Rugby, i Cavalieri chiudono la regular season espugnando L’Aquila: ora le semifinali per lo scudetto

I Cavalieri chiudono la stagione regolare violando il Fattori e imponendosi per 22 a 20 sui padroni di casa  de L’Aquila Rugby, nell’ultima giornata della stagione regolare. Nonostante le tante assenze e l’ampio turnover i tuttineri riescono a vincere, segnando quattro mete e chiudendo nel migliore dei modi una fantastica regular season che li ha visti concludere al secondo posto.
Al Fattori buon avvio di partita dei Cavalieri che nonostante un organico tutto rinnovato, e un XV inedito, partono bene e trovano la via della meta con Vezzosi al 17′. La reazione dei padroni di casa porta ai punti al piede messi a segno da Paolucci al 20′ e al 29′ che così ribalta la situazione. Lo stesso Paolucci realizza la meta (e la trasformazione) che permette agli abruzzesi di allungare per il primo strappo. In svantaggio per 13-5 i lanieri trovano nel finale di tempo la reazione che permette loro di andare a segno con la galoppata solitaria di Cristiano. Chiesa, da posizione angolata e con un pizzico di fortuna trova la via dei pali per il 13-12 aquilano con cui si conclude la prima frazione di gioco.
Nella ripresa pronti via i Cavalieri ribaltano la situazione con la meta di Rodwell, tra i migliori in campo nei Cavalieri. L’Aquila reagisce e con la meta del suo capitano Zaffiri, trasformata da Paolucci, ribalta ancora una volta il punteggio di una partita rimasta sempre in bilico, riportando i padroni di casa in vantaggio 20 a 17. De Rossi e Gaetaniello da una parte, Di Marco dall’altra danno ampio spazio alle rispettive panchine.  Cavalieri definitivamente avanti al 30′ grazie alla meta di Chiesa, che riporta sul 22 a 20 i tuttineri. L’Aquila ci prova fino alla fine sbaglia due penalty al 35′ e al 39′ con Paolucci, ma il risultato non cambia. I tuttineri pratesi chiudono così la stagione regolare violando, per 22 a 20 il Tommaso Fattori di L’Aquila. Tra due settimane al Plebiscito di Padova l’andata di semifinale contro il Petrarca.

I commenti sono chiusi.