La festa di San Silvestro in piazza delle Carceri con la travolgente Badabimbumband. Poi i fuochi dal Castello

La Badabimbumband

Partirà alle 22.30 di domani, venerdì 31 dicembre, la festa di fine anno offerta e organizzata dal Comune di Prato in piazza delle Carceri, che culminerà con i fuochi d’artificio allo scoccare della mezzanotte dal Castello dell’Imperatore. Per tutti i cittadini che vorranno partecipare ci saranno, oltre a un intrattenimento musicale di prim’ordine, panettone e spumante per festeggiare insieme l’arrivo del nuovo anno, nell’auspicio che sia più prospero del 2010 che stiamo per salutare. Tutto rigorosamente gratuito per gli intervenuti.
“La scelta di attendere l’ultima settimana dell’anno per comunicare ufficialmente il programma della serata – spiegano dal Comune con una nota – è dovuta ad alcuni fattori non trascurabili. Anzitutto le previsioni meteorologiche, che appaiono quest’anno favorevoli, per evitare in caso di maltempo uno spreco di risorse pubbliche, sempre deplorevole, ma in special modo durante un periodo di particolari difficoltà economiche per Prato. In definitiva un modo semplice e piacevole di festeggiare insieme il nuovo anno nel cuore della Città”.
Quanto alla musica dal vivo, ad intrattenere i cittadini sarà la “Badabimbumband”: un’eccellente marchin’ band itinerante, esplosiva, con animazione in movimento, composta da una decina di musicisti un po’ eccentrici, accomunati dalla passione per il ritmo e capaci di creare un’esibizione unica nel suo genere. Un gruppo giovane, il cui leader Sandro Tani é docente di sax alla Scuola Comunale di Musica “G. Verdi”, vera e propria fabbrica di talenti. Già protagonista in occasione del primo compleanno della Biblioteca Lazzerini, lo scorso mese di novembre, la band si presenta con un impatto impetuoso, fisico, scoppiettante, impegnata in programmi che sorprendono gli spettatori con effetti sonori speciali. Il baricentro musicale del repertorio è costituito dalla musica popolare ma con frequenti escursioni verso il jazz, il funky e il rock.

I commenti sono chiusi.