Rugby giovanile, l’Under 10 del Gispi conquista a Roma il prestigioso trofeo Brucato. Bene anche le altre formazioni “gispolotte”

Trionfo a Roma per il Gispi Rugby Prato under 10. I piccoli atleti in maglia verde riportano il trofeo “Brucato” in bacheca dopo molti anni di digiuno, vincendo meritatamente la competizione organizzata dall’U.S. Primavera rugby. Si tratta di un successo di prestigio, perchè il torneo dedicato alla memoria di Peppe Brucato (ex giocatore della rugby Roma e grande educatore di intere generazioni di rugbisti) è uno degli appuntamenti più importanti del rugby giovanile italiano, nonchè kermesse di alto livello tecnico. Gli under 10 di Pagliai e Ciuoffo non hanno lasciato spazio a nessun avversario, dominando il girone eliminatorio del sabato e concludendo con una finale magistrale vinta di fronte a Parma per due mete a zero. Adesso, dopo aver conquistato cinque tornei nazionali e un terzo posto al Torneo Topolino, i “gispolotti” puntano a chiudere in bellezza la stagione negli ultimi due impegni di Fiorenzuola e Firenze.
Il week end ha regalato soddisfazioni anche per le altre categorie; gli under 12 impegnati a Roma si accontentano di una nona posizione che non rende merito alle prestazioni viste in campo, questo perchè il regolamento dei tornei juniores è spietato, un solo pareggio e la vittoria finale è compromessa. Da Roma a Modena cambia il campo di gioco, ma i risultati continuano a sorridere al Gispi. In terra emiliana i “sottopuffi” under 8 si fermano in finale e conquistano uno splendido secondo posto, così come soddisfa la settima piazza della under 10 composta esclusivamente da bambini nati nel 2002, ovvero di un anno più piccoli. La società è orgogliosa anche del sesto posto under 12, che arriva grazie ad una squadra composta da ragazzi provenienti dagli enti scolastici in maggioranza esordienti assoluti.  Infine continuano i miglioramenti per gli under 14 di Guerzoni e Pagnini che strappano una sesta posizione al Torneo Internazionale di San Donà. Il confronto con le forti realtà venete ha soddisfatto pienamente i tecnici responsabili di categoria.

I commenti sono chiusi.