Videominuto 2010 raddoppia: a settembre al Centro Pecci due concorsi per i “corti” da un minuto

Lo scrittore Tommaso Pincio

Lo scrittore Tommaso Pincio

E’ partito il bando per Videominuto 2010, il concorso internazionale di video da 1 minuto giunto alla 18ª edizione, che si svolgerà a settembre al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato.  L’iniziativa si arricchisce quest’anno di un nuovo concorso che affianca il tradizionale “ 1000 euro per 1 minuto” a tema libero, non sottoposto a censura, di inderogabile durata di 1 minuto (titoli compresi). Il titolo del nuovo  bando è “Diario dall’epoca del presente permanente”* ed è tratto da un short novel che lo scrittore Tommaso Pincio ha dedicato a Videominuto. I partecipanti potranno dunque trarre spunto per le loro video-opere dalle suggestioni del racconto e – su richiesta espressa allo scrittore – potranno farsi spedire una long version del racconto stesso. Anche il concorso a tema ha un premio di 1000 euro che verrà assegnato a settembre durante la Notte del Minuto dal Presidente della Giuria e direttore artistico di Videominuto Raffaele Gavarro e da Tommaso Pincio.
Videominuto è organizzato dall’emittente radiofonica toscana Controradio, dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, in collaborazione con l’associazione culturale Grav e con il contributo di Regione Toscana, Comune e Provincia di Prato e Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Il festival internazionale è capofila del circuito internazionale dei festival dedicati ai video di un minuto (www.oneworldoneminute.com), che vanno dal “59 Seconds Video Festival” negli Stati Uniti ed il brasiliano “Festival do Minuto” all’olandese “The One Minutes”, dallo svizzero “1 Minute Film & Video Festival Aarau” e lo spagnolo “Iberminuto” allo slovacco “Azyl Film Festival”, per finire con il “Croatian One Minute Festival“ ed il  “Pravda One Minute” in Lituania. Il bando per la presentazione dei video scade il 15 luglio 2010. Tutti i dettagli, le info e la short novel sono reperibili sul sito www.videominuto.it.

I commenti sono chiusi.