Maxi controllo del territorio da parte della questura: trovati cinque clandestini cinesi, due presi dopo un inseguimento in auto

polizia-notte-volenteGiornata intensa sul fronte dei controlli, quella di ieri, per gli uomini della questura che dal primo pomeriggio fino alla serata hanno passato al setaccio tutte le zone calde della città, secondo un piano messo a punto dal dirigente della Voalnti Fabio Perilli su input diretto del questore Filippo Cerulo, che ha deciso di puntare molto su questa strategia “di sorveglianza mirata” che mira più all’aspetto preventivo che a quello repressivo. Così per tutta la giornata decine di agenti hanno controllato le zone finite al centro degli esposti e delle segnalazioni dei cittadini: da piazza Duomo e strade limitrofe all’area di via Pomeria intorno ad una sala giochi per poi organizzare posti di controllo in varie parti della città. Alla fine dell’operazione sono state 61 le persone controllate e identificate, tra le quali tre cinesi risultati essere clandestini e pertanto denunciati e poi avviati all’Ufficio stranieri per le procedute di espulsione. In serata, sempre durante l’attività di prevenzioni, una Volante ha intercettato una Golf in via del Purgatorio che, alla vista dell’auto della polizia, è fuggita via a forte velocità. Ne è nato un inseguimento terminato grazie all’abilità del conducente della Volante che è riuscito a fermare l’auto in fuga: a bordo c’erano due cinesi, risultati entrambi clandestini.

6 pensieri su “Maxi controllo del territorio da parte della questura: trovati cinque clandestini cinesi, due presi dopo un inseguimento in auto

  1. si ma non restate sempre in quelle tre strade ….prato è grande e vi è anche la periferia dove passate a occhi chiusi

  2. Managgia, cacciati via tutti clandestini(finirà qualch’altro posto d’italia), ma rimane sempre 30mila regolari, come si fa? serve lager….

  3. Bravi, continuate così. Certo che con un CIE realizzato a Firenze le cose sarebbero molto più rapide. (ed economiche). Invece tutte le volte i clandestini devono essere scortati a Bologna, con quattro agenti assegnati per ciascun irregolare. Avete idea di quanto possa costare? Compagni di sinistra, perchè siete tutt’ora contrari ai CIE?

  4. Unione immigrati, perchè questi “regolari” non vanno a “produrre” in Cina? Forse non gli conviene? Eppure si dice che la Cina cresce del 10- 15% all’anno. E allora? Perchè stare ancora qui?