Segnali di ottimismo per il distretto dall’analisi del rapporto Trend-Cna: la piccola impresa dà segni di vitalità

Un segnale di ottimismo per il manifatturiero pratese e per il sistema della piccola impresa. E’ quello che emerge dal rapporto Trend della Cna, presentato nel pomeriggio alla Direzione Cna, convocata in seduta aperta a istituzioni e forze economiche e sociali del territorio. Il rapporto si intitola “Così vanno le imprese a Prato”.
“La crisi morde ancora ma il manifatturiero a Prato  resiste meglio che nelle altre province toscane e su questo le istituzioni devono puntare – è la sintesi di quanto riportato nel rapporto Trend -. La piccola impresa mostra segni di vitalità, soprattutto nel settore tessile, nei trasporti e nei servizi alle imprese (seppur con un freno legato all’andamento dei servizi alla persona).  Resta forte il calo di edilizia e costruzioni legato anche alla mancanza di piani strutturali e urbanistici per la crescita futura del distretto, che bloccano gli investimenti delle imprese”
Trend è l’indagine congiunturale semestrale realizzata da Cna Toscana in collaborazione con Istat e Local Global, con cui vengono analizzati i dati della contabilità di migliaia di imprese artigiane della regione. In particolare a Prato l’indagine ha interessato un campione di 500 imprese di cui Cna tiene la contabilità e sono stati monitorati i principali indicatori economici di bilancio come risultanti dalle registrazioni contabili.
I dati contabili al momento disponibili sono relativi al primo semestre 2010, ma l’analisi consente di tracciare il profilo della crisi sul sistema artigiano toscano nella sua recente evoluzione.

I commenti sono chiusi.