Milone incontra Maroni e chiede l’accesso alla banca dati del Viminale per la polizia municipale: la sperimentazione potrebbe partire da Prato

Si è svolto ieri a Parma l’incontro con il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’ambito del Tavolo della Carta di Parma sulla sicurezza urbana. L’amministrazione pratese era rappresentata dall’assessore alla Sicurezza, Aldo Milone, che è intervenuto durante i lavori per sottolineare alcune criticità riguardanti l’accesso alla banca dati del Viminale da parte del personale della polizia municipale.
“Ho fatto presente al ministro Maroni che l’accesso alla banca dati è indispensabile per gli operatori di polizia municipale perché durante le operazioni di controllo del territorio possono necessitare dell’identificazione di persone sospette. Un’operazione questa che è possibile al momento solo facendo un ponte, spesso costoso in termini di risorse umane e di tempo prezioso, con polizia di Stato o carabinieri. Inoltre ho richiesto al ministro anche l’accesso alla banca dati Afis, specifica per i cittadini extracomunitari, per l’identificazione dei clandestini. Il ministro Maroni ha fatto sua questa proposta e avvierà quanto prima una sperimentazione con il Comune di Prato e altre città che si dichiarano disponibili ad entrare in questo progetto. Peraltro ho fatto presente al ministro che stiamo dando esecuzione al nuovo pacchetto sicurezza che prevede la confisca della merce. Il ministro, per questo, si è detto soddisfatto”.

I commenti sono chiusi.