Estate da tutto esaurito alla Rocca di Cerbaia e presto al via il terzo lotto dei lavori di restauro

rocca-cerbaiaLa Rocca di Cerbaia ha un fascino intramontabile e senza tempo. Nonostante i suoi quasi mille anni di storia, oggi desta un interesse vivo e curioso fra le persone. Nel corso di questa estate ha ospitato cinque eventi (visite guidate, mercatini e osservazioni degli astri) che hanno fatto registrare il tutto esaurito. Una partecipazione attenta, definita dagli organizzatori anche “inaspettata”, perché non si attendeva con così alto numero di presenza turistica.
Dal 1999 la Rocca è di proprietà del Comune di Cantagallo che ne sta curando il restauro e la conservazione. I primi due lotti di lavoro hanno permesso di mettere in sicurezza le strutture murarie e di stabilizzare alcuni importanti cedimenti delle fondamenta. Presto prenderà il via il terzo lotto conclusivo dei lavori che permetterà di fare ulteriori scavi interni alla Rocca, di creare una sezione di solai in legno e di ricostruire il muro esterno che delimita la struttura, seguendo la forma e il materiale originario, abbassandolo la sua altezza solo di alcuni centimetri.
Grande soddisfazione per l’interesse suscitato dalla Rocca è stato espresso dal sindaco di Cantagallo Ilaria Bugetti: “Le iniziative organizzate questa estate hanno richiamato davvero molte persone, e questo testimonia che la Rocca ha un fascino intramontabile. Quanto siamo riusciti a fare ha avuto un impegno economico minimo per l’amministrazione, grazie a risorse provinciali siamo riusciti a realizzare cinque eventi e a contare una partecipazione di circa duecento persone. La Rocca è un luogo di attrazione e di piacere che fa muovere famiglie intere. E’ un luogo per tutti gli appassionati di storia, di archeologia, per tutti coloro che vogliono liberamente curiosare indipendentemente dalla presenza o meno di visite guidate”.
Mentre i lavori di restauro e di conservazione sono in fase di ultimazione, il punto debole che ostacola oggi la completa fruizione della fortificazione medievale è la viabilità che impedisce di arrivare direttamente ai piedi della Rocca. Il sindaco ha detto di aver fatto richiesta di ulteriori finanziamenti alla Provincia di Prato e alla banca Monte dei Paschi di Siena che possano permettere il miglioramento dell’accesso all’edificio. Il primo cittadino ha ribadito il grande rammarico per non aver potuto accettare il finanziamento di 700mila euro concesso dalla Regione Toscana perché prevedeva una compartecipazione da parte del Comune di Cantagallo di 500mila euro, cifra di cui esso non era in possesso. Visto però il grande successo che la Rocca sta riscuotendo fra i turisti, presto l’amministrazione locale provvederà ad invitare l’assessore regionale alla Cultura e al Turismo Cristina Scaletti a visitare l’antico edificio.

I commenti sono chiusi.