Polizia superindaffarata con le multe antiprostituzione: sanzionate ben 9 donne. In viale Cervi litigio tra “lucciole” per accaparrarsi il posto migliore

Tra il pomeriggio e la notte di ieri le Volanti hanno multato ben nove prostitute, per un totale di 3.600 euro di sanzioni elevate sulla base dell’ordinanza del Comune che vieta l’esercizio della prostituzione sulle strade. Gli interventi sono stati fatti in tre diversi momenti. Il primo intorno alle 17 quando alcuni passanti hanno chiesto l’intervento della polizia per tre donne cinesi che stavano chiaramente prostituendosi in piazza Europa, incuranti del fatto di trovarsi in pieno giorno e in mezzo al via vai della gente. I poliziotti, intervenuti con una Volante, hanno subito individuato le tre orientali: si trattava di una 41enne, una 44enne e una donna di 51 anni. Le tre, sia per atteggiamento e abbigliamento sia per l’alto numero di preservativi che avevano con sé, sono state poi multate di 400 euro a testa. La più giovane, inoltre, è risultata essere clandestina e già espulsa, pertanto è stata denunciata.
Nella tarda serata, verso le 23.40, nuovo intervento della Volante. Stavolta a richiederlo è stata un 26enne rumena che, insieme ad una “collega” albanese di 23 anni, aveva avuto un diverbio con altre due rumene  di 20 e 25 anni. Lite legata alla disputa delle migliori zone di stazionamento in viale Fratelli Cervi. Gli agenti, una volta arrivati, hanno trovato la 26enne con sul volto evidenti i segni delle percosse inflitte dalle altre due ragazze. Tutte e quattro sono state quindi portate in questura e qui multate con la sanzione da 400 euro. La 26enne è poi dovuta ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso. Infine, a mezzanotte e mezzo, ancora una pattuglia della Volante, ha fermato e multato altre due giovani rumene di 20 e 22 anni che si stavano prostituendo sempre in viale Fratelli Cervi.

5 pensieri su “Polizia superindaffarata con le multe antiprostituzione: sanzionate ben 9 donne. In viale Cervi litigio tra “lucciole” per accaparrarsi il posto migliore

  1. Ma dobbiamo prendercela con i disgraziati è ovvio no? Mica con chi va a escort…

  2. In molti comuni multano con 400 o 500 euro prostitute (che non pagano sicuramente) e clienti. Sistemi totalmente inutili per combattere la prostituzione, perchè via una arriva l’altra, dannosi perchè queste povere ragazze vengono anche tolte dalla strada dove forse è l’nico posto dove possono ricevere aiuto da associazioni volontarie che una ad una le contattano girando x le campagne e gli angoli dove si vendono magari forzatamente e contro la loro volontà, e invece utilissimi a far cassa accanendosi su poveri “disgraziati” che cercano un quarto d’ora di calore a pagamento, x soddisfare bisogni fisiologici come lo sono la fame e la sete, e soprattutto senza far del male a nessuno. Poveretti o meno che sono sicura fonte di reddito xchè x vergogna e timore che queste multe vengano recapitate a casa (essendo legate alla targa del veicolo), si precipitano a pagare senza dire una parola. Come sempre gli interventi di facciata sotto sotto sono volti a far cassa in modo sicuro e puntando sulla vergogna, l’umiliazione e la paura di essere andati a puttane ed essere scoperti a casa! In pratica chi vuole scopare xchè non ha o non vuole una donna fissa, ora non è più libero neanche di far quello x paura di giocarsi mezzo stipendio a botta. Ricordo che attualmente in italia non è reato prostituirsi e tantomeno usufruire di tali servizi se intenzionati a farlo.