Affittacamere abusivo in via Luti: poteva ospitare anche 50 persone per un incasso giornaliero di mille euro (a nero)

Quando gli agenti della questura e quelli della polizia municipale hanno fatto irruzione nella casa c’erano ben 21 cinesi stipati nelle nove camere ricavate dalla ristrutturazione dell’immobile. Ma i posti letto complessivi erano ben 50.
E’ un affittacamere completamente abusivo quello scoperto questa mattina, intorno alle 10.30, in via Luti durante un controllo congiunto effettuato dalla  Squadra amministrativa insieme ai vigili urbani che hanno poi messo i sigilli a tutte le stanze usate per l’attività illegale. La proprietaria della casa è una cittadina cinese che chiedeva 20 euro al giorno ai suoi ospiti. In pratica un potenziale guadagno di mille euro al giorno, tutto al nero naturalmente. Tra l’altro tre dei cinesi identificati nella casa sono risultati clandestini e questo è costato alla proprietaria una denuncia per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Su altri tre cinesi sono in corso gli accertamenti per stabilire il loro status di permanenza in Italia.  Il controllo è scattato dopo una serie di segnalazione che indicavano un continuo via vai di persone dall’appartamento.

2 pensieri su “Affittacamere abusivo in via Luti: poteva ospitare anche 50 persone per un incasso giornaliero di mille euro (a nero)

  1. Ma cosa credono i cinesil, di essere furbi? Pensavano forse di passare inosservati? Io mi domando come sia possibile che Prato sia stata ridotta in queste condizioni da sta gente qua…

  2. i cinesi si stanno espandendo anche nel settore albergiero. L’Hotel Pecci sta tremando..