Nasconde in cantina più di un etto di cocaina, in manette un albanese di 26 anni dopo il blitz della polizia

Blitz della polizia in una casa di via Rubicone, a Chiesanuova, sospettata di essere base di una fiorente attività di spaccio di cocaina. I poliziotti, intervenuti  con due pattuglie delle Volanti, sono entrati in azione verso le 2 della notte appena trascorsa. La casa era abitata da un albanese di 26 anni che ha cercato in tutti i modi di disfarsi dello stupefacente, quando ha sentito arrivare gli agenti. Nel bagno, infatti, è stato trovato un involucro di cellophane con tracce evidenti di cocaina, che probabilmente era stata gettata nel water. Addosso all’albanese, poi, è stata trovata una dose da 0,77 grammi. I poliziotti, però, hanno deciso di andare a fondo estendendo la perquisizione al resto della casa. Quando hanno chiesto all’albanese le chiavi della cantina, questi ha negato di avere una cantina a propria disposizione. Gli agenti non si sono fidati e, in piena notte, hanno chiamato al telefono il proprietario dell’immobile, che ha confermato la prsenza di una cantinetta affittata all’albanese insieme all’appartamento. E quando i poliziotti hanno controllato il vano nel seminterrato, è risultato chiaro perché l’albanese avesse provato in tutti i modi a sviare le indagini: all’interno di una valigia, infatti, c’era un’altra dose da quasi un grammo ma, soprattutto, un mattocicno di cocaina da più di un etto, per l’esattezza 101,70 grammi. A quel punto l’albanese è stato arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Sequestrata la droga e anche la somma di mille euro rinvenuta in casa e ritenuta provento dell’attività di spaccio. In casa con il 26enne vivevano la moglie e la figlioletta di pochi mesi.

2 pensieri su “Nasconde in cantina più di un etto di cocaina, in manette un albanese di 26 anni dopo il blitz della polizia