Montemurlo, l’impianto di pubblica illuminazione sarà eco-sostenibile: ogni anno risparmiati 50mila euro nella bolletta

Montemurlo comune sempre più verde ed eco-sostenibile. Continuano le scelte dell’amministrazione verso una gestione del territorio che favorisce l’utilizzo delle energie rinnovabili. Dopo aver inaugurato venerdì scorso il primo edificio d’edilizia sociale ad alta efficienza energetica della provincia in via Lamarmora e aver annunciato la sostituzione di oltre 60 mila metri di tetti in amianto nella zona industriale di Oste per convertirli al fotovoltaico, la giunta montemurlese ha approvato nei giorni scorsi il secondo lotto del progetto definitivo per la messa a norma dell’impianto di pubblica illuminazione. Per la verità l’intervento era inserito nel piano delle opere pubbliche 2012, ma l’approvazione è stata anticipata per permettere al Comune di poter concorrere a un bando di finanziamento regionale per incentivare l’efficienza energetica degli enti locali.
Il progetto, redatto insieme a Consiag Servizi, è molto consistente e prevede lavori per oltre 274 mila euro, che potrebbero essere finanziati al 70% se la Regione accorderà la richiesta di finanziamento. Una cifra che, però, non spaventa l’assessore ai lavori pubblici Simone Calamai, che sottolinea: ”In ogni caso questo intervento si ripagherà da solo nel giro di cinque anni, infatti, grazie alla sostituzione delle lampade e dei quadri elettrici ogni anno il Comune risparmierà 50 mila euro sulla bolletta della pubblica illuminazione”.
Nel dettaglio il progetto prevede la sostituzione di 339 lampioni alimentati con lampade a vapori di mercurio nella zona industriale con luci al sodio ad alta pressione, e l’adeguamento di quattordici quadri elettrici con l’installazione di regolatori di flusso, che non erano rientrati nel primo lotto di lavori. L’amministrazione, infatti, in una prima fase aveva scelto di adeguare tutta l’illuminazione nella zona residenziale, mentre adesso si concentrerà sulla zona industriale. Questi interventi oltre a far bene alle casse comunali, permetteranno di risparmiare 73 tonnellate di petrolio e 272 tonnellate di anidride carbonica immessa in atmosfera: l’efficienza così ottenuta è pari, infatti, al fabbisogno energetico di 350 abitazioni. “L’investimento sul miglioramento dell’efficienza energetica della nostra rete d’illuminazione pubblica garantisce vari benefici- conclude Calamai- innanzitutto riusciamo a ridurre le emissioni inquinanti a tutto vantaggio dell’ambiente, diminuiamo i costi a carico delle casse comunali e quindi dei cittadini, otteniamo una migliore illuminazione con la riduzione dell’inquinamento luminoso e il miglioramento della sicurezza sulle strade della zona industriale.”

Un pensiero su “Montemurlo, l’impianto di pubblica illuminazione sarà eco-sostenibile: ogni anno risparmiati 50mila euro nella bolletta

  1. si rifanno prima il cappello e poi vanno a giro con le acarpe rotte. invece di rifare prima i cavi di 50 anni fa pensano alle cose “che si vedono”