziative giornaliere o settimanali che richiamassero la curiosità delle persone, ne avrebbe beneficiato l’intera strada, ma con un parcheggio al Serraglio sempre vuoto che motivo c’era di farne un altro? Con questa decisione l’amministrazione comunale ha dimostrato poca sensibilità per i problemi di questa via molto cara ai pratesi, pertanto chiediamo che piazza del Pesce venga subito liberata dal parcheggio e destinata a manifestazioni o iniziative più consone ad un centro storico”.

Appartamento trasformato in bisca: scoperti per i troppi schiamazzi in piena notte

bisca-gioco-dazzardoUna bisca clandestina è stata scoperta dagli agenti delle Volanti in un appartamento al secondo piano di un condominio di via Bonicoli. Dentro, impegnati attorno ai tavoli da gioco, sono stati trovati 18 cittadini cinesi, di cui quattro donne. E’  accaduto la scorsa notte poco dopo le 2 e la scoperta è del tutto casuale. Gli agenti, infatti, erano intervenuti dopo la segnalazione di alcuni residenti nella zona che lamentavano il fatto di non riuscire a dormire a causa degli schiamazzi provenienti dall’appartamento. Chi aveva segnalato il fatto aveva parlato di numerose persone presenti nella casa, così la centrale operativa aveva deciso di inviare sul posto le tre Volanti al momento disponibili. Quando gli agenti hanno bussato alla porta hanno sentito chiaramente del trambusto venire dall’interno. Evidentemente il tentativo, non riuscito, di far sparire tutte le cose compromettenti. Alla fine, però, i poliziotti sono riusciti ad entrare e hanno trovato due tavoli da gioco, uno per il domino cinese l’altro per il poker, con tanto di fiches, carte e pedine. Sono stati quindi identificati tutti i presenti, quattro dei quali risultati clandestini. Addosso ad altri due è stata invece trovata della ketamina, la droga particolarmente diffusa tra gli orientali. Sequestrati anche un totale di 1.415 euro, utilizzati chiaramente per il gioco d’azzardo. Naturalmente tutti e 18 i cinesi sono stati denunciati per il reato di partecipazione al gioco d’azzardo, mentre sono in corso accertamenti sulla proprietà dell’immobile.

Il distretto cerca nuovi mercati e collaborazioni: Confartigianato incontra il presidente della Repubblica Dominicana

dominicanaIl distretto pratese potrebbe diventare un importante partner commerciale della Repubblica Dominicana. È questo il risultato dell’incontro avvenuto nei giorni scorsi a Roma tra una delegazione pratese guidata dalla responsabile dell’Ufficio Estero di Confartigianato Imprese Prato, Francesca Grillo, e dal consigliere della Circoscrizione Sud, Maurizio Bernocchi, col presidente della Repubblica Dominicana, Leonel Fernandez Reyna, in visita ufficiale a Roma.
L’attenzione per la realtà pratese deriva dal comune interesse per il settore tessile, che trova nella città di Santiago un importante distretto produttivo.
“In realtà – spiega Francesca Grillo, delegata dal vicesindaco Borchi a rappresentare la città – quello che era il maggior mercato per la loro produzione tessile, cioè gli Stati Uniti, ha conosciuto un forte ridimensionamento a favore dei prodotti cinesi. Per questo motivo c’è un forte interesse alla nostra produzione per alzare il livello qualitativo dei loro articoli collocandosi su una fascia più alta di mercato, evitando così almeno in parte la concorrenza cinese. In pratica loro hanno bisogno di know how e tecnologia. In questo senso sono disponibili ad accordi commerciali col nostro distretto”.  Ma il tessile non è stato l’unico settore oggetto dell’incontro, durato circa mezz’ora. “La Repubblica Dominicana è anche ricca di materia prima per il settore alimentare – spiega la Grillo – In particolare cacao, caffè, banane e altri tipici prodotti tropicali. In questo senso può esserci un interesse da parte dei nostri produttori, salvo verificare il livello qualitativo delle raffinazioni del prodotto basico”. L’incontro si è concluso con l’impegno a verificare rispettivamente la possibilità di stipulare un protocollo d’intesa per la collaborazione economica tra il distretto pratese e la Repubblica Dominicana, da siglare nelle prossime settimane.

I giovani dell’Azione Cattolica fanno festa con l’intera città al Castello dell’Imperatore

pratocastimp2 castello imperatoreSarà all’insegna della musica e del gioco l’annuale festa diocesana di Azione Cattolica. L’appuntamento è per oggi sabato 29 maggio a partire dalle ore 16 i ragazzi dell’Acr e i Giovanissimi di Ac si danno appuntamento per passare una giornata insieme. L’incontro si tiene al Castello dell’Imperatore. “Quest’anno, rispetto alle passate edizioni – spiega Lorenzo Leo, presidente diocesano di Azione Cattolica –, abbiamo deciso di vivere questo momento di festa in uno spazio cittadino, uscendo dalle nostre parrocchie. La scelta di “abitare” gli ambienti della città rientra nello spirito della Missione diocesana, che ha contraddistinto in questi anni la nostra Chiesa di Prato“.La prima parte della festa sarà dedicata all’intrattenimento musicale, a seguire giochi a squadre, sul tema della comunicazione, per i ragazzi partecipanti. Alle 18,30 la messa presieduta dal vescovo mons. Gastone Simoni, alla quale sono invitati i genitori e il settore adulti. La festa prosegue con la cena e la rappresentazione di uno spettacolo a cura dei genitori dell’Acr. La partecipazione è aperta a tutti.