Adeguamento antisismico alla elementare De Andrè, i 500 alunni saranno spostati in un’altra scuola

bambini-scuola-de-andreCirca 500 studenti iscritti alla scuola De Andrè saranno spostati alla Mascagni per permettere l’adeguamento della scuola alle norme antisismiche. Le motivazioni della decisione sono state spiegate dall’assessore all’Istruzione Pubblica, Rita Pieri che ha risposto in consiglio comunale a due questioni d’attualità, poste rispettivamente dalla consigliera del gruppo Pd Mariagrazia Ciambellotti e dal consigliere del gruppo Pdl Federico Lorusso.
“Nei mesi scorsi – ha affermato l’assessore – nell’ambito dei controlli antisismici negli istituti scolastici, si è rilevata la non adeguatezza della primaria De André agli standard previsti dalla normativa vigente. Gli uffici tecnici del Comune, dopo ulteriori controlli, hanno confermato la necessità di procedere ai lavori di consolidamento strutturale che, data la loro complessità, non potranno essere realizzati entro l’inizio dell’anno scolastico 2010/11. Il Comune – ha ricordato Pieri – si impegna a garantire il servizio di trasporto scolastico dei bambini iscritti alla scuola primaria De André e temporaneamente trasferiti presso l’Istituto Comprensivo. Il servizio di trasporto scolastico garantisce la copertura del tratto dalla scuola De André alla Mascagni. Riguardo al numero delle richieste di trasporto scolastico – ha sottolineato – non tutti gli iscritti alla scuola De André, circa 500, ne faranno richiesta visto che le domande di trasporto scolastico di tutte le scuole di Prato sono poco più di 500″.
Tutte le famiglie coinvolte sono state naturalmente  informate della situazione attuale con una lettera dove si chiedeva di esprimere la necessità effettiva di trasporto scolastico della famiglia entro il 20 agosto, in modo da consentire un esame delle richieste e una programmazione del servizio. “Si tratta in definitiva di una situazione di emergenza  – dice ancora l’assessore Pieri – e siamo di fronte ad una operazione di straordinaria importanza. I bambini saranno trasferiti grazie alla disponibilità dimostrata dalla dirigente dell’Istituto Mascagni, Laura Papini, che ha permesso di utilizzare un’intera ala della scuola Buricchi, non adoperata durante l’ultimo anno scolastico”.
Da parte sua il consigliere Lorusso ha affermato: “L’opposizione sottolinea un problema inesistente, ovvero quello del trasporto scolastico gratuito per tutti i 500 bambini, che per un breve periodo dovranno appoggiarsi ad un’altra struttura. Un problema che non esiste perché questi alunni saranno spostati in una struttura ubicata comunque nel territorio comunale e il trasporto sarà certamente garantito ai piccoli più bisognosi. Il vero problema è che per anni una scuola primaria ha rappresentato un pericolo per tanti bambini, come evidenziato dalla relazione tecnica curata dall’ingegner Bartalini. Un dato che evidentemente era sfuggito alle precedenti amministrazioni comunali”.

I commenti sono chiusi.