Sanità, pratesi da record in Toscana per l’adesione agli screening oncologici

Una mammografia

E’ un’esperienza consolidata nella provincia di Prato l’adesione al programma di screening oncologici dell’Asl 4 (per l’individuazione del tumore della mammella, per la diagnosi del tumore del collo dell’utero e per il tumore del colon retto), E’ quanto emerge dall’undicesimo Rapporto annuale dei programmi di screening della Regione Toscana sui risultati raggiunti nel 2009 presentato a Firenze dall’Ispo, l’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica.Nel 2009 l’As l 4, in accordo con le Linee guida italiane ed europee e con le indicazioni normative della Regione, ha invitato ad effettuare una mammografia 16.306 donne di età compresa fra i 50 e i 69 anni. Il 76,6% (media regionale 70,8%) ha aderito al programma ed effettuato l’esame. Sempre nello stesso anno sono state chiamate allo screening della cervice uterina 20.825 donne di età compresa fra i 25 e i 64 anni. All’invito ha risposto il 63,4% (media regionale 55%). Per lo screening colonrettale è stata invitata la popolazione,  22.669 fra donne e uomini, di età compresa fra i 50 e i 70 anni. Ha aderito il 53,5% (media regionale 53%).
Per quanto riguarda la mammografia, l’obiettivo primario è quello di ridurre la mortalità e quello secondario è l’applicazione di terapie chirurgiche e mediche il più possibile conservative. Lo screening cervicale è in grado di ridurre in maniera significativa l’incidenza del carcinoma. Il programma di screening colonrettale è una delle più avanzate esperienze a livello internazionale.

I commenti sono chiusi.