Volantinaggio alle fermate degli autobus da parte dei Giovani democratici contro i tagli ai trasporti pubblici

autobus_capE’ partita oggi la nuova campagna del circolo “Prato Sud A.Politkovskaja” dei Giovani democratici che vogliono porre l’accento sui tagli al servizio del trasporto pubblico. I giovani del circolo, così, tutti i giovedì faranno un volantinaggio che toccherà tutte le frazioni del Sud della città, iniziando dalla zona di San Giusto-Tobbiana-Iolo-Casale dove la situazione è particolarmente critica.
“La campagna che lanciamo prende il nome di Lasciati a piedi – spiegano dal circolo -. Lo scopo è quello di informare i cittadini dei tagli scellerati fatti dal governo in materia di trasporto pubblico, dove sono stati tagliati il 30% dei fondi e che si riflettono quindi anche sul servizio pratese, soprattutto nella zona Sud di Prato dove la situazione già precaria continuerà a peggiorare. Proprio per questo motivo saremo in tutte le fermate della circoscrizione per distribuire un volantino che sensibilizzi la popolazione sul tema”

5 pensieri su “Volantinaggio alle fermate degli autobus da parte dei Giovani democratici contro i tagli ai trasporti pubblici

  1. Scusate ma non sono daccordo, la CAP è un’azienda per cui come tutte le aziende è soggetta al rischio d’impresa.
    Quando rincara e si adegua le tariffe va tutto bene ma poi basta che non arrivino due soldi che sembravano dovuti e subito si tagliano i servizi.

    Bel modo di fare un servizio pubblico.

    Quand’è che capirete che la mucca da mungere l’avete seccata e che le aziende per andare avanti devono saper investire anche per il futuro altrimenti ci troviamo tutti a piedi e con una mano davanti e una di dietro.

  2. Questo è un po’ il modo di fare politica da parte del governo italiano in generale: non aumentare le tasse nazionali almeno loro fanno la loro bella figura e poi per qualsiasi cosa che riguarda il territorio si taglia !!
    Chi ci rimette in tutto questo ? Semplice i semplici cittadini che tutte le mattine devono usare gli autobus per andare a lavoro o a scuola ,o le persone anziane che devono arrivare a farsi una visita !
    Questo è il federalismo del presidente Berlusconi e del ministro Bossi .

  3. se sul territorio non sanno amministrare le risorse (aziende di trasporti comprese) che colpa ne hanno i governi centrali? voglio vedere se col federalismo avranno ancora voglia di mangiarci sopra. e intanto carlesi propone il solito carrozzone poltronistico per politici trombati e disoccupati

  4. Amministrare quali risorse ??? Qui si parla di TAGLI quindi di soldi che non arriveranno mai !!!

  5. x simone…te parli di 2 soldi ma il taglio è superiore a 200 milioni di euro , sai cosa significa un taglio del genere ? significa che sparirebbero gli scuolabus , che sparirebbe la lam , invece di incentivare il servizio pubblico lo si penalizza , creando piu traffico piu inquinamento e lasciando a piedi chi non puo permettersi un’auto , ma te ne rendi conto di quello che dici ? e in piu oltre che penalizzare i pendolari verranno persi posti di lavoro , questo non era il governo che dava lavoro ?????