Assalto armato in una ditta di confezioni, banditi messi in fuga da uno dei presenti che viene però accoltellato

coltello-rapinaUna ditta di confezioni di via Bicchierai, gestita da cittadini cinesi, è stata assalita nel pomeriggio di ieri da una banda di banditi, anche loro cinesi, intenzionati a compiere una rapina. Ma il colpo è fallito grazie alla coraggiosa reazione di uno dei presenti, che ha affrontato i malviventi ed è riuscito a metterli in fuga, rimanendo però ferito nel corso dell’azione. L’episodio è ora al vaglio della Squadra mobile che sta cercando di ricostruire i vari passaggi, ancora non del tutto chiari. Quando le prime pattuglie della Volante sono arrivati sul posto, verso le 16.15 di ieri, infatti, nell’azienda non c’era più traccia né degli assalitori, a quanto pare fuggiti a bordo di un’auto, ma nemmeno del coraggioso operaio che si era opposto ai rapinatori. C’era invece una donna di 43 anni, cinese, che ha raccontato sommariamente quanto avvenuto, facendo riferimento all’arrivo di 5 o 6 giovani armati con coltelli che pretendevano la consegna di denaro. Un paio d’ore più tardi, verso le 18.30, al pronto soccorso si è presentato, invece, un cinese di 46 anni, clandestino. L’uomo presentava ferite da taglio ed è stato subito ascoltato dai poliziotti, ai quali ha confermato di essere stato presente in via Bicchierai e di essere l’uomo che si è opposto ai banditi. L’uomo si trova adesso ricoverato in ospedale, ma fortunatamente le sue condizioni non destano preoccupazioni.

I commenti sono chiusi.