Si presenta in un negozio con un telefonino senza sapere che era stato rubato proprio lì

telefoniniSi è presentato al negozio Unieuro di via Mozza sul Gorone chiedendo di acquistare un cavetto di alimentazione per un telefono cellulare di ultima generazione, senza sapere che quel telefonino era stato rubato proprio in quello stesso esercizio non più tardi di un paio di settimane fa. Facile immaginare, quindi, lo stupore del 56enne di Campi Bisenzio ma anche dello stesso commesso di Unieuro quando, consultando la banca data per trovate il tipo di cavetto compatibile, è saltato fuori non solo che quel telefonino touch era stato rubato, ma che il furto era avvenuto in quello stesso posto. A quel punto è stata fatta intervenire una pattuglia della Volante e ai poliziotti il 56enne ha raccontato che il telefonino gli era stato consegnato qualche giorno prima da un conoscente che gli aveva proposto l’acquisto, senza però fissare alcun prezzo, visto che il campigiano si riservava di accettare la proposta solo nel caso avesse trovato un cavetto di alimentazione compatibile, dato che il telefonino ne era sprovvisto. Lo stesso 56enne si è poi offerto di accompagnare i poliziotti dall’uomo che voleva vendergli il telefono, un 50enne napoletano ma residente a Prato. Quest’ultimo di fronte ai poliziotti ha dichiarato di aver ricevuto quello stesso telefono da un’altra persona, della quale però non era in grado di fornire le generalità. A questo punto il napoletano è stato denunciato per il reato di ricettazione mentre il telefono è stato posto sotto sequestro.

Un pensiero su “Si presenta in un negozio con un telefonino senza sapere che era stato rubato proprio lì

  1. Da quando controllano il numero seriale, o l’IMEI, quando vai ad acquistare un cavetto per un telefono?