Si imbottisce di psicofarmaci e si taglia le vene, donna di 59 anni salvata in extremis dal marito

ospedale_di_pratoSi è alzata in piena notte, ha ingerito una grossa quantità di psicofarmaci e poi si è tagliata le vene. Per fortuna il tonfo dovuto alla caduta della donna sul pavimento ha svegliato il marito che è riuscito così a soccorrere la moglie e a dare l’allarme. E’ accaduto, poco prima della 5, in via Fermi dove poi sono accorsi i mezzi del 118 e le Volanti della polizia. La donna, una pratese di 59 anni, è stata per fortuna salvata: i soccorritori l’hanno trasportata d’urgenza al pronto soccorso dove è arrivata in stato soporifero a causa dell’alto numero di medicinali che aveva assunto. Giusto in tempo, però, per essere sottoposta alle cure del caso. Il marito ha raccontato agli agenti che la moglie da tempo soffriva di frequenti crisi d’ansia, mai fino ad ora, però, aveva manifestato propositi di togliersi la vita.

I commenti sono chiusi.