Anno da incorniciare per Consiag che chiude il bilancio con un utile di quasi 4,2 milioni di euro

consiag-sori-002Approvato oggi all’unanimità dall’assemblea dei soci il bilancio di Consiag spa. Il risultato prima delle imposte di Consiag è di 7.770.000, in aumento del 79,76% sull’esercizio precedente (4.300.000 del 2008), mentre il risultato netto è di 4.183.471 in aumento del 26% sull’esercizio precedente (3.303.303 euro del 2008). Il margine operativo lordo supera i 15 milioni di euro con una crescita del 90% dal 2002 (7.283.720 euro). In crescita rispetto al 2008 anche il patrimonio netto di Consiag che per la prima volta supera i 200 milioni di euro (quasi 9 milioni in più rispetto al 2008): dato, questo, significativo dell’importanza data alla patrimonializzazione dell’azienda e presupposto fondamentale per garantire la continuità gestionale.  Il risultato del Gruppo Consiag è  di 6.619.184  euro mentre il margine operativo lordo è  di oltre 22 milioni di euro. Il valore della produzione risulta essere pari ad oltre 72 milioni di euro mentre i ricavi delle vendite e delle prestazioni sono di oltre 59 milioni di euro, contro gli oltre 44 milioni del 2008.  Ai Comuni soci spettano quasi 4 milioni di euro ognuno nella misura in cui partecipa a Consiag. L’utile pari a 4.183.000 euro viene in parte destinato ad un fondo di riserva obbligatorio (il 5%) e in parte (3.974.297 euro) alla ripartizione tra gli azionisti e cioè i 24 Comuni soci .
Sotto il profilo strategico, il 2009 ha segnato una tappa fondamentale per il futuro di Consiag: infatti è stata costituita, insieme a Coingas s.p.a. ed Intesa s.p.a.,  la società “Estra Group s.r.l.”, futura “holding” destinata a divenire leader in Toscana nel settore energetico con potenzialità di ampliamento delle attività in ulteriori servizi connessi al territorio e a nuove aree geografiche.
Nell’anno 2009 ConsiagReti ha distribuito oltre 325.000.000 mc di gas metano, con un incremento di circa 2.000.000 mc rispetto al 2008, mentre i clienti finali allacciati sono passati dai 183.553 del 2008 ai 186.173 del 2009, con un incremento di 2.620 unità.

7 pensieri su “Anno da incorniciare per Consiag che chiude il bilancio con un utile di quasi 4,2 milioni di euro

  1. Tranquilli che con Cenni nei prossimi anni non ci saranno questi utili anzi, con la liberalizzazione del mercato del gas, la giunta per punire l’Abati rischia di far mandare a casa decine e decine di pratesi lavoratori di Estra.
    Bravi e complimenti…

  2. certo , una municipalizzata deve essere utile ai cittadini , se gliutili venissero girati sulle nostre bollette sarebbe meglio….. tutta una montatura comunista…… e mirko li appoggia i suoi compagni , vero???

  3. Beh, se il milione e mezzo che incassa il comune è una montatura comunista….occhio stefano che se la gente se ne accorge torna a cantare bandiera rossa per la strada!
    se tu avessi un minimo di desiderio di confrontare le cose con la realtà e non con la tua piccola ispirazione politica, sapresti che estra non può girare nulla sulle tue bollette e nemmeno il comune, visto che le tariffe le stabilisce l’authority del gas nazionale.
    Quindi prendi i soldi che il comune incassa e chiedi che vengano usati al meglio per te e tutti noi!
    e spera anche che in futuro a prato si possa ancora contare su tali quattrini.

  4. se dipendesse da me venderei le quote di Consiag ed incasserei subito 40 milioni …….

  5. @stefano: vendere la quota Consiag è stato il cavallo di battaglia di Bernocchi quando era candidato Sindaco nel 2004. Ora che è assessore all’energia e alle grandi opere pare abbia cambiato idea…

  6. E chi te l’ha detto che valgono 40 milioni?
    Proviamo con un esempio calcistico, forse capisci: supponiamo che hai un gran giocatore giovane che oggi vale 10 mln; con lui arrivi sicuro in champions e incassi 5 mln l’anno; se continua a giocare così fra 4 anni varrà 20-25 mln e tu intanto hai già guadagnato 20 mln minimo dalla champions; che fai lo vendi subito?

  7. facciamo un’esempio reale e non da Comunista (o quello che ne rimane …) la quota del comune di Prato nel capitale sociale è pari a 54 Milioni di euro(vedi quotidiani odierni).
    il dividendo del 2009 è pari a 1,2 milioni di euro . se vendo le quote adesso , capitalizzo subito 54 milioni altrimenti aspetto (sempre che il trend sia questo) 42 anni ……
    o sbaglio ??
    Cosa me ne frega di avere il 35% di quote , essere il socio con più quote , e non contare un cazzo , perchè i sindaci “rossi” fanno cartello e tutti insieme hanno la maggioranza ??
    Racconta le favole a chi non sa come funzionano i “poltronifici ROSSI ” non a me…..