“Ambiente in festa” prosegue con un ricco programma: fino a domenica alle Cascine di Tavola la Casa delle Farfalle

farfallaContinua “Ambiente in Festa”, l’iniziativa della circoscrizione Prato Sud che  ogni anno promuove un momento di riflessione, programmazione e confronto sui temi legati all’ambiente. Quest’anno, raccogliendo l’invito delle Nazioni Unite che hanno dichiarato il 2010 “Anno Internazionale della Biodiversità”,  il tema centrale degli eventi in cartellone si ispira alla diversità biologica di tutte le forme di vita.
Fino a domenica 26 settembre in orario 9-12,30 e 14,30-18,30, presso il parco delle Cascine di Tavola,  sarà possibile visitare  la “Collodi Butterfly Tent”, esempio mobile della Casa delle Farfalle che si trova a Collodi nel giardino di villa Garzoni. Mercoledì 29 settembre, alle 21:00,  al Centro della socialità di Iolo, si svolgerà una  serata di riflessione su “L’energia oggi e domani” con l’esperto Roberto Dei. Per informazioni e  iscrizioni rivolgersi alla circoscrizione Sud (0574-559222 – circoscrizione.sud@comune.prato.it).
“Ambiente in festa” proseguirà il 9  ottobre con il  convegno “Verso il Parco Agricolo di Prato” promosso in collaborazione con l’associazione Parco Agricolo di Prato: parteciperanno Regione Toscana, Provincia e Comune di Prato, Università di Firenze, associazioni di categoria, ambientaliste e quelle che operano nell’ambito dell’agricoltura sociale. L’ultima iniziativa, in programma per domenica 10 ottobre, è dedicata a una sfilata di auto d’epoca nelle frazioni della circoscrizione Sud a cura di Ruote Classiche Club Prato con mostra finale dei mezzi e dimostrazioni di automodellismo a cura di Racing Mini Car Prato presso l’impianto di automodellismo, in via A. Ghisleri a Iolo.

Week end con ingresso gratuito al Museo di Scienze planetarie, aperto anche il laboratorio intereattivo Esperimenta con Galileo

museo-scienze-planetarieIl Museo di Scienze planetarie partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio. Sabato 25 e domenica 26 settembre l’ingresso sarà gratuito nel seguente orario: sabato 9–13/15–18.30, domenica 10–12.30/15–19. Anche il laboratorio interattivo Esperimenta con Galileo sarà aperto gratuitamente per tutti. Nel laboratorio sono presenti semplici esperienze interattive per avventurarsi piacevolmente nelle scienze planetarie, dalle bilance planetarie alle biciclette per viaggiare virtualmente nello spazio. Orario sabato e domenica: 10-2.30/15.30–18.30. Un’occasione da non perdere, quindi, per visitare questo museo, unico nel suo genere nella nostra zona e particolarmente indicato per i bambini e i ragazzi che possono così avere un primo contatto con il mondo della scienza.

L’Associazione Tumori Toscana domani va in piazza per cercare volontari: tra Prato, Firenze e Siena sono 300 i malati seguiti ogni giorno

att-tumoriDomani, sabato 25 settembre. si terrà la prima campagna di reclutamento volontari promossa sul territorio dall’Associazione Tumori Toscana. L’iniziativa riguarda anche prato dove in piazza Duomo, dalle 10 alle 18,  i volontari e il personale Att saranno a disposizione per raccogliere adesioni, dare informazioni su come diventare volontari, raccontare la propria esperienza all’interno dell’associazione e distribuire simpatici palloncini e copie omaggio del calendario “Insieme per Att”. L’Associazione Tumori Toscana è una Onlus iscritta al Registro regionale del volontariato, con sede a Firenze, Prato e Siena, che cura a domicilio, gratuitamente, i malati oncologici, con un’équipe di medici, psicologi, infermieri professionali ed operatori socio-sanitari, reperibili 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno.
La prima giornata dedicata dall’Att al reclutamento volontari nasce dalla consapevolezza che per continuare ad ampliare il servizio di Cure domiciliari oncologiche  gratuite a tutti i malati che richiedono l’intervento dell’associazione c’è bisogno di un numero sempre maggiore di volontari motivati e preparati. Attualmente collaborano con l’associazione persone di ogni età, che dedicano parte del loro tempo libero al sostegno dei servizi prestati gratuitamente ad oltre 300 malati ogni giorno.

Il Teatrino delle briciole porta in scena Shakespeare attraverso un laboratorio di teatro

Daniele Griggio

Daniele Griggio

L’associazione “Teatrino delle briciole”, che quest’estate ci ha fatto compagnia con molte attività ai Cantieri Culturali di Officina Giovani, adesso apre le porte a tutti coloro che vogliono intraprendere un laboratorio di lettura, interpretazione e allestimento di uno spettacolo teatrale. “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare sarà il testo che Daniele Griggio e Lorella Serni, rispettivamente direttore e vice-direttore dell’associazione, approfondiranno insieme ai partecipanti del laboratorio che si terrà da novembre 2010 ad aprile 2011 a Officina Giovani (Piazza dei Macelli, 4).
L’intero corso si svolgerà tutti i sabati dalle 15 alle 19 e prevede la preparazione di uno spettacolo finale, con possibilità di replica durante la stagione estiva 2011.
Un’ottima esperienza anche per chi non ha mai praticato l’arte scenica, ma ha sempre sentito il bisogno di confrontarsi con il pubblico e con il palco.
Due grandi nomi del teatro nazionale prenderanno con mano i partecipanti e faranno visitare loro un mondo misterioso e straordinario, che pochi hanno il piacere di toccare con mano: il mondo del teatro, vissuto in tutte le sue sfaccettature. Con questo laboratorio, tutti potranno finalmente capire come si costruisce una pièce in piena regola, dall’interpretazione della sceneggiatura all’analisi delle intenzioni dei personaggi.
Le iscrizioni al corso sono aperte previo colloquio preliminare, necessario solo per una maggiore conoscenza delle motivazioni degli aspiranti partecipanti; comunque chiunque volesse avere ulteriori informazioni, può contattare l’associazione con una mail all’indirizzo info@teatrinodellebriciole.com.
Un plauso a Daniele Griggio,  un grande professionista che con questo corso dà la possibilità di capire tutto quello che sta “dietro le quinte” di un vero spettacolo teatrale.

Elia Frosini

Carmignano, per la Festa di San Michele una mostra dedicata al pittore Umberto Bigagli

opera-bigagli-1La Festa di San Michele oltre alla tradizionale sfilata dei carri, al teatro di strada e alla corsa dei ciuchi, offre anche momenti di arte. Da sabato 25 a mercoledì 29 settembre e  sabato 2 e domenica 3 ottobre nella sala consiliare del Comune di Carmignano in piazza V. Emanuele II si può visitare la mostra dedicata al pittore Umberto Bigagli organizzata dall’assessorato alla Cultura. Una serie di opere di pittura e grafica che ripercorrono l’attività di questo artista nato a Prato nel 1907 e scomparso nel 1999 a Carmignano. “Le sue opere rivelano la mano sapiente e delicata di un artista vero  – scrive Alessandro Capecchi nella presentazione della mostra -  in possesso di solide basi tecniche e di un amore disincantato per l’intensità dei colori e l’essenzialità delle forme. Bigagli è ispirato, nel suo lungo percorso artistico, da scorci di paesaggi, di città e di luoghi vari in cui comunque è prevalente la rappresentazione della Toscana, e in particolare di due località a lui care: Prato, la città di origine, e Carmignano, dove amava soggiornare e dove ha trascorso gli ultimi anni della sua vita. Il suo stile, riconosciuto anche dalla critica e confermato dai numerosi riconoscimenti ottenuti, si fonda essenzialmente su uno stato emotivo dove il talento e l’armonia delle forme e dei colori si completano con la sensibilità, la semplicità e l’integrità esistenziale dell’uomo”. La mostra ad ingresso gratuito,  è aperta durante la Festa di San Michele e il 2 e 3 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 18.

Il Comune di Montemurlo cerca tre vigili urbani e due amministrativi, bando riservato a chi lavora già nella pubblica amministrazione

vigili_municipale-poliziaSul sito del Comune di Montemurlo (www.comune.montemurlo.po.it) è stato pubblicato l’avviso per l’acquisizione di domande di mobilità (art.30 del D.Lgs. n. 165/2001), per la copertura a tempo indeterminato e pieno di tre posti di agente di polizia locale e di due posti di esperto amministrativo, con inquadramento nella categoria C. Potranno presentare domanda, quindi, i dipendenti pubblici che già svolgono servizio presso un altro ente e che chiederanno il trasferimento a Montemurlo. La scadenza per presentare le domande è il 7 ottobre 2010. Maggiori informazioni si possono avere consultando l’avviso, scaricabile dal sito internet del Comune.

La Camera di Commercio presenta il Bilancio sociale 2009 e spiega come ha operato a sostegno del distretto

Carlo Longo

Carlo Longo

La Camera di Commercio di Prato si racconta e fa il punto su quanto fatto per il distretto nel corso dell’anno passato, uno dei più critici per l’economia pratese. Attraverso il Bilancio Sociale 2009 sarà così spiegata l’attività svolta nel corso dell’anno passato, caratterizzata dal forte impegno per sostenere le imprese nella crisi. La pubblicazione, giunta alla sua terza edizione e frutto della volontà di dialogare con gli attori del sistema economico locale, sarà presentata questo pomeriggio, alle 16.30,  nello Spazio Eventi camerale di via Rinaldesca, 13. Saranno presenti: Catia Baroncelli, segretario generale della Camera di Commercio di Prato, e Carlo Longo, presidente della Camera di Commercio di Prato.

Gli animali della Vallata e i prodotti tipici pratesi protagonisti alla Gran Fiera del Bestiame di Campi Bisenzio

fiera-del-bestiame-campi-2jpgSaranno i prodotti tipici e zootecnici pratesi i grandi protagonisti della terza edizione della “Gran Fiera del bestiame”, la manifestazione agricola e gastronomica che si terrà a Campi Bisenzio il prossimo fine settimana. Sabato 25 e domenica 26 settembre, in occasione della manifestazione “La meglio Genia”, gli animali della Val di Bisenzio andranno in trasferta nel centro del comune della piana fiorentina, proponendo l’apprezzata formula della festa primaverile di San Giuseppe che da anni richiama a Vernio produttori e allevatori da tutta la Toscana. Quest’anno la grande fiera abbraccerà tutto il centro di Campi con nuovi spazi e molte più iniziative.
Gli animali saranno i grandi protagonisti di questa due giorni agricola, realizzata in collaborazione con le associazioni di categoria, la Cia, Coldiretti, l’Associazione produttori e allevatori (Apa)  di Prato e Firenze. Ci saranno le apprezzate mucche di razza Calvana e Limousine, i bovini di razza frisona e bruna alpina dell’azienda Scatizzi di Montepiano, i cavalli arabi dell’allevamento Psa La Roccia di San Quirico di Vernio, le pecore, le capre e gli asini.
La fiera interesserà due giorni: sabato 25, nella splendida cornice del parco della Rocca Strozzi, saranno presenti gli stand con i cavalli e si terranno spettacoli equestri, mentre in notturna (ore 21) si terrà il rodeo; domenica 26 settembre si contraddistinguerà per l’incontro con la natura. Piazza della Resistenza (dalle ore 9 alle 20) ospiterà la mostra del bestiame e degli allevatori; presso la Rocca Strozzi (dalle 9 alle 20) continueranno gli spettacoli equestri, i pony per i bambini e nuovi rodeo; in piazza Dante e in via Santo Stefano si terrà la mostra mercato dei prodotti tipici della Val di Bisenzio e non mancheranno assaggi di miele, olio, salumi e dolci, marmellate, carne calvanina, prodotti con farina di castagne; sotto l’atrio comunale, sarà collocata la Casa del Gusto, con piatti e ricette della tradizione (crostini, tortelli, formaggi, salumi, cinghiale, capriolo) prodotti da sette agriturismi e da due rifugi della montagna pratese. Questo sarà un vero e proprio ristorante (aperto dalle 12 alle 17) dove le persone potranno scegliere i piatti e ricette locali pagando con gettoni di valore monetario.
In più, vi saranno i vini proposti dall’associazione Strada dei vini di Carmignano e dei sapori tipici pratesi e i dolci preparati dalla Compagnia dell’Aringa di Vernio, i cui volontari contribuiranno alla riuscita della manifestazione.

Verso il congresso Pd: situazione ancora in bilico, slitta di 24 ore il termine per le candidature

bandiera-pdTempo scaduto, anzi no. Bisognerà aspettare altre 24 ore per capire se il Partito Democratico riuscirà a trovare la tanto aspirata quadra su una candidatura unitaria, oppure se dovrà andare alla conta su due candidature. La commissione di garanzia, presieduta da Ivan Marzocco, ha trovato all’ultimo minuto un insperato appiglio nel regolamento per far slittare a domani alle 20 la scadenza della presentazione delle candidature alla segreteria provinciale. Un dato tecnico, ma dettato ancora una volta da un elemento politico. Come era logico aspettarsi, infatti, il rinvio è stato promosso dai membri della commissione più vicini al segretario uscente Bruno Ferranti, che pur avendo presentato oggi la sua candidatura con firme annesse non ha rinunciato all’idea di provare fino all’ultimo a trovare la concordia. Nel mezzo c’è l’ostacolo di fondo emerso già negli ultimi due giorni: l’indisponibilità di Stefano Ciuoffo a farsi indietro contestualmente a Ferranti per lasciare pista libera al sindaco di Cantagallo, Ilaria Bugetti. È andato a vuoto anche il tentativo di mediazione compiuto  nel pomeriggio in una riunione fra loro tre nella sede della federazione di via Carraia. A conferma del fallimento di qualsiasi accordo, Ciuoffo, subito dopo il mini-vertice, ha spedito il suo manifesto programmatico indicando le priorità per il Partito Democratico nei prossimi anni, bruciando in tal modo simbolicamente molte delle residue speranze di ricompattare prima dell’apertura del congresso i democrat pratesi. Le sue parole in merito rafforzano il concetto: “Per gli iscritti dei circoli dice Ciuoffo -  che non seguono le schermaglie pre-congressuali, non sarà un problema dover scegliere fra due candidati. La formula del superamento del confronto, magari con una nuova candidatura, è tecnicamente possibile ma chiedo a questo punto se per qualcuno sia un problema affrontare una discussione. Allora di quale democrazia stiamo parlando, di quale condivisione delle storie politiche, in definitiva di quale Partito Democratico? Io trovo che fra gli ex Ds, come hanno dimostrato l’anno scorso sulla mia possibile nomina ad assessore all’Urbanistica in provincia, sia ancora un problema avere segretario o assessore o candidato sindaco un ex Dc”.
In queste condizioni soltanto un quarto nome, rispetto ai tre protagonisti già citati, potrebbe avere qualche remota chance di rimettere tutto in discussione. Ma al momento è improbabile, se non altro perché a scalpitare sempre di più troviamo proprio Ilaria Bugetti, per niente rassegnata al quadro di divisioni, bensì convinta ancora di poter dire la sua, ma con una differenza sostanziale rispetto a qualche giorno fa. La sindaca di Cantagallo, infatti, sarebbe disposta anche a candidarsi direttamente contro Ciuoffo, rubando la scena a Bruno Ferranti, che a sua volta potrebbe essere tentato dal fare un passo indietro per rivendicare ancora di più la piena coerenza del suo intento di non voler spaccare in prima persona il Partito Democratico. L’ipotesi non viene esclusa dalla Bugetti, che anzi si mostra piuttosto ottimista sugli esiti di una simile mossa: “Verrebbero rimescolate le carte fra tutti, anche fra i giovani che finora si sono schierati con Ciuoffo” afferma. Il momento della verità sta per arrivare.

Carlandrea Adam Poli

Volantinaggio a tappeto di Azione Giovani nelle scuole pratesi, nel mirino i prof “che fanno propaganda politica”

ribellati volantinoI fermenti dei giovani di destra. Spinti dall’imperativo “ribellati” i giovani di Azione Studentesca, movimento scolastico legato ad Azione Giovani – Giovane Italia, stanno facendo un tour di volantinaggi negli istituti superiori. Fin qui nulla di particolarmente curioso, ma a rendere interessante la faccenda è la composizione del volantino utilizzato per fare propaganda. In basso un invito molto radical-rivoluzionario a costruire insieme il “contropotere studentesco” , sullo sfondo una foto tratta dal film “L’attimo fuggente” per richiamare un’atmosfera di libero pensiero anglosassone che fa molto bipartisan ed al centro il piatto più forte, ovvero alcuni slogan al vetriolo in uno stile puro da rivolta: “Alla scuola che ti considera solo un numero, ai professori che ti vogliono fare il lavaggio del cervello, all’omologazione e a chi ti vorrebbe rendere docile e mansueto, ribellati”. Messaggi dalla forte carica enfatica per ammissione dello stesso presidente provinciale di Azione Giovani – Giovane Italia, Matteo Ala: “Abbiamo pensato ad un volantino abbastanza forte e di impatto comunicativo – spiega – per avere un ritorno su tutta la provincia, mettendo però dentro i problemi reali”. I risultati sono stati immediati. Nelle tre scuole toccate in questa settimana (Copernico, Gramsci-Keynes e Dagomari) molti studenti, almeno in base al racconto di Ala, si sono fermati a discutere con i rappresentanti presenti di Azione Giovani e Azione Studentesca, colpiti e talvolta contrariati dai contenuti. Anche qualche insegnante, chiamato in causa come responsabile di propaganda politica, ha storto il naso tanto che durante la distribuzione del materiale al “Copernico”, martedì mattina, le polemiche sono divampate sulla stessa legittimità della presenza di un movimento giovanile all’interno della scuola. “Noi siamo un’associazione studentesca riconosciuta con decreto del presidente della Repubblica – difende la linea del movimento, Ala – quindi abbiamo diritto di entrare nelle classi”.
Al di là di questo episodio l’obiettivo di Azione Studentesca resta chiaro, attrarre alle proprie ragioni gli studenti più che guadagnare la benevolenza dei professori: “Noi ci rivolgiamo a coloro che hanno preso volentieri i volantini – chiarisce ancora Ala –. Vogliamo rianimare la situazione nelle scuole e riflettere sulle mancanze. Anzitutto lottiamo per permettere l’indipendenza degli studenti consentendo un dibattito interno. Sui professori dico soltanto una cosa: se vogliamo premiare i più appassionati bisogna eliminare quelli che fanno propaganda politica”. A corollario di queste dichiarazioni vale la pena sottolineare che né i toni shock utilizzati né la scelta della località da dove far partire un messaggio così spigoloso è casuale per Azione Studentesca. Prato, infatti, sta servendo da apripista ad un’iniziativa nelle scuole di carattere regionale. È in preparazione, in queste ore, con la sponsorizzazione di diversi consiglieri regionali del Pdl, fra i quali molto probabilmente Giovanni Donzelli, una campagna che riguarderà tutta la Toscana per diffondere le battaglie più care a ragazze e ragazzi del movimento di destra. La lotta al carolibri, contro il quale Azione Studentesca dovrebbe sollevare a livello nazionale la necessità di una riforma ad hoc. Accompagnata da una campagna per la meritocrazia, che per Ala e colleghi vuol dire soprattutto una cosa “gli studenti devono essere giudicati per quello che fanno e non per come sono fuori dalla scuola. Oggi, in fin troppe occasioni, i professori penalizzano fortemente uno studente per la sua appartenenza di destra”.

Carlandrea Adam Poli

Si svegliano e trovano i ladri in casa: rubati computer, telefoni, gioielli soldi e una bottiglia di Brunello

ladri01gLadri buongustai quelli che la notte scorsa hanno visitato un’abitazione in via Beethoven. Oltre a computer, cellulari, preziosi e soldi in contanti, infatti, hanno portato via anche una bottiglia di Brunello di Montalcino dal valore di circa 100 euro. La casa presa di mira è abitata da una famiglia cinese e i proprietari, verso le 5 di mattina, si sono accorti della presenza dei ladri. Svegliati da alcuni rumori, infatti, hanno subito chiamato la polizia per poi vedere un uomo che correva nel giardino di casa. Purtroppo, però, il malvivente e probabilmente almeno un complice, avevano già fatto razzia all’interno della casa: da un primo sopralluogo effettuato dai proprietari insieme ai poliziotti della Volante, infatti, è risultato che erano spariti un computer, i telefoni cellulari, oggetti preziosi e circa mille euro in contanti. Oltre naturalmente al Brunello. Il sopralluogo ha permesso anche di scoprire come avevano fatto i ladri a entrare in casa: vicino alla serratura di una porta finestra, infatti, sono stati trovati alcuni piccoli fori fatti con un trapano a mano.

Il Prato ne fa 10 nel test amichevole contro lo Sporting Chiesanuova: poker di gol per Vangi

La giovane punta Vangi

La giovane punta Vangi

Ottimo test oggi pomeriggio per Lamma e compagni in attesa del primo derby stagionale con la Sangiovannese, domenica prossima in trasferta. Il Prato supera la formazione dello Sporting Chiesanuova (squadra militante in Terza Categoria) per 10-0. Nel primo tempo per i lanieri sono scesi in campo: D’Oria, Tafi, De Agostini, Gialdini, Lamma, Collacchioni, Fogaroli, Zagaglioni, Vieri, Silva Reis, Basilico.  A segno Vieri, Fogaroli, Silva Reis e Basilico. Questi invece gli undici entrati nella ripresa: Bettazzi, Guarisa, Varutti, Corvesi, Visibelli, Gialdini, Gori, Pagliuca, Vangi, Morosini, Piantoni. In gol Vangi, a segno con un poker (4 reti), Piantoni e Guarisa.  Questa invece la formazione dello Sporting Chiesanuova: Morosini, Betti, Cipriani, Ballotti, Guido, Caricati, Imbrenda, Amendola, Vannucchi, Moretti, La Vita. A disposizione: Baldieri, Nannucci, Gori, Facini, Giorgi, Anzevino, Ammannati. Allenatore: Nannucci. La gara è stata diretta da Gelli, coadiuvato da Cecchi e Landi, tutti della sezione di Prato.
E’ iniziata ufficialmente oggi l’iniziativa: “Nei Distinti con un Euro” . Il Prato Calcio fornirà la società ospitante di alcuni tagliandi che verranno messi a disposizione dei tesserati del club. Tale tagliando, presentato al momento dell’acquisto del biglietto, permetterà loro di pagarlo un euro e di seguire la prossima partita casalinga nel settore “Distinti”.  L’iniziativa è rivolta a tutte le società e proseguirà durante tutto l’arco del campionato. “Abbiamo riscosso un buon successo già da oggi – commenta il direttore sportivo, Mario Masini – Siamo soddisfatti. Si tratta di un’iniziativa importante che mira a coinvolgere tutte le società storiche pratesi. In questo caso rivolgiamo una grande ringraziamento allo Sporting Chiesanuova per la gentilezza e l’ospitalità dimostrata”.

Cento anni di Alfa Romeo, il “Ruote Classiche Club” le rende omaggio con sette giorni di eventi al Politeama

alfa-romeo-storicaQuest’anno ricorre il centenario dalla fondazione dell’Alfa Romeo: uno dei marchi automobilistici più prestigiosi ed una delle firme più significative del “made in Italy”. Il “Ruote Classiche Club Prato” ha deciso di celebrare l’avvenimento con un evento che renderà per una settimana il “Teatro Politeama Pratese” un riferimento per gli appassionati di automobilismo e per gli estimatori della tradizione industriale italiana.
L’allestimento del teatro è al livello di questa ambizione e non deluderà le aspettative degli appassionati; una quinta straordinaria farà da sfondo agli incontri con i piloti e gli esperti che si svolgeranno durante la settimana: per tutta la durata della manifestazione saranno esposte quattordici Alfa Romeo di grande prestigio dalla 1500 del 1928 alla 1750 Zagato del 1931 fino all’ Alfasud Trofeo del 1981; saranno presenti anche una P33/2 “spider” del 1968 ed una 33/2 Daytona. Quest’ultima è arrivata appositamente dall’Olanda per ritrovare l’equipaggio che la condusse alla vittoria nella “500 chilometri di Imola” del 1968: Nino Vaccarella e Teodoro Zeccoli.
L’esposizione, gratuita, sarà visitabile ogni giorno dal 25 settembre al 2 ottobre: dalle 17 alle 23. Una selezione di opere grafiche dedicate al 100°Alfa Romeo completerà la scenografia: autore Giorgio Alisi il più celebre ritrattista italiano di auto. In questa ambientazione si svolgeranno poi gli incontri con i piloti e gli esperti del marchio, anch’essi gratuiti ed aperti al pubblico. Si parte sabato 25 settembre alle 18 con “Leggenda Alfa”: Maurizio Tabucchi (storico del marchio ed autore di libri) e Dario Duina (Commissario tecnico del Club) ripercorreranno la storia dell’Alfa Romeo, dal 1910 ai giorni nostri;
Gli altri appuntamenti sono per mercoledì 29 settembre alle 21,15 con un convegno sulla storia del design tenuto dal professor Massimo Grandi; mentre sabato 2 ottobre alle 17,30 è fissato un grande incontro tra giornalisti e piloti che converseranno sul palcoscenico parlando di gare, automobili e uomini. Per terminare la manifestazione con un ulteriore coinvolgimento della città  per domenica 3 ottobre, dalle ore 9, è stato organizzato in piazza del Duomo un raduno di Alfa Romeo storiche e moderne. Alla 11,30  le vetture si sposteranno nella zona del Mugello.

Prato rende omaggio ad Alberto Migone: domani la presentazione del libro con i suoi editoriali su Toscana Oggi

alberto-migoneE’ in programma domani, venerdì 24 settembre, la presentazione pratese del libro “Testimoni nel quotidiano” che raccoglie gli editoriali più importanti scritti da Alberto Migone, compianto direttore del settimanale Toscana Oggi. L’appuntamento è per le ore 18 nel salone vescovile. Parteciperanno il vescovo Simoni e l’attuale direttore del settimanale cattolico Andrea Fagioli. Insieme a loro tre dei più noti alunni che Migone ebbe nella lunga esperienza di docente allo Scientifico Cicognini porteranno la loro testimonianza: Maurizio Fioravanti, presidente del Pin di Prato e docente di Storia del diritto all’Università di Firenze; Roberto Bencini, preside del secondo Circolo didattico di Prato, già vicesindaco di Prato; Cristina Pacini, imprenditrice, rappresentante del Movimento per la vita.
Migone, definito dal vescovo Simoni “una delle migliori e delle più meritevoli figure del cattolicesimo contemporaneo, non solo fiorentino e toscano, ma anche italiano”, ha avuto da sempre un legame particolare con Prato. Per quindici anni, dal 1963 al 1978, ha insegnato lettere e latino al Cicognini, prima di diventare, nel 1983, primo direttore di Toscana Oggi. E proprio la Diocesi di Prato, insieme a quella di Firenze, è la fondatrice del giornale. Fraterno e di stima il rapporto di amicizia che Migone ha avuto con i vescovi di Prato, prima con monsignor Fiordelli e poi con monsignor Simoni, con il quale ha condiviso l’esperienza del Collegamento sociale cristiano.

Sul palco del Fabbricone salgono gli studenti delle scuole pratesi: undici spettacoli nati tra i banchi

Il Fabbricone è una delle location di Contemporanea

Il teatro Fabbricone

Sono 11 gli spettacoli che le scuole superiori metteranno in scena per la rassegna “A teatro da protagonisti 2010″, che coinvolge oltre 200 fra insegnanti e studenti. A palazzo Buonamici la vice presidente della Provincia Ambra Giorgi e il direttore Teatro Stabile Metastasio Paolo Magelli hanno presentato l’iniziativa insieme agli insegnanti Patrizia Guarino del Convitto Cicognini, Eliana Terzuoli del Gramsci-Keynes e a un gruppo di studenti. La rassegna parte domani, 24 settembre, al teatro Fabbricone con il primo spettacolo del Rodari. Il direttore Magelli ha lanciato una proposta alle scuole superiori, partecipare a delle ‘prove aperte’ dei lavori prodotti dal Metastasio, per poter vedere lo spettacolo nascere e dialogare con registi e attori.
Promossa dall’assessorato alla Scuola della Provincia e dal Metastasio la rassegna è realizzata in stretta collaborazione fra studenti e insegnanti di istituti superiori della provincia. Gli spettacoli (con inizio alle 21) andranno in scena via via fino a 2 ottobre. Rodari, Livi, Gramsci-Keynes, Liceo Cicognini, Convitto Cicognini e Buzzi le scuole protagoniste dell’edizione 2010, con 15 fra docenti e registi impegnati.
Il cartellone ne ha per tutti i gusti, dai grandi del teatro come Eschilo, Moliere e Ionesco, a spettacoli ispirati dall’attualità, fino ad arrivare a testi originali realizzati dagli istituti stessi. Il biglietto d’ingresso costa 3€ ed è possibile acquistarlo alla biglietteria del Metastasio. Per informazioni e prenotazioni 0574 608501.

Cinese residente a Prato sfregiato a Milano durante una rissa in un ristorante di via Sarpi

ambulanza interno soccorso 118E’ residente a Prato il cinese di 33 anni che la notte scorsa è rimasto seriamente ferito durante una rissa avvenuta in un locale di via Sarpi, cuore della Chinatown milanese. Secondo la ricostruzione della questura milanese, l’uomo, un commerciante incensurato, era a cena in un ristorante con un gruppo di connazionali, tra i quali la fidanzata. Ad un certo punto, per cause ancora da accertare, nel locale si sarebbe scatenato l’inferno, con i contendenti impegnati in un duello a colpi di cocci di bottiglia. Proprio con un pezzo di vetro la vittima è stata orribilmente sfregiata al volto, con il labbro inferiore che è stato tagliato di netto. La lite è poi proseguita in strada, fino all’arrivo della polizia. Gli agenti hanno quindi soccorso il 33enne di Prato, mentre un secondo ferito si è allontanato da solo. Quando i poliziotti sono entrati nel ristorante gestito da cinesi il titolare aveva già grossolanamente pulito il pavimento, mentre tra i tovaglioli e la tovaglia dove avevano cenato gli amici c’era anche il labbro tagliato. Una fortuna, questa, visto che all’ospedale Fatebenefratelli, i sanitari sono stati in grado di ricucire il labbro.

Ascensore per disabili al Castello, Taiti: “Uno scempio”, ma il sindaco replica: “Lo sfregio è la carenza di attenzione verso chi è in difficoltà”

castello-imperatoreNon piace l’ascensore per disabili posto al Castello dell’Imperatore al presidente della Circoscrizione Centro Massimo Taiti, che parla apertamente di “sfregio irreparabile ad uno dei simboli della città” e se la prende sia con la Soprintendenza, rea di aver dato l’ok, sia con la precedente giunta di centrosinistra, che aveva messo a punto il piano. Ma sulla vicenda – a chiudere sul nascere ogni polemica – è netta la posizione del sindaco Roberto Cenni: “Credo che il vero sfregio e la grave deturpazione siano rappresentati dalla scarsa sensibilità e dalla carenza di attenzione verso chi è costretto a vivere la città in maniera disagiata. Penso alla cattiva cultura del parcheggio selvaggio specie sui marciapiedi e alla vasta giungla – nel settore pubblico e più spesso in quello privato - delle barriere architettoniche”.
Una posizione molto dura quella del primo cittadino: “Mi sento così in ritardo – dice - soprattutto lo è questa città, nel superamento delle difficoltà che ci sono. Per questo, nonostante le ristrettezze di bilancio e le tante necessità della collettività, questa giunta ha ritenuto necessario investire nel Castello e concludere un iter iniziato diversi anni fa. Mi assumo pertanto la responsabilità anche per conto di chi ha elaborato quelle soluzioni per arrivare ad un’istallazione che lascia integra la struttura del Castello, perché è semplicemente poggiata al monumento simbolo, insieme a pochi altri, di tutta la Città di Prato. In merito alla realizzazione, pur avendo considerazioni personali circa un possibile uso di materiali differenti, rilevo una perfetta consonanza con gli interventi precedenti. Quanto invece a soluzioni diverse, mi riferisco ad entrate cosiddette secondarie, è esattamente quello che non vorrei per la nostra città. Perché la testimonianza di una sensibilità non è da nascondere, bensì da guardare come segno di civiltà e di non discriminazione”.
La soluzione alternativa, invece, era quella caldeggiata dallo stesso Taiti quando era consigliere comunale e sul tema aveva rivolto un’interrogazione all’allora assessore ai Lavori pubblici Enrico Giardi. Da qui il malumore del presidente di Prato Centro: “Il risultato del progetto – dice – è visivamente deprimente perchè deturpa il  bellissimo ingresso della costruzione federiciana non permettendo più di  goderne l’assetto architettonico originario. Tra l’altro lo scempio perpetrato ai danni del Castello dell’Imperatore si inserisce in un dibattito aperto sull’intera struttura della Piazza delle Carceri per la quale la Circoscrizione Prato Centro si era fatta parte attiva anche di recente. L’intervento ora nella sua fase finale contribuirà a degradare ancora di più una delle nostre più belle piazze!”

Cena alla pratese con i tavolini apparecchiati in via Pistoiese: il ricavato al Meyer e alla parrocchia di San Domenico

piazzasandomenicoC’è ancora l’incertezza del maltempo, con gli organizzatori che non sanno se confermare la location originaria, vale a dire la via Pistoiese, oppure ricorrere ai Chiostri di San Domenico. Resta il fatto, però, che saranno davvero in tanti domani sera, venerdì 24 settembre, a mettersi al tavolo dell’iniziativa benefica “Cena alla pratese”, organizzata da Prato Libera e sicura e dal Comitato di via Pistoiese per la tutela del Macrolotto Zero. L’intero ricavato della cena sarà devoluto all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze e alla parrocchia di San Domenico. Duplice lo scopo dell’iniziativa: prima di tutto la raccolta dei fondi, ma anche riportare l’attenzione della città sul Macrolotto Zero.
Intanto, nel caso la cena si dovesse svolgere in strada, il Comune ha adottato una serie di provvedimenti per la circolazione stradale. Dalle 14.30 alle 24 di domani sarà chiuso al traffico il tratto di via Pistoiese compreso fra via Damiano Chiesa e via Giuseppe Becagli
In occasione dell’evento, cui è prevista la partecipazione di numerose persone, è stato disposto anche il divieto di sosta con rimozione forzata dei veicoli nel tratto di strada occupato per la festa. Per tutta la durata del divieto di transito il traffico veicolare sarà deviato in via U. Giordano, via  C. Colombo, via L. Borgioli.

Vernio, la scuola primaria sarà intitolata a Carlo e Maria Teresa Armellini: sabato la festa di inaugurazione

cortile-scuola-primaria elementare vernio armelliniSabato prossimo, 25 settembre, alle ore 15,30, la scuola primaria di Vernio sarà intitolata a Carlo e Maria Teresa Armellini. La comunità di Vernio e il mondo della scuola hanno scelto di rendere omaggio a queste due figure storiche che per circa quarant’anni hanno dedicato tempo e passione all’insegnamento nella scuola elementare di Terrigoli. Stamani, il sindaco di Vernio Paolo Cecconi, la dirigente dell’istituto comprensivo “Sandro Pertini” di Vernio Sandra Bolognesi e l’insegnante Christine Marchant hanno presentato in una conferenza stampa l’iniziativa in programma per il prossimo sabato e hanno sottolineato il lavoro svolto dalla coppia per l’educazione dei bambini.
Maria Teresa e Carlo sono stati maestri di tanti alunni, un punto di riferimento di tanti colleghi, esempio per tutti di grande professionalità, spirito di  innovazione e ricerca. Sono stati insegnanti nel senso pieno della parola e la didattica era la loro grande competenza: Carlo prevalentemente in ambito matematico, Maria Teresa prevalentemente in ambito linguistico espressivo. Chi ha avuto la fortuna di entrare nella loro scuola non può non ricordare i murales, le tante pitture, i canti, i laboratori continui e le importanti esperienze educative incentrate su temi come la pace e il reciproco rispetto fra i popoli e le diverse culture in tutto il mondo.
La scuola primaria di Vernio fino ad oggi non ha avuto un nome. Sabato 25 settembre alle 15,30 sarà scoperta la targa con l’intitolazione. La cerimonia sarà accompagnata dalla presentazione di un grande murales realizzato dai 200 bambini della scuola elementare con l’aiuto dei maestri, nel corso degli ultimi mesi (da aprile a giugno) del passato anno scolastico. Un grande disegno colorato della lunghezza di 26 metri, con ritratta la vita del territorio di Vernio, è andato ad abbellire una parete del cortile interno della scuola.
Sabato sarà una grande festa per il mondo della scuola, per i bambini e i genitori, tutti invitati a partecipare. Sarà anche una festa di musica in cui i piccoli intoneranno filastrocche e canzoni tradizionali. Alle 17,30 sarà invece presentata la tesi di laurea “Il maestro Carlo Armellini e i bambini di Terrigoli” di Francesca Cangioli, una cittadina residente che con il suo interessante lavoro ha descritto e analizzato i principali aspetti dell’insegnamento del docente.

Ristoratore aggredito da tre banditi, riesce a sventare il colpo ma viene ferito a una mano

coltello-rapinaE’ riuscito a sventare la rapina ma è stato ferito da una coltellata ad una mano, per fortuna non in maniera grave. Si tratta del titolare di un ristorante cinese di via Filzi che la notte scorsa, intorno alle 1.30, è stato assalito da tre rapinatori armati e con il volto coperto con passamontagna. Il ristoratore, un 47enne regolare in Italia, ha avuto appena il tempo di uscire dal locale che i tre incappucciati lo hanno aggredito. tenendolo sotto la minaccia del coltello hanno cercato di farlo rientrare nel ristorante, in modo da poter rapinare l’incasso della serata. L’uomo, però, ha reagito e ha iniziato a urlare cercando di divincolarsi. Nel frattempo due suoi familiari, presenti all’interno del locale, hanno barricato la porta in modo da impedire l’accesso. A questo punto i tre banditi hanno pensato bene di desistere e se non sono fuggiti via. Sul posto sono poi arrivati i poliziotti della Volante, che hanno raccolto le testimonianze dei presenti e iniziato le indagini per arrivare a identificare gli autori dell’assalto. Il coraggioso ristoratore, invece, è stato portatto al pronto soccorso dove gli è stata medicata la ferita alla mano.

Grandi pulizie lungo il Bisenzio: via allo sfalcio dell’erba e alla bonifica degli argini

bisenzio_viale-galileiPer il Bisenzio partono gli interventi di pulizia degli argini e di taglio delle vegetazione eseguiti in convenzione con il Consorzio di Bonifica Ombrone Pistoiese-Bisenzio. La Provincia ha consegnato oggi i lavori di manutenzione ordinaria che comprendono lo sfalcio della vegetazione nel tratto in destra idraulica (lato Mezzana) da viale Marconi all’altezza di via dello Zamputo fino al ponte autostradale che segna il confine provinciale. Sono previsti anche altri piccoli interventi di pulizia e la rimozione di un albero caduto nell’alveo in corrispondenza del Ponte alla Vittoria. Sul Bisenzio a breve inizierà anche il taglio selettivo nel tratto tra Ponte Datini e la Briglia del Cavalciotto e la pulizia della zona sotto le mura. Nelle prossime settimane sarà effettuato anche il secondo taglio stagionale dell’erba sui torrenti Iolo e Ombrone e saranno eseguiti altri interventi di manutenzione ordinaria sulle opere idrauliche.

Sugli yacht di Viareggio spopolano il miele, la pasta e l’olio della Filiera corta di Montemurlo

sagra-olio-olivaIl progetto “Cambusa” è ormai una realtà. Ogni settimana, olio, miele e pasta di Montemurlo, infatti, raggiungono il porto di Viareggio e vanno a rifornire le dispense delle più prestigiose imbarcazioni da diporto- e non solo- presenti nello scalo toscano, conosciuto nel mondo per i suoi cantieri navali. Un’idea vincente, che coniuga in un’unica formula il meglio dell’ Italian life style: l’eleganza del design di imbarcazioni di lusso con l’eccellenza dell’agroalimentare toscano a tavola. L’assessore al turismo del Comune di Montemurlo, Gianluca Giancaterino, non usa mezzi termini e definisce il progetto rivoluzionario: ”Come amministrazione abbiamo fortemente creduto in questa iniziativa, che rappresenta uno splendido biglietto da visita per i nostri prodotti tipici e più in generale per tutto il territorio- dice- In questo senso la Filiera corta di Montemurlo, con il progetto Cambusa, è stata scelta dalla Regione come apripista a livello regionale per sperimentare questo tipo di promozione, che, se darà risultati significativi, verrà poi estesa anche ad altre filiere toscane. Questo ci rende molto orgogliosi e ci riempie di responsabilità”.
Molto felice del risultato per ora ottenuto è anche la presidente della Filiera corta di Montemurlo, Amanda Ravagli, che spiega “ Il prodotto principe di Montemurlo è indubbiamente l’olio extra-vergine d’oliva. Sulle imbarcazioni, ormeggiate a Viareggio, portiamo il nostro “oro verde” con la produzione dell’Azienda agricola San Giorgio di Barbara Spinelli e dell’azienda agricola La Rocca di Anna Del Conte. Ma c’è anche il miele di Davide Torracchi, la pasta del pastificio di via Montalese, “Professione Pastaio”, e la carne di Savigni, azienda di Pavana (Pistoia), che partecipa alla nostra filiera e che alleva con metodo biologico esemplari di cinta senese e bovini di razza chianina e piemontese.” L’associazione Filiera Corta di Montemurlo – di cui è socio anche il Comune –  lo scorso dicembre aveva ottenuto un finanziamento di ben 50mila euro per promuovere il progetto “Cambusa”, che a distanza di pochi mesi- è proprio il caso di dirlo- prende il largo ed incassa i primi successi.

Rifiuti, via al porta a porta alla Pietà: stasera incontro con i cittadini alla Sacra Famiglia

sacra_famiglia_pratoNuovo incontro sul servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta nella macroarea La Pietà che comprende Carteano, Canneto, Filettole, Castellina, tutta la parte compresa tra il fiume Bisenzio e il Ponte Petrino, la zona della Stazione, via Matteotti, il Cantiere. L’incontro pubblico è in programma oggi, giovedì 23, alle 21, presso la parrocchia Sacra Famiglia in via Papa Giovanni XXIII. I cittadini potranno confrontarsi con i tecnici di Asm, avere spiegazioni sulla raccolta porta a porta, conoscere gli obiettivi del servizio e i sistemi per una corretta raccolta differenziata.
Il porta a porta prenderà il via lunedì 22 novembre e interesserà 3.893 famiglie e 250 utenze non domestiche (negozi, uffici, studi professionali, attività in genere) per un totale di 9.981 residenti

Il Castello dell’Imperatore si trasforma in un maxi parco giochi per la visita di Patch Adams

patch-adamsConto alla rovescia per l’arrivo in città del celebre medico americano Patch Adams, inventore della terapia del sorriso. La visita di Adams rientra nell’evento “Bambini Emozioni Salute”, organizzato e coordinato da Platinum Events e promosso da Misericordia di Prato, Asl 4 di Prato, “Progetto Bambini H.P.H. (Health Promoting Hospital) Asl 4” e dallo Staff direzione aziendale Asl 4, che si svolgerà il 24 e 25 settembre al Museo del Tessuto, e coinvolgerà l’intera città e i bambini.
I piccoli degenti del reparto pediatrico dell’Ospedale “Misericordia e Dolce” conosceranno direttamente Patch Adams, che farà visita anche al Parco giochi per bambini aperto alla città, allestito per l’occasione al Castello dell’Imperatore con la collaborazione dei Cavalieri Rugby Prato e della Biblioteca Lazzeriniana. Oltre a Patch Adams arriveranno qui anche di noti personaggi pratesi del mondo dello spettacolo per creare un’atmosfera di giocosità in uno dei luoghi simbolo di Prato. L’appuntamento è per le 11 di sabato.
Il convegno rivolto in particolare a personale sanitario e medico, è aperto a tutti; i relatori saranno studiosi universitari, professionisti della sanità, esperti di organizzazioni nazionali ed internazionali che si occupano di minori. I relatori affronteranno temi relativi al contesto culturale internazionale, giuridico e delle neuroscienze per quanto riguarda i diritti del bambino e, in particolare, il diritto alla salute, che oggi facilita la possibilità di confrontarsi sul tema delle emozioni e della salute stessa.

Prato oggi ricorda San Padre Pio con una messa celebrata dal vescovo alla Pietà

padre-pioOggi, giovedì 23 settembre, la Chiesa celebra la memoria liturgica di San Pio da Pietrelcina. A Prato, alle 18, presso la chiesa di Santa Maria della Pietà, il vescovo Gastone Simoni, presiederà la celebrazione della messa in memoria della “nascita al cielo” del Santo con le stimmate, concelebrano don Francesco Bazzoffi e don Moreno Paci, entrambi responsabili dei Gruppi di preghiera di Padre Pio, regionale il primo, diocesano il secondo. Proprio nella zona della Pietà, di fronte alla fiancata della chiesa, dall’altro lato della strada, due anni fa è stata posta una statua che raffigura Padre Pio, opera dell’artista Chiara Pasquetti.
Nella nostra diocesi sono undici i gruppi di preghiera intitolati a San Pio e forte è il legame tra la città e il Santo cappuccino. Molti pratesi infatti hanno incontrato personalmente San Pio e per questo, per desiderio del vescovo Simoni, si stanno raccogliendo le testimonianze di chi lo ha conosciuto in vita, oppure ha importanti ricordi di familiari da riferire. “Tutti coloro che fossero in grado di fornire elementi utili – dice don Paci – sono invitati a rivolgersi ai responsabili dei locali gruppi di preghiera, in modo da fare una raccolta ordinata di tutto il materiale disponibile, in vista della pubblicazione di un libro sul Santo da Pietrelcina ed i pratesi”.

Atletica: i pratesi Anna Pau, Niccolò Salierno e Silvia Zecchi si laureano campioni toscani

Niccolò Salierno sul podio

Niccolò Salierno sul podio

L’Atletica Prato vince a Lucca, categorie Allievi e Juniores, quattro titoli toscani. Nella specialità del salto in alto vincono Anna Pau con un bel salto di 1 metro e 66 cm e tra gli Juniores maschi, Niccolò Salierno, con la misura di 1 metro e 71 cm. Gli altri due titoli li conquista Silvia Zecchi. Il primo nei 100 metri hs 76cm allieve con 14” 80 e l’altro nei 400m hs 76 cm con il tempo di 1’05”06; “Quattro titoli individuali sono un bel bottino per una società giovane come la nostra – spiega il presidente Andrea Mercaldo – ma voglio ringraziare i nostri tecnici e in particolare Cinzia Toccafondi e tutti gli altri che ogni giorno sono al campo Ferrari a stimolare questi ragazzi. E’ uno stimolo per tutti e soprattutto per i più piccoli che vengono al campo sportivo”.  Bene anche Lorenzo Fucini secondo sia nei 1500 metri che nei 3000 m categoria Juniores. Nei 100 metri Allievi Pietro Battaglia va a un passo dalla vittoria mentre nel lancio del disco Marco Bandini si piazza al 3° posto con la misura di 36 metri e 13 cm. A Firenze per i Campionati di Specialità Cadetti/e, Donatello Dallai, conquista il 1° posto nel salto triplo, 13 metri e 22 cm (suo personale); secondo posto per El Aoufy Bahija nei 2000 mt. cadette con il tempo di 7’12”9.

Montemurlo, domani i bambini delle scuole si armano di ramazza per “Puliamo il mondo”

puliamo_il_mondoAnche il Comune di Montemurlo aderisce alla giornata nazionale promossa da Legambiente, “Puliamo il mondo”, che quest’anno è dedicata al sindaco, Angelo Vassallo, ucciso dalla camorra per il suo impegno a difesa del territorio. Con guanti, ramazze e sacchi della spazzatura i bambini della scuola elementare di Morecci ed alcune classi della scuola media “Salvemini- La Pira”, domani mattina, venerdì 24 settembre, si troveranno in piazza della Liberta ed ai giardini di piazza Donatori di sangue per ripulire gli spazi pubblici aiutati dagli operatori di Asm.
“ Abbiamo deciso di far pulire ai ragazzi due piazze nel centro del paese, affinché il loro gesto fosse da esempio anche per gli altri cittadini- spiega l’assessore all’ambiente Simone Calamai- La piazza è, infatti, il luogo “civico” per eccellenza ed il messaggio che vogliamo lanciare è che gli spazi pubblici devono essere vissuti da tutti con rispetto.”
All’evento prenderà parte anche Sergio Mazzuoli, responsabile della comunicazione di Asm, che spiegherà ai bambini l’impegno dell’azienda a tutela del decoro e dell’igiene della città e le corrette norme per conferire i rifiuti e per fare una buona raccolta differenziata.

Verso il congresso Pd, Ferranti disponibile a lasciare campo alla Bugetti ma Ciuoffo lo gela: “Io vado avanti”

Bruno Ferranti

Bruno Ferranti

La  candidatura dell’ingegnere Ciuoffo, secondo previsioni, ha scombinato i giochi del Partito Democratico e rimesso totalmente in discussione la contesa per la segreteria. Anche al costo di risultare assolutamente disorientante per qualcuno, se si considera che alle prime luci dell’alba cominciano a diffondersi delle voci incontrollate su un ritiro contestuale di Bruno Ferranti e di Stefano Ciuoffo frutto di un accordo trovato ieri notte sul nome della sindaca di Cantagallo Ilaria Bugetti. Fioccano puntuali le smentite, il più lepido è Ciuoffo: “Ho iniziato a ricevere tante telefonate da miei amici per sapere di un mio passo indietro – dice -. Mi sono limitato a rispondere che non posso aver detto a nessuno di essere disposto a ritirarmi, perché non l’ho neppure mai pensato”. Quello che conta è che una volta delineata la candidatura alternativa di Ciuoffo lo spirito unitario tanto accarezzato dal segretario provinciale in carica Ferranti rischia di essere travolto dalla competizione a due per la leadership piddina.
L’onore della mossa successiva per tentare di rimescolare le carte, pertanto, spetta a Ferranti. Così, alle 17.30 convoca i giornalisti in una conferenza stampa per compiere un tentativo in extremis di trovare l’unità prima di aprire il congresso. “Pongo la mia disponibilità a non candidarmi – dichiara – qualora in queste ore si trovasse la possibilità di convergenza su un nome che possa ricompattare il partito. Al pari di Bersani dico che bisogna anteporre il bene della ditta con l’esigenza di rappresentare tutte le parti della città alla contrapposizione basata su aspetti personali. Ho percepito il rischio di avviare un congresso, nel quale parlare unicamente dei due candidati mandando in secondo piano le varie emergenze della città”. Il compito per Ferranti è arduo. Il primo punto è abbastanza facile, consiste nella difesa della coerenza ideale di un segretario che ha preso in mano le redini del Pd per assicurargli “continuità” e un rinnovamento del gruppo dirigente non ancora completato come dimostra l’impossibilità riscontrata di avere un candidato trentenne. “Alle porte del congresso – dice – non è emersa da parte dei giovani un’opzione di rinnovamento affiancata da una candidatura. Per questo motivo ho detto di poter continuare affinché un gruppo dirigente rinnovato possa candidarsi a riprendere la città nel 2014”. Dalla necessità della sua esperienza per Ferranti il difficile arriva quando si tratta di salvare l’unità del Pd. “Il congresso non deve trasformarsi in un’urna elettorale” dice fuori dai denti. Per scongiurare ciò l’offerta lanciata a Ciuoffo è di seguire il suo esempio, ritirandosi dalla corsa, con una motivazione che vuole accomunare il pedigree ed il destino di entrambi: “Ho stima e rispetto per lui, ma non ha le caratteristiche giuste per rappresentare gli elementi di rinnovamento di cui c’è bisogno oggi”. In cambio Ferranti offre un terzo candidato: “Qualcuno che abbia dimostrato le sue caratteristiche sul campo – chiarisce – non ci possiamo permettere di mandare qualcuno allo sbaraglio”. L’unico nome davvero spendibile per questa operazione è Ilaria Bugetti, ma ormai metà partito non la riconosce più come unitaria. Pur essendo giovane, brava con un curriculum già sottolineato per i meriti dai più, infatti, è precipitata dalle simpatie del fronte del Pd pro-Ciuoffo dopo la sua disponibilità a dar vita ad un ticket con Ferranti.
Resta, dunque, un’incognita enorme: considerata anche l’indisponibilità da parte del segretario in carica di chiedere ai vertici regionali del partito uno slittamento del congresso, come sarà possibile trovare in 24 ore un nome gradito quasi a tutti? Un bel dubbio, sul quale bisogna anche dire non varrà tanto la pena angustiarsi. I sottili fili di speranza sono spezzati di rimando da Ciuoffo in persona, che dopo aver appreso le dichiarazioni di Ferranti sbotta: “Cosa vorrebbe fare, scegliere prima un candidato unico per poi parlare di contenuti? Sbaglia a vedere la mia candidatura come un nome, la lista di questi ragazzi è fatta da un gruppo che potrebbe avere a capo anche un signor nessuno. Sono contrario all’ipotesi di accordi fatti a tavolino, perché non appartengono alla cultura del Partito Democratico, che è aperto al confronto senza padroni. Bisogna capire – chiosa – che l’unità si trova nel congresso non prima. Ritirarmi poi non è più nelle mie disponibilità, dovrei andare a chiederlo a ciascun iscritto che mi ha chiesto di candidarmi”.

Carlandrea Adam Poli

Nidi di calabroni nel chiesino di Cavagliano, interviene la Vab per la bonifica

Il nido di calabroni all'interno del chiesino

Il nido di calabroni all'interno del chiesino

L’allarme era scattato qualche giorno fa, quando un escursionista aveva segnalato la presenza di un grosso nido di calabroni all’interno del Chiesino di cavagliano, metà abituale di tante escursioni e passeggiate da parte dei pratesi. Adesso il problema è stato finalmente risolto. Nel pomeriggio di ieri, infatti, una squadra della Vab di Prato è intervenuta per la bonifica di alcuni nidi di calabroni. Dopo la prima segnalazione, in questi giorni al numero di emergenza attivo 24 ore su 24 (348/3420608) erano giunte diverse segnalazioni circa la presenza di un grosso nido all’interno del chiesino.La squadra di quattro operatori giunta sul posto ha cisì provveduto alla bonifica del grosso nido posto all’ingresso constatando che si trattava di calabroni. Bonificato il primo nido i volontari sono entrati all’interno del chiesino oltre il cancello. notando su entrambe le finestrelle altri due nidi di calabroni anch’essi bonificati. Le operazioni si sono protratte per circa due ore. La puntura di calabrone è tra le più dolorose e, vista la quantità di veleno che viene iniettato, in molti casi provoca shock anafilattici nelle persone allergiche o sensibili alla puntura degli insetti.

Fa shopping in centro ma non paga: nei guai una 35enne per i furti in pelletteria e in gioielleria

auto-volante-250Stava facendo shopping nei negozi del centro ma con la peculiarità di non pagare la roba che “acquistava”. Protagonista una pratese di 35 anni, già nota alle forze dell’ordine proprio per reati specifici. La donna è stata fermata ieri pomeriggio, poco dopo le 17, da una pattuglia delle Volanti, chiamata dal titolare di una gioielleria di via Mazzoni. All’arrivo dei poliziotti la donna ha cercato inutilmente di allontanarsi, ma è stata fermata. Il commerciante ha spiegato che la 35enne era entrata nel negozio chiedendo di poter vedere alcuni orologi di marca. Poi si era provata un orologio griffato Dolce e Gabbana, mettendolo più volte la polso, per poi cercare di allontanarsi dalla gioielleria con l’orologio al polso e senza pagarlo. il titolare se ne era accorto e l’aveva fermata, riuscendo a recuperare l’orologio dal valore di 162 euro. A quel punto gli agenti hanno perquisito la donna e hanno scoperto che aveva una borsa ancora avvolta in carta di giornale e perfettamente confezionata. Dalle verifiche fatte sull’oggetto, i poliziotti sono risaliti ad una pelletteria in via Firenzuola. I commessi del negozio hanno confermato di aver visto la donna entrare poco prima e aggirarsi tra gli scaffali per poi allontanarsi. E da un rapido controllo è risultato che la borsa trovata dai poliziotti era proprio stata rubata in quei frangenti. La 35enne è stata quindi denunciata per furto.