Materne comunali, i bambini potranno essere accolti fino al 31 marzo come nelle statali

Sono state approvate all’unanimità dal Consiglio comunale nell’ultima seduta le modifiche al Regolamento dei servizi educativi per l’infanzia proposte dall’assessorato alla Pubblica istruzione, tra cui la possibilità di accogliere nelle materne comunali i bambini, secondo l’ordine di graduatoria, anche nei mesi di novembre e dicembre e fino al 31 marzo, analogamente a quanto avviene nelle scuole statali, in considerazione del Protocollo per l’iscrizione unica: “Dobbiamo adeguare i nostri strumenti di lavoro alle necessità dei nostri cittadini – afferma l’assessore alla Pubblica istruzione Rita Pieri, che ha illustrato l’atto al Consiglio – E’ indispensabile infatti supportare le famiglie che hanno bambini piccoli”.
Inoltre, con l’obiettivo di dare maggiore risposta alla richiesta di asilo nido, sarà consentito presentare domanda di ammissione in qualunque periodo successivo a quello delle iscrizioni, in modo che, in presenza di posti disponibili, sia possibile accogliere i nuovi utenti senza dover attendere il mese di novembre, come è accaduto negli scorsi anni, per accedere attraverso la graduatoria suppletiva. Infine, nell’ottica della trasparenza e della collaborazione, l’assessorato ha ritenuto necessario aumentare il numero dei rappresentanti dei genitori e docenti dei nidi privati convenzionati nel Comitato di indirizzo, passando da due a quattro unità: “Queste modifiche rappresentano un passo avanti nell’interesse delle famiglie” conclude l’assessore Pieri.

I commenti sono chiusi.